febbraio 2015 | Noi siamo la Roma

Slider[Style1]

Style2

Style3[OneLeft]

Style3[OneRight]

Style4

Style5

Iniziata la preparazione in vista della Juve: Personalizzato per Doumbia!

La Roma di Rudi Garcia, dopo aver svolto la seduta defaticante a Rotterdam, è tornata ad allenarsi questo pomeriggio a Trigoria in vista dello scontro diretto con la Juventus in programma lunedì sera allo stadio Olimpico.

Personalizzato per Doumbia, che contro il Feyenoord è finito in tribuna per problemi alla schiena, mentre si sono allenati a parte Iturbe, Castan, Maicon e Ibarbo. Fisioterapia invece per Strootman.





La Roma si inserisce per Zappacosta!

Roma e Juve si sfidano non solo sul campo ma anche sul mercato. Secondo alcune indiscrezioni, infatti, i giallorossi si sarebbero inseriti nella trattativa tra i bianconeri e l'Atalanta per il terzino destro Zappacosta, molto apprezzato da Rudi Garcia, che troverebbe a giugno un sostituto di Maicon. 





Garcia: "Grande vantaggio giocare il ritorno in casa"

Il tecnico giallorosso Rudi Garcia è intervenuto ai microfoni di Roma Radio, pronunciandosi sul sorteggio di Nyon che ha decretato la Fiorentina come prossima avversaria d'Europa League.

Sarà Fiorentina-Roma...
"Il sorteggio non lo decidiamo noi, ma devo dire che fa meno "Europa" questo sorteggio tra italiane. Il vantaggio è che la trasferta non sarà lunga, e poi le due squadre si conoscono bene".

E' un vantaggio il ritorno in casa?
"Sì, ma abbiamo dimostrato che anche in trasferta possiamo giocarcela, proprio come abbiamo fatto ieri contro il Feyenoord. Certo, sarà un grande vantaggio giocare il ritorno davanti ai nostri tifosi".





Sorteggio Europa League: Sarà derby con la Fiorentina agli ottavi!

Non è stata benevola l'urna di Nyon per le squadre italiane nel sorteggio degli ottavi di finale di Europa League.

I giallorossi, dopo aver sconfitto il Feyenoord per 2-1, al De Kuip di Rotterdam, pesca negli ottavi di finale la Fiorentina di Vincenzo Montella, che ha ha già fatto fuori la squadra di Garcia nei quarti di finale di Coppa Italia.

La gara di andata verrà giocata al Franchi di Firenze giovedì 12 marzo, e gara di ritorno allo stadio Olimpico una settimana dopo, con orari ancora da stabilire.


Ecco gli accoppiamenti degli ottavi di finale di Europa League, estratti oggi a Nyon:

Fiorentina-ROMA.
Brugge-Besiktas.
Napoli-Dynamo Mosca.
Villareal-Siviglia.
Wolfsburg-Inter.
Zenit-Torino.
Dnipro-Ajax.
Everton-Dynamo Kiev.

Gare d'andata il 12 marzo, gare di ritorno il 19 marzo a campi invertiti.





Garcia: "Soddisfatto dell'atteggiamento". De Rossi: "Può essere la svolta". Gervinho: "Avevamo bisogno di questa vittoria"

Arrivano puntuali a termine del match le dichiarazioni dei giocatori giallorossi dopo la bella vittoria al De Kuip di Rotterdam contro il Feyenoord per 2-1 con cui i giallorossi si sono qualificati per gli ottavi di finale.

A parlare nel post-partita sono il tecnico giallorosso Rudi Garcia e Daniele De Rossi.

Ecco le loro dichiarazioni:

RUDI GARCIA A MEDIASET PREMIUM 

Vittoria sofferta, svolta?
"Vediamo, adesso dobbiamo concentrarci sul campionato, parliamo solo di questa gara. Sono soddisfatto dell'atteggiamento, abbiamo deciso per un pressing alto. Era possibile segnare anche prima, ma a parte la sosta dovuta perché abbiamo ricevuto troppe cose dalle tribune, ci potevamo aprire un negozio, ritengo che abbiamo vinto contro una buona squadra a cui questa sera non abbiamo lasciato costruire gioco".

Su Roma-Juve.
"Non è momento di parlarne di Scudetto, di mezzo c'è la gara contro la Juve, sappiamo che sarà difficile. Oggi era difficile vincere, l'abbiamo fatto trovando il gioco della Roma, secondo me era possibile segnare prima. I ragazzi hanno dato tutto, come sempre, ma oggi c'è stata una voglia collettiva molto importante".

Avete sofferto troppo in superiorità numerica?
"Sì abbiamo pareggiato subito dopo la sosta, siamo stati bravi ad attaccare e segnare il secondo gol. Ammetto, era da un po' che non vincevamo, è anche umano andare un po' indietro. Ora dobbiamo trovare continuità, i ragazzi hanno dimostrato di non aver dimenticato il gioco, ora bisogna continuare su questa strada".


RUDI GARCIA A ROMA TV

Oggi avete vinto di gruppo, tutti insieme...
"Sì, un atteggiamento da squadra, come era necessario fare stasera. Non è un campo facile ma abbiamo fatto un ottimo primo tempo. Potevamo segnare prima, ma il gol è arrivato meritatamente alla fine con Ljajic. L'unica cosa è che dopo la sosta, che era dovuta, decisa dall'arbitro, siamo rimasti nello spogliatoio. Ora possiamo aprire un negozio con tutte le cose che ci hanno lanciato. Abbiamo preso questo gol, ma siamo stati bravi a segnare di nuovo con Gervinho. Peccato che non sia arrivato il terzo gol, perché i ragazzi lo meritavano".

Le esultanze nei due gol sono state molto belle: questo è un gruppo molto affiatato...
"Sì, io sono tranquillo da inizio stagione perché li vedo da inizio stagione e so quello che possono fare. Oggi hanno dato una bella risposta, che deve venire sempre e solo dal campo".

5 italiane su 5 agli ottavi...
"Sì, è molto importante per i punti Uefa. E' una buona notizia. Quella meno buona è che oggi i nostri tifosi sono stati gestiti in modo un po' particolare prima di arrivare a Rotterdam".

