Conferenza stampa Garcia: "Più ci daranno fastidio, più lotteremo" | Noi siamo la Roma

Slider[Style1]

Style2

Style3[OneLeft]

Style3[OneRight]

Style4

Style5

Consueta conferenza stampa di vigilia per il tecnico della Roma, Rudi Garcia, che incontra i giornalisti a Trigoria in vista del match di campionato contro il Milan in programma domani sera allo stadio Olimpico.

Ecco le sue parole:

Sono passati 5 giorni dalla partita di Genova: cosa è successo nel tunnel?
"C'era una persona che non conosco ancora, che sembra essere uno steward. Prima gli ho dato una bastonata sul ginocchio, poi ho preso la pistola e gli ho sparato sul piede. Ascoltatemi bene: più ci daranno fastidio, più lotteremo. Più sarà difficile, più attaccheremo. Capitolo chiuso".

Questa settimana si è parlato poco del Milan. Il pericolo è che il Milan se la giocherà a viso aperto?
"Il Milan è forte, ma è l'ultima in casa e faremo di tutto per conquistare i 3 punti."

Il Milan è già consolidato. E' questa la differenza degli 11 punti in classifica?
"Il Milan è sempre una grande squadra. Noi abbiamo dimostrato di avere un gran gioco anche se dobbiamo migliorare in fase realizzativa. Domani dobbiamo dare tutto quello che abbiamo. Vogliamo i 3 punti."

Se dovesse essere confermata la squalifica di Holebas, punta su Cole o altro?
"Aspettiamo questo pomeriggio per verificare. Sono tranquillo perchè ho molte soluzioni, ho fiducia in qualsiasi giocatore, ho fiducia in qualsiasi giocatore."

Può essere la mancanza dell'Europa a restituirti una squadra più concentrata?
"C'è stata questa frustazione contro il City,  i giocatori sono stati bravi a rimanere concentrati solo sul Genoa. La partita è stata gestita bene, anche se doveva finire con 2 o più gol di scarto. Ora bisogna tenere lo stesso attegiamento contro il Milan."

Vorrei sapere se è vero che si sente accerchiato e da chi? Lei conosce bene Menez. Può essere l'arma in più?
"La prima domanda non rispondo. Non c'entra niente con lo sport. Menez è un giocatore francese e di talento. Ha delle giocate incredibili è imprevedibile. Quando prende il pallone fa sempre cose buone. Noi dobbiamo essere bravi a marcarlo bene per metterlo in diffiicolta."

Si è parlato del gesto del Genoa. c'è anche stato il gesto di Strootman però. visti i biglietti nominativi. La stupisce questa cosa?
"Siamo lontani dalla sicurezza. Ci siamo sentiti in pericolo e questo non va bene i primi che vanno protetti sono gli arbitri e i giocatori di quello che succede."

Che idea si è fatto dell'Italia?
"L'italia è bellissima, non bisogna fare paragoni con quello che succede in campo e fuori, anche in Francia è la stessa cosa. Ci sono delle cose da migliorare ma non è il mio compito anche se a volte le regole devono essere migliorati o rispettate ad esempio essere stato squalificato solo per sentito dire è inaccettabile."

Lei prima ha parlato di attacchi. Cosa pensa delle parole di Allegri e Nedved?
"Non ho sentito e non so se è giusto. A me non interessa. Io parlo solo di campo. Domani c'è il Milan e chiedo solo concetrazione."

Si appresta a festeggiare il secondo Natale e sembra un po' arrabbiato. Lei ha la stessa speranza dell'anno scorso di vincere?
"Assolutamente si. Siamo secondi in classifica, faremo di tutto per essere a meno uno domani, abbiamo 3 competizioni da giocare. La competizione più importante è il campionato anche perchè è la strada più corta per andare in Champions. Vogliamo uscire dalla quarta urna e dobbiamo far bene con l'Europa Leauge."

In questi due anni di Roma ha l'idea che la Roma sia trattata male?
"Mi sembra che il Baldissoni si sia espresso. Io non dico altro."





«
Next
Post più recente
»
Previous
Post più vecchio

Nessun commento:

Post a Comment


Top