Questa vittoria va a loro?
"So che abbiamo parlato di questa cosa, anche alcuni giocatori lo hanno pensato, dopo quello che è successo a Roma, che è un nostro patrimonio. Quello che è successo oggi non è calcio: il calcio deve essere solo una festa. Noi andiamo avanti a testa alta su questo punto".

Il segreto era quello di pressare molto alto il Feyenoord?
"Sì, ovviamente. Era previsto che non li lasciassimo costruire e per ottenere questo obiettivo bisognava fare pressing alto e lasciarli giocare solo lungo. Abbiamo anche rubato tanti palloni, per questo dico che era anche possibile segnare prima. I ragazzi ci hanno messo tutto, questa è la strada giusta da seguire".

L'impressione è stata che stavolta la Roma finalmente abbia retto per 90'... Si può dire che la crisi è in via di superamento?
"La risposta viene sempre e solo dal campo. Oggi i ragazzi hanno dimostrato una grande condizione fisica, avevamo giocato anche quattro giorni fa in trasferta. La condizione fisica buona non arriva da un giorno all'altro. Stanno tornando alcuni giocatori, come Iturbe e Torosidis, ora aspettiamo gli altri. Così siamo più forti perché ho maggiori scelte e poi loro hanno la qualità e l'atteggiamento per fare la differenza".



DE ROSSI A MEDIASET PREMIUM 

Vittoria importantissima.
"Allucinante prendere gol in 11 contro 10, il break ci ha raffreddato in tutti i sensi. Poi però siamo stati bravi, lo siamo stati fin dall'inizio, il palleggio del Feyenoord dell'Olimpico non si è visto e abbiamo meritato pienamente".

Svolta di una stagione?
"Si sicuramente, era decisiva, rimanere attaccati alle due competizioni è fondamentale. Vogliamo andare avanti in questa Europa League, poi la Coppa Uefa mi ricorda le cose più belle che ho vissuto con la Roma".

Ora Roma-Juve.
"Partita importantissima, ci serve una vittoria per riaprire forse per un pizzico il campionato".‏



GERVINHO A ROMA TV

Felici e contenti per questa qualificazione
"Importante per la squadra, avevamo bisogno di vincere questa partita. Dovevamo vincere prima per noi e poi per i tifosi".

Quando hai segnato hai corso verso i tifosi...
"Li avevo davanti... (ride, ndr). E' stato un gesto spontaneo. Ma loro sono importanti per noi, ci sono quando vinciamo e quando non vinciamo. Questa qualificazione ha fatto bene alla squadra, in vista della Juve. Grazie a tutti, abbiamo fatto bene oggi".

Il tuo segreto è la felicità con cui giochi?
"Non ho solo la felicità ma anche l'aituo dei compagni, grazie a lui ho giocato bene e segnato".

Un ringraziamento a Torosidis?
"Ha giocato bene, oggi ha realizzato due assist. E' un giocatore importante. Speriamo faccia altri 2 assist lunedì". (ride, ndr)

Doumbia?
"Non è facile per lui: è arrivato dal CSKA e da un campionato difficile diverso da quello italiano, gli serve ancora tempo. E per di più è arrivato stanco dopo le fatiche della Coppa d'Africa. Ma penso sia un buon giocatore, il mister e Sabatini non si sono sbagliati su di lui. Nel giro di due partite tornerà e segnerà molti gol per la Roma".

Così Torosidis farà assist per Gervinho e Doumbia...
"E anche per Francesco!". (ride, ndr)





Feyenoord-Roma: Le pagelle

Arrivano come di consueto a fine match le pagelle dei giallorossi dopo la bella ed importante vittoria a Rotterdam contro il Feyenoord per 2-1 con il quale i giallorossi approdano agli ottavi di finale.

Ljajic e Gervinho i migliori in campo, oltre ai loro gol, Pjanic ritorna sui suoi livelli con un gran primo tempo.




Ecco le pagelle dei giallorossi:

Skorupski 6
Torosidis 6
Manolas 6,5
Yanga-Mbiwa 6
Holebas 6,5
Pjanic 6,5
(74' Nainggolan 6)
De Rossi 6
Keita 6
Ljajic 7
(74' Iturbe 6)
Totti 6,5
Gervinho 7





Come d'incanto... La Roma risorge a Rotterdam e vola agli ottavi di Europa League!

Come d'incanto la Roma di Rudi Garcia risorge nella decisiva e delicata gara di ritorno di Europa League a Rotterdam contro il Feyenoord espugnano dil De Kuip vincendo per 2-1 dopo il pareggio dell'andata per 1-1.

Giallorossi in vantaggio al 47' del primo tempo grazie alla rete di Adem Ljajic ben servito in area da Pjanic.

Nella ripresa la gara viene sospesa per dieci minuti per le intemperanze razziste dei tifosi olandesi, e al 57' il Feyenoord trova la rete del pari grazie a Manu dopo essere rimasto in inferiorità numerica per via dell'espulsione di Te Vrede al 54'. Ma la reazione giallorossa porta alla rete di Gervinho al 60' che riporta in vantaggio gli uomini di Garcia.

Roma che vola così agli ottavi di finale dando un senso a questa strana stagione giallorossa. En plein delle squadre italiane, con tutte e cinque le compagni che approdano al turno successivo.

Domani il sorteggio degli ottavi di finale a Nyon con rischio derby per le squadre italiane.

Ma la cosa più importante è che la Roma è tornata a vincere!





Feyenoord-Roma: Out Nainggolan. Le formazioni ufficiali!

Arrivano a meno di un'ora dal fischio d'inizio le formazioni ufficiali di Feyenoord e Roma che al De Kuip di Rotterdam si affronteranno per la gara di ritorno dei sedicesimi di finale di Europa League.

Rudi Garcia sceglie di tenere a riposo Radja Nainggolan, con Keita che farà compagnia a De Rossi e Pjanic in mezzo al campo. In attacco il tecnico francese lancia il tridente Ljajic-Totti-Gervinho.


Queste le formazioni ufficiali che scenderanno in campo stasera al De Kuip:

ROMA (4-3-3): Skorupski; Torosidis, Manolas, Yanga-Mbiwa, Holebas; Pjanic, De Rossi, Keita; Ljajic, Totti, Gervinho.

FEYENOORD (4-3-3): Vermeer; Karsdorp, Boulahrouz, Kongolo, Nelom; Clasie, Van Beek, El Ahmadi; Toornstra, Kazim-Richards, Vilhena.

Diretta tv Premium Calcio e Canale 5 ore 21.05.





Roma-Juventus a Orsato!

Sarà Daniele Orsato, dalla sezione di Schio, a dirigere il big-match in programma lunedì prossimo allo stadio Olimpico tra Roma e Juventus, valido per la venticinquesima giornata del campionato  di Serie A.

Orsato sarà coadiuvato dagli assistenti Tonolini e Manganelli, dal quarto uomo Nicoletti, e dagli addizionali Tagliavento e Banti.





Stasera a Rotterdam per salvare la stagione: Le probabili formazioni di Feyenoord-Roma!

La Roma di Rudi Garcia è chiamata questa sera a salvare una stagione divenuta fallimentare dopo i deludenti risultati in Campionato e in Coppa Italia. C'è, come detto da salvare una stagione e, l'Europa League, può essere un vero e proprio riscatto per i giallorossi, fuori ormai dai giochi scudetto.

Questa sera a Rotterdam la formazione capitolina scenderà in campo contro il Feyenoord nel ritorno dei sedicesimi di finale. Il risultato dell'andata non è fra i più positivi: all'Olimpico gli olandesi di Fred Rutten bloccarono la compagine di Rudi Garcia sull'1-1. A Totti e compagni, per accedere al tabellone degli ottavi di finale, servirà una vittoria o un pareggio con più di due gol realizzati. Il cammino della Roma non è stato molto convincente: nelle ultime otto partite fra campionato ed Europa i tifosi giallorossi hanno festeggiato la vittoria soltanto in un'occasione, a Cagliari, mentre nelle altre sette sfide sono arrivati altrettanti pareggi.

FEYENOORD - Il tecnico Fred Rutten dovrà fare a meno di Wilkshire e Immers, entrambi diffidati e ammoniti nella sfida di andata e dunque entrati in squalifica. Sull'out di destra dunque dovrebbe esserci Karsdorp, mentre a sinistra ci sarà Nelom con Boulahrouz e Kongolo a completare il pacchetto arretrato davanti a Vermeer. A centrocampo giocheranno Clasie, Vilhena e El Ahmadi, mentre il tridente d'attacco sarà composto da Toornstra, Kazim-Richards e Boetius.

ROMA - Rudi Garcia dovrebbe essere intenzionato a schierare la formazione migliore. In porta dunque spazio a De Sancitis, mentre in difesa agiranno Torosidis sull'out di destra e Holebas a sinistra. Al centro della difesa invece giocherà la coppia composta da Manolas e Yanga-Mbiwa. In cabina di regia ci sarà De Rossi coadiuvato da Nainggolan a destra e Pjanic a sinistra. Francesco Totti guiderà infine l'attacco giallorosso mentre sugli esterni ci saranno Ljajic e Gervinho.


Queste le probabili formazioni che scenderanno in campo questa sera al De Kuip: 

FEYENOORD (4-3-3): Vermeer; Karsdorp, Boulahrouz, Kongolo, Nelom; Clasie, Vilhena, El Ahmadi; Toornstra, Kazim-Richards, Boetius . Allenatore: Fred Rutten.

ROMA (4-3-3): De Sanctis; Torosidis, Manolas, Y.Mbiwa, Holebas; Nainggolan, De Rossi, Pjanic; Ljajic, Totti, Gervinho . Allenatore: Rudi Garcia.

Diretta tv Premium Calcio e Canale 5 ore 21.05.





Rifinitura al De Kuip per i giallorossi!

Al termine della conferenza stampa del tecnico Rudi Garcia e del Capitano Francesco Totti, i giallorossi sono scesi in campo per effettuare la rifinitura sul terreno dello stadio De Kuip, in vista della delicata sfida di domani contro gli olandesi del Feyenoord valevole per la gara di ritorno dei sedicesimi di finale di Europa League.

In campo sono scesi anche Iturbe e Florenzi che, probabilmente, partiranno dalla panchina visti i recenti problemi fisici.





Conferenza stampa: Garcia "Vogliamo la qualificazione". Totti "Può essere la partita della svolta"

Consueta conferenza stampa alla vigilia della delicata sfida di ritorno dei sedicesimi di finale di Europa League contro il Feyenoord, dove Rudi Garcia e Francesco Totti incontrano i giornalisti per parlare della gara contro gli olandesi, prima della seduta di rifinitura.

Ecco le loro dichiarazioni:

GARCIA

Partita fondamentale, anche pensando alla stagione: l'Europa League è importante. Come se la sente? 
"C'è grande voglia di qualificarci, siamo qui per questo. Abbiamo pareggiato 1-1, dobbiamo segnare per qualificarci. Il Feyenoord ha qualità tecnica, riparte con rilanci corti, ma abbiamo anche avuto abbastanza occasioni all'andata. Domani dobbiamo essere ambizioni"

Pensando all'opera di Erasmo, L'"Elogio della Follia", non crede che alla Roma serva un pizzico di follia?
"Può essere. Una squadra che vuole vincere deve prendere dei rischi, se questo significa avere un po' di follia, allora dobbiamo mostrarla"

A Verona la Roma ha avuto il 76% di possesso palla. Lei pensa che da questo dato si possa partire per migliorare?
"Il possesso palla deve portare a segnare dei gol. A Verona era possibile essere più efficaci, ma è anche vero che abbiamo pareggiato con una sola occasione dell'avversario. Il calcio è così. Ma domani se abbiamo l'opportunità dobbiamo colpire"

Se domani le cose andranno bene, la Roma potrebbe ripartira anche psicologicamente?
"Sappiamo che in queste ultime gare con troppi pareggi abbiamo vinto poco, quasi mai. Ci sono solo le vittorie che possono mostrare il lavoro che i ragazzi fanno tutti i giorni: loro non hanno mai cambiato atteggiamento. C'è solo questo da fare: lavorare ancora di più e vincere sul campo"

Rispetto alla Roma più brillante, la squadra di oggi sia un pochino più lunga in campo: è una questione di mancanza di brillantezza?
"Dipende dalle partite. L'allenatore vuole sempre una squadra compatta, ma per tutto gennaio abbiamo dovuto sempre recuperare il risultato e su questo punto non ho mai visto una squadra lunga. In alcuni momenti delle ultime gare eravamo avanti, dobbiamo migliorare, ma la necessità di proteggere il risultato a volte ti porta a schiacciarti"

Florenzi prima dell'andata aveva parlato di Roma affamata. DOmani servirà qualcosa in più?
"Dovremo avere la stessa voglia di giovedì scorso e speriamo di non avere episodi sfavorevoli, perché abbiamo subìto il pareggio in fuorigioco. Abbiamo avuto occasione di vincere l'andata. Domani è una partita secca, ma sono tranquillo sulla base dei miei giocatori, che è la voglia: loro ce l'hanno sempre. Florenzi e Iturbe? Valuteremo all'ultimo momento se sono a posto o no"



TOTTI

15 anni fa hai giocato qui la finale di un Europeo. Che sensazione ti fa tornare a Rotterdam?
"Mentre venivamo in macchina lo raccontavo al mister. Purtroppo non è un bel ricordo, anche se giocare una finale in un Europeo fa sempre piacere. Sono passati tanti anni, ma spero che domani possiamo uscire con un risultato ben diverso".

Come commenti la frase di Toni sul ruolo di centravanti nella Roma ("Se c'è un centravanti bene, sennò gioca Totti")?
"Penso che sia stata una battuta, è un detto che gira a Roma che se ci sto io non può arrivare nessun altro. Non dipende da me se gioco o no, magari arrivasse un altro Batistuta. Io mi alleno per mettere in difficoltà il mister con le scelte, ma ben vengano altri giocatori di quel livello".

Ti sei sempre divertito a giocare a calcio. Ti diverti ancora in questo calcio che cercano di rendere "brutto"?
"Io mi diverto sul campo, le immagini esterne sono brutte per tutti. Per me dovrebbero fare come sta succedendo in Grecia, prendendo seri provvedimenti ma purtroppo in Italia non succederà mai nulla del genere".

Può essere la partita della svolta?
"Dico le stesse cose del mister. Si, può essere una svolta in tutti i sensi. Affronteremo anche la Juventus in maniera diversa, può cambiare la stagione. Un giocatore cambia mentalità con una vittoria e la partita di domani può condizionare il resto della stagione".

Ti sei lamentato l'altra volta per la sostituzione prima del calcio d'angolo? Volevi stare ancora in campo?
"Stavo bene, istintivamente mi sentivo un po' Toni e volevo segnare di testa (ride, ndr). Ma non c'è nessun caso, sono uscito e la decisione spetta al mister".

Sei sempre molto spiritoso: se potessi vincere una partita tra quella domani o quella di lunedì, quale preferiresti?
"Quella di domani".

Cosa ha significato per lei la figura di Boskov?
"Una grande persona e un grande allenatore, mi ha fatto esordire in serie A. Ha contribuito alla bellissima carriera che ho fatto e lo ringrazierò sempre".

Ritorno sulla domanda che ti hanno fatto prima: preferisci vincere domani o lunedì?
"Domani con il Feyenoord. Se vinco domani, vinco pure lunedì ma non mi piacciono i 'se' ".





I convocati per Rotterdam: Torna Iturbe! C'è anche Florenzi!

Il tecnico giallorosso Rudi Garcia ha diramato ieri in serata la lista dei convocati per la sfida contro il Feyenoord in programma domani sera a Rotterdam.

Torna a disposizione Juan Manuel Iturbe che viene regolarmente convocato insieme ai compagni di squadra.

Nella lista c'è anche Florenzi che, anche se non ha ancora recuperato dall'infortunio, ha chiesto ugualmente di prendere parte alla trasferta per stare vicino ai propri compagni.

Oggi, infine, la consueta seduta di rifinitura in terra olandese, che precederà la classica conferenza stampa di vigilia.


Ecco la lista completa dei convocati dal tecnico giallorosso Rudi Garcia:

ASTORI
CHOLEVAS
COLE
CURCI
DE ROSSI
DE SANCTIS
DOUMBIA   
FLORENZI
GERVINHO
ITURBE
KEITA
LJAJIC
MANOLAS
MAPOU
NAINGGOLAN
PAREDES
PJANIC     
SKORUPSKI
SPOLLI
TOROSIDIS
TOTTI
UÇAN
VERDE





Florenzi a parte, Iturbe torna in gruppo!

Prosegue la preparazione dei giallorossi in vista della delicata trasferta di Rotterdam dove gli uomini di Rudi Garcia affronteranno il Feyenoord nella gara valida per il ritorno dei sedicesimi di finale di Europa League.

I giallorossi sono scesi sul campo del centro sportivo di Trigoria per la seduta antecedente alla rifinitura: lavoro atletico per la squadra ed esercizi sulle finalizzazioni prima di giocare una partitella. 

Le buone notizie arrivano da Iturbe: l'argentino ha svolto una parte dell'allenamento con la squadra, poi si è dedicato ad un lavoro differenziato. Anche Florenzi è rimasto a parte mentre Maicon continua con la sua attività personalizzata.





Feyenoord-Roma a Turpin

Sarà il francese Clement Turpin a dirigere la sfida di giovedì sera a Rotterdam tra i giallorossi di Rudi Garcia e gli olandesi del Feyenoord, valevole per la gara di ritorno dei sedicesimi di finale di Europa League.





Trauma distorsivo alla caviglia sinistra per Florenzi!

Alessandro Florenzi è in forte dubbio per la trasferta di Rotterdam, il jolly giallorosso è uscito infatti malconcio dalla trasferta di ieri a Verona, dove nel corso del primo tempo è stato costretto a lasciare il campo per un duro intervento di Hallfredsson sulla caviglia.

Nella giornata di oggi ha svolto i controlli di rito che hanno "confermato il trauma distorsivo alla caviglia sinistra con un interessamento capsulo-legamentoso di lieve entità", si legge sul sito della Roma.







Inizia la preparazione in vista di Rotterdam

La Roma di Garcia ha ripreso ad allenarsi stamane iniziare la preparazione in vista della sfida di Europa League con il Feyenoord in programma giovedì sera allo Stadion Feyenoord.

Sono solamente nove i giocatori che hanno preso parte alla seduta di oggi, mentre chi ha giocato ieri ha svolto un allenamento defaticante. Iturbe ha lavorato per recuperare dall'infortunio, fisioterapia e palestra per Ibarbo.





Verona-Roma: Le pagelle

Ecco le pagelle di giallorossi relative all'ennesimo pareggio, questa volta contro il Verona di Mandorlini al Bentegodi, per 1-1, nella ventiquattresima giornata del campionato di Serie A.

Roma bella solo per un tempo, il primo, in cui i giallorossi sono stati costantemente nella metà campo veronese, creando diverse palle gol, e portando un pressing costante che non si vedeva da tempo, per poi calare drasticamente nella ripresa, complice anche l'avanzamento del bacino di pressing del Verona.

Migliore in campo dei giallorossi il maliano Seydou Keita, mentre ancora una volta uno spento Pjanic è stato il peggiore degli uomini di Garcia.

Ecco le pagelle dei giallorossi:

De Sanctis 6
Florenzi 6
Manolas 6
Astori 6
Cole 6
Pjanic 5
Keita 6,5
Nainggolan 6
Ljajic 6
Totti 6
Gervinho 5,5

Torosidis 6,5
Doumbia 5
Verde sv





Garcia: "Manca qualcosa"

Ecco le dichiarazioni post-partita del tecnico giallorosso Rudi Garcia al termine dell'ennesimo pareggio, l'ottavo nelle ultime dieci uscite dei giallorossi, per 1-1 al Bentegodi contro il Verona di Mandorlini.


GARCIA A SKY SPORT

Mezz'ora molto convincente della Roma poi poco di più, soffrendo il ritorno del Verona e faticando a trovare soluzioni: prova insufficiente?
 "Nel primo tempo abbiamo giocato bene ed è stato incredibile tornare negli spogliatoi sull'1-1, hanno pareggiato con una mezza occasione. Come dite voi manca sempre 1 a fare 31. Poi c'è stato l'infortunio di Florenzi. Abbiamo avuto un po' di sfortuna con la traversa e sarebbe stato possibile chiudere la partita nel primo tempo."

Non le sembrava che la squadra soffrisse la corsa e la fisicità del Verona?
"Ricordo che abbiamo giocato 3 giorni fa e nell'ultimo quarto d'ora è normale essere un po' stanchi."

Ha chiesto a Doumbia di rientrare e non fare la punta isolata 
"No, mai chiesta questa cosa, ho detto di rimanere avanti e sfruttare i palloni che gli sarebbero arrivati. Doveva stare in attacco al posto del capitano che era un po' stanco. Doumbia però non ha avuto molto da mettere sotto i denti. Ha bisogno di un gol per avere la fiducia di cui ha bisogno. Buona prestazione della squadra nel primo tempo comunque, meno nel secondo."

Forse avrebbe avuto bisogno di un giocatore più tecnico a centrocampo? Inoltre ho visto andare nello spazio solo Cole, quando l'anno scorso un po' tutti i giocatori volevano andare fino in fondo. 
"Come abbiamo fatto nel primo tempo. Non ho visto la necessità di un giocatore più tecnico per far uscire la palla."

La Roma ha giocato bene nella prima mezz'ora, però ha avuto ancora una volta poche occasioni negli ultimi 16 metri. Inoltre, non subite troppi gol? 
"Sul gol di oggi non posso dire niente, l'unica occasione che hanno avuto è stata nel secondo tempo. I ragazzi hanno dimostrato che quando giochiamo in velocità possiamo dare fastidio a tutte le squadre. Nella ripresa abbiamo fatto degli errori ed è stato possibile per loro fare alcune ripartenze. Abbiamo mancato un po' di lucidità e siamo andati un po' troppo veloci per l'ultimo passaggio."

L'anno scorso, e in parte quest'anno, quando andavate in vantaggio riuscivate a "uccidere" l'avversario. Perché non ce la fate più? 
"Perché dobbiamo sfruttare le occasioni che abbiamo, abbiamo preso una trasversa con Ljajic e avuto delle occasioni con dei tiri nello specchio. Dopo l'1-1 è stato normale che il Verona tornasse tutto in difesa. La partita giocata tre giorni fa forse è stata importante sul piano fisico"

C'è un problema di condizione? Pensa di cambiare metodo di allenamento? 
"Lo ripeto per la terza volta: sì, c'è stato un calo fisico per alcuni giocatori nell'ultimo quarto d'ora perché abbiamo giocato tre giorni fa..."

Però è un problema che perdura da più settimane: dov'è il problema, nella testa o nel fisico? 
"Sono solo tre volte che siamo avanti nel risultato da gennaio, le altre volte quasi sempre eravamo sotto all'intervallo. Non abbiamo mai perso quando siamo andati sotto, quindi non può essere un problema fisico."

L'uscita dal campo di Totti, l'atteggiamento di Florenzi un po' agitato, De Rossi in panchina: c'è qualcosa che va chiarito? 
"Siete abbastanza intelligenti per capire che Florenzi ha lasciato il campo per via della distorsione alla caviglia. Chiedete al Capitano e a De Rossi. Mi auguro che quando qualcuno esce non sia mai felice perché vuole giocare. Il Capitano è uno di questi, sempre nel rispetto delle scelte. Non cercate problemi dove non ci sono, grazie."



GARCIA A MEDIASET

Perché De Rossi in panchina e Totti fuori a metà ripresa?
"Daniele ha iniziato le ultime 2 gare e oggi ha riposato, sul capitano ha giocato bene 65 minuti, ha segnato e dopo ci sono anche tante partite che arrivano quindi bisogna risparmiare energie"

Con Totti però la squadra aveva più certezze. 
"L'ultimo quarto d'ora c'è stato un calo fisico, abbiamo giocato 3 giorni fa in Europa. Io ritengo che la Roma del primo tempo ha giocato un calcio bello ed efficace poi il calcio è crudele perché pareggiare il primo tempo è stato incredibile. In questo momento la sfortuna è dietro di noi"

8 pareggi in 11 partite, solo sfortuna? 
"Ci sono stati un po' di giocatori che hanno giocato sempre, piano piano rientreranno tutti e avremmo una rosa più ampia."

Rifarebbe quella dichiarazione dopo Juve-Roma?
"C'è una partita giovedì a Rotterdam e non c'è nient'altro per ora."

Cosa è successo a Florenzi? 
"E' uscito con una distorsione alla caviglia per un'entrata di un avversario."

Ha chiesto lui di rimanere in campo? 
"Si, per questo parlo di sfortuna, abbiamo preso un mezzo gol quando Florenzi non era più al 100%, in questo momento va così."

Conferma che è importante mantenere il secondo posto ora? 
"Si, non c'è nient'altro da fare, rimanere secondi sarà l'unica cosa da fare, dobbiamo vincere le partite che rimangono e fare di tutto per proteggere il secondo posto, solo così potremmo poi attaccare il primo."

Convinto dello scambio Doumbia-Destro? 
"Lasciate un po' di tempo a Doumbia, lui ha bisogno di lavorare perché si è fermato a inizio dicembre in Russia e poi è andato in Coppa d'Africa, piano piano recupererà, ha bisogno solo di un gol per ritrovare la fiducia."

Aspettandolo non perdete occasioni però? 
"A gennaio abbiamo perso occasioni e punti importanti, ma il campionato rimane ancora lungo. Penso che la strada giusta è il primo tempo che abbiamo giocato, nella ripresa abbiamo avuto poca pazienza, ma solo con la fiducia del primo tempo torneremo alla vittoria."

Non pensa che al momento sia una stagione deludente tra campionato, Coppa Italia e Champions? 
"Fino al 6 gennaio stavamo benissimo, questa cosa di non andare avanti in Champions non è stato un fallimento, il terzo posto nel girone era logico. Ora c'è l'Europa League e dobbiamo vincere per qualificarci e poi chiudere nel migliore dei modi il campionato difendendo il secondo posto."

Questa squadra non è stata rafforzata adeguatamente? 
"Perché parliamo dell'anno scorso? Non è più la stessa rosa, abbiamo avuto tanti impegni e tanta sfortuna, non conosco in Europa un'altra squadra con così tanti problemi di infortuni. Adesso non dobbiamo perdere la fiducia."



GARCIA A RAI SPORT

Addio scudetto?
"Quando non vinciamo bisogna dire che per il momento bisogna proteggere il secondo posto per attaccare il primo. Bisogna stare zitti e lavorare. Nel primo tempo siamo stati sfortunati, con una traversa nostra. Come dite voi manca sempre uno per fare trentuno."

Un po' di stanchezza nel finale? 
"Negli ultimi 15 mini abbiamo sofferto ma era normale. Abbiamo mancato di pazienza, loro stavano tutti dietro ed era necessario forse tenere il vantaggio un po' di più. Nel secondo tempo abbiamo fatto molti errori in più rispetto al primo"

Come si esce da questa situazione? 
"Nel primo tempo la squadra ha fatto una bella partita, e questo mi piace. I giocatori hanno dimostrato di avere qualità. Ora dobbiamo pensare a fare bene giovedì che è una partita decisiva"

Doumbia non ha una condizione accettabile. 
"E normale perché a Mosca è da 2 mesi che non giocava, e poi non ha fatto per la Coppa d'Africa la preparazione che richiedeva. Stiamo lavorando per rimetterlo in condizione, lui è arrivato in un momento non positivo nostro, ha bisogno di un gol per sbloccarsi"

Totti non contento del cambio. 
"Mi auguro sempre che quando uno esce ha sempre voglia di continuare la gara. Non cercare problemi dove non ci sono."

Come preparerà la partita contro la Juve dal punto di vista tattico? la gente lo vuol sapere... 
"La gente avrà bisogno di aspettare perchè la prossima partita è l'Europa League e tutta la nostra concentrazione sarà sulla partita di Rotterdam. Vogliamo qualificarci."



GARCIA IN CONFERENZA STAMPA

"Abbiamo perso troppi punti ma il campionato è ancora lungo. Abbiamo questa malattia della pareggite acuta, sono contento aver visto la mia squadra giocare come ha fatto nel primo tempo, con fiducia. E' stato incredibile arrivare all'intervallo sull'1-1. In questo momento c'è un detto che dice: "manca sempre 1 per far 31″. Nel secondo tempo era previsto stare meno bene sul piano fisico. Abbiamo perso palloni troppo facili e siamo mancati di pazienza, cosa che abbiamo fatto meglio nel primo tempo."

Basta parlare di Scudetto? 
"Bisogna ritrovare la strada della vittoria. Nel primo tempo è andata bene, nel secondo meno. Lo ripeto oggi, quando non si vince bisogna solo essere zitti: qualunque cosa succede in questa giornata saremo secondi, dobbiamo proteggere questa posizione e forse sarà l'unico modo per riattaccare il primo."

Ha pensato di sostituire prima Florenzi? 
"Si ma bisogna anche vedere come si sente il giocatore. Florenzi è tornato in campo perché pensava di poter farcela e continuare. Questo dimostra ancora che questo è un momento solo di sfortuna. Abbiamo preso un gol quando c'è stato un infortunato: tengo a ribadire che non è che non abbia subito falli nel primo tempo."

Il cambio di Totti? 
"Giochiamo giovedì, lunedì prossimo: è una striscia di gare ravvicinate, dopo 65 minuti bisogna vedere come stanno i giocatori e Francesco non solo bisogna risparmiarlo ma l'ho visto anche un po' meno bene. Sull'1-1 serviva un calciatore più vicino alla porta, ma le occasioni non sono venute perché non abbiamo trovato le giuste soluzioni."

Il Verona? 
"E' una squadra che lotta, che basa grande parte del suo gioco sui lanci lunghi su Luca Toni. Non c'è un atteggiamento non rispettabile nelle altre squadre: ci danno uno schema su cui riflettere, da battere e da manovrare. Lo abbiamo fatto nel primo tempo, molto meno nel secondo: ma era normale, ci aspettavamo il loro atteggiamento visti i gol presi nelle ultime giornate."



GARCIA A ROMA TV

La miglior Roma dell'ultimo periodo? 
"Ancora un pareggio però, e siamo delusi. La Roma ha giocato veramente bene nel primo tempo, c'è solo la sfortuna del momento che ci fa arrivare all'intervallo solo sull'1-1. Abbiamo spinto sempre per dare problemi agli avversari e abbiamo trovato le soluzioni. Peccato aver fatto solo un gol. Nel secondo tempo non avevamo più le gambe nell'ultimo quarto d'ora perché abbiamo giocato due giorni fa, ed è mancata un po' di pazienza."

Sul piano fisico bene la squadra. 
"Si abbiamo giocato tre giorni fa, è normale che ci fossero giocatori un po' meno freschi nell'ultimo quarto d'ora. Mi è piaciuta la fiducia mostrata nel primo tempo. La cosa peggiore sarebbe nascondersi in campo in questo momento di difficoltà, un po' lo abbiamo fatto nel secondo tempo ma siamo tornati sulla strada giusta per trovare la vittoria."

Il mancato giallo ad Hallfredsson? 
"Florenzi è dovuto uscire per questo. Abbiamo pagato caro il momento in cui era rimasto in campo perché pensava di poter continuare. Non ce la faceva più ed è dovuto uscire."

Quando una squadra è così chiusa quali sono le soluzioni? 
"Il tiro da fuori, come ha dimostrato Totti e Nainggolan e allargare sulle fasce per sfruttare i cross. Nell'ultima mezz'ora l'entrata di Doumbia era per dare una presenza in area ma abbiamo trovato meno soluzioni, penso per mancanza di freschezza dovuta alla partita di tre giorni fa."

Perché questa squadra si abbassa e non riesce a chiudere le partite? 
"Oggi anche sull'1-0 abbiamo fatto di tutto per rimanere alti nel campo avversario. Nel secondo tempo siamo mancati di pazienza, manovrando meno perché i giocatori hanno voluto fare l'ultimo passaggio forse un po' troppo veloce. Non ci siamo abbassati, oggi è stato un episodio quell'autogol e quell'infortunio di Florenzi che ci costa caro questa sera."


Ancora un pareggio: non se ne può più!

Incredibile ma vero. La Roma di Rudi Garcia raccoglie l'ennesimo pareggio di questo 2015, unico risultato che sembrano conoscere i giallorossi.

Questa volta il pareggio arriva contro il Verona di Mandorlini al Bentegodi, e sempre con il punteggio di 1-1.

Ottimo avvio dei giallorossi che chiudono il Verona nella propria metà campo e trovano la rete del vantaggio al 26' con un bel tiro da fuori area di Francesco Totti. Ma prima della chiusura del primo tempo, al 38', Jankovic trova la rete del pareggio sugli sviluppi di un calcio d'angolo, con un colpo di testa che fa carambolare sfortunatamente il pallone prima su Astori e poi su Keita prima di finire in rete, spiazzando così l'incolpevole De Sanctis.

Pareggio pesante per i giallorossi, con la Juventus che cola così a +9, e con la possibilità per il Napoli di portarsi a -3 dalla squadra di Garcia.

Non c'è niente da fare: la Roma di Garcia non c'è più!





Verona-Roma: Totti dal 1'. Le formazioni ufficiali

Arrivano a meno di un'ora dal fischio d'inizio le formazioni ufficiali di Verona e Roma che alle ore 15 si sfideranno al Bentegodi per la ventiquattresima giornata del campionato di Serie A.

Garcia sceglie in extremis di schierare il capitano Francesco Totti dall'inizio insieme a Ljajic e Gervinho.


Queste dunque le formazioni ufficiali che scenderanno in campo alle ore 15 al Bentegodi:

VERONA (4-3-3): Benussi; E. Pisano, Moras, Marques, Brivio; Ionita, Tachtsidis, Hallfredsson; J. Gomez, Toni, Jankovic
A disp.: Gollini, Martic, Sorensen, Agostini, Greco, Marquez, Obbadi, Campanharo, Lazaros, Saviola, Nico Lopez, Fernandinho. All.: Mandorlini
Squalificati: nessuno
Indisponibili: Gu. Rodriguez, Sala, Valoti, Rafael

ROMA (4-3-3): De Sanctis; Florenzi, Manolas, Astori, Cole; Pjanic, S. Keita, Nainggolan; Gervinho, Ljajic, Totti
A disp.: Skorupski, Curci, Torodisis, Spolli, Yanga-Mbiwa, Holebas, Sanabria, De Rossi, Paredes, Uçan, Verde, Doumbia. All.: Garcia
Squalificati: nessuno
Indisponibili: Strootman, Balzaretti, Castan, Iturbe, Ibarbo, Lobont, Maicon

Diretta tv Sky e Premium Calcio ore 15.





Verona-Roma: Possibile panchina per Totti. Le probabili formazioni

Sarà una gara di due formazioni in crisi quella che andrà in scena questo pomeriggio al Bentegodi di Verona tra il Verona di Mandorlini e la Roma di Rudi Garcia.

I giallorossi sono reduci dal deludente pareggio casalingo contro il Parma, seguito da quello in Europa League contro il Feyenoord. Il Verona invece arriva dalla pesante sconfitta contro il Genoa. Una partita che potrebbe voler dire rinascita per entrambe le squadre e che per questo venderanno cara la pelle nell'incontro del Bentegodi.

VERONA - Qualche acciaccato per mister Mandorlini. Hanno svolto Lavoro differenziato Sala e Guillermo Rodriguez, solo fisioterapia e palestra per Rafael, così come per Valoti. Moras è invece tornato in gruppo. In attacco si punterà ancora su Toni, autore di una doppietta (inutile ai fini del risultato finale) contro il Genoa.

ROMA - Garcia deve rinunciare ai soliti infortunati di lungo corso. Out Balzaretti, Castan e Strootman, così come Iturbe, Ibarbo e Maicon. Da valutare la squadra dopo il pareggio in Europa League. maglia da titolare per Ljajic mentre potrebbe riposare Nainggolan in vista della Juventus. Spolli non si allenato perché influenzato ma è regolarmente tra i convocati. Verde possibile sorpresa al posto di Totti, non in perfette condizioni.


Queste le probabili formazioni che scenderanno in campo questo pomeriggio al Bentegodi:

VERONA (4-3-3): Benussi; Pisano, Moras, Marquez, Brivio; Ionita, Tachtsidis, Halfredsson; J. Gomez, Toni, Jankovic. 

ROMA (4-3-3): De Sanctis; Torosidis, Manolas, Astori, Cholevas, Pjanic, De Rossi, Nainggolan; Florenzi, Ljajic, Gervinho.





I convocati di Garcia per Verona: Out Maicon!

Il tecnico giallorosso Rudi Garcia ha reso noa la lista dei convocati in vista della trasferta della Roma domani al Bentegodi contro il Verona di Mandorlini.

Lista resa nota attraverso il sito ufficiale giallorosso asroma.it, dove figura assente ancora Maicon sempre alle prese con il problema al ginocchio.





Ecco la lista completa dei convocati dal tecnico francese:

ASTORI
CHOLEVAS
COLE
CURCI
DE ROSSI
DE SANCTIS
DOUMBIA
FLORENZI
GERVINHO
KEITA
LJAJIC
MANOLAS
NAINGGOLAN
PAREDES
PJANIC  
SANABRIA
SKORUPSKI
SPOLLI
TOROSIDIS
TOTTI
UÇAN
VERDE
YANGA-MBIWA





Conferenza stampa Garcia: "Dobbiamo vincere"

Conferenza stampa di Rudi Garcia quest'oggi a Trigoria alla vigilia della sfida di domani alle 15 contro il Verona al Bentegodi.

Ecco le dichiarazioni integrali del tecnico giallorosso:

Come si motiva uno spogliatoio in un momento del genere?
"Pensando alla gara che arriva. C'è solo il fatto di vincere mettendo tutto in campo. Già mi sono espresso dopo l'Europa League, la mia motivazione principale è che la squadra non perda fiducia. Quando una squadra non prende rischi per attaccare, non si ha opportunità di vincere. Lavoro su questo, facendo vedere ai giocatori quello che hanno fatto di recente".

In vista della Juve, la gara di domani ha un valore speciale?
"Dobbiamo fare di tutto per vincere la prossima gara, perché finchè non vinciamo più partite di fila non serve parlare di primo posto. Anche Sabatini lo ha detto, dobbiamo fare di tutto per difendere il secondo posto, solo così possiamo attaccare il primo"

La Juve ieri non ha giocato bene, ma ha vinto: è una differenza tra voi e loro? 
"Io posso parlare solo della Roma. Quello che so di ieri è che la vittoria è arrivata per la giocata di un campione. Concentriamoci sulle nostre forze, anche noi abbiamo giocatori che possono fare la differenza in gare in cui si gioca meno bene".

Perchè sta mancando questa giocata nelle gare difficili? 
"Lo hanno fatto e lo sanno fare, poi ognuno di loro deve tornare al 100%. Abbiamo grandi giocatorti e grandi uomini in questo spogliatoio, ma non devono perdere fiducia in loro stessi. Qualsiasi cosa accade, loro devono sapere che possono risolvere la gara collettivamente e singolarmente".

Nelle ultime uscite Sabatini ha detto di aver sbagliato il mercato... 
"La responsabilità di avere una Roma seconda in classifica è di tutti, come l'essere usciti dalla Champions League. Le scelte di mercato sono state ottime, ma il timing non poteva essere gestito da nesuno. Non sapevamo ad inizio dicembre che un giocatore avrebbe vinto la Coppa d'Africa, poi Ibarbo si è infortunato dopo 2 giorni, ma la responsabilità dei risultati è di tutti: siamo tutti sulla stessa barca".

Fino a ieri Garcia era come la moglie di Cesare, non si poteva parlarne male. Ora alcune sue scelte e dichiarazioni sono state commentate severamente... 
"Credo che lei può parlare per lei, non per i tifosi. Io cerco solo di portare gioco e risultati, anche per un lungo periodo. Lavoriamo per costruire una grande squadra e una grande Roma nel futuro. Basta uscire dalla città per sapere che questa città ci dà tanta forza e un esempio di quello che potrebbe diventare questa Roma. Lavoriamo per questo, non per vincere uno Scudetto ogni 30 anni. Vogliamo lottare ogni anno per il titolo. Più lavoriamo, prima saremo pronti. Non lavoriamo solo per lo stadio, che comunque ci aiuterà, ma anche dal punto di vista sportivo. E' ovvio che abbiamo un momento difficile, e mi sembra anche normale vista la storia di questa stagione. Siamo molto più forti se i giocatori sentono la fiducia dell'ambiente. Mi sembra che sarebbe un'ottima cosa per tutti se la Roma ha il successo che prevede di avere. Per questo penso che in futuro ognuno sappia che è giusto criticare, ma devono essere critiche obiettive. Tutti saranno contenti di vedere una Roma vincente, ma se abbiamo il livello di fiducia non andiamo nella direzione giusta".

Spesso si sente che la squadra si abbassa troppo, però detto così sembra quasi che lei non ottiene ciò che chiede...
"Bisogna rimettere le cose nelle condizioni del momento. L'ho spiegato giovedì, non è che siccome siamo sopra sul tabellone dobbiamo difendere nella tribuna e smettere di fare pressing. Questo mi sembra che può essere umano: è un paio di volte che prendiamo il primo gol e facciamo un risultato non buonissimo. E' umano proteggere il risultato, ma penso che ci porti a dare più opportunità agli avversari. Speriamo di non prendere un gol in fuorigioco ogni volta, ma dobbiamo andare meno indietro e pressare come pazzi".

Lei prima parlava di anticipo rispetto alla tabella di lavoro: quanto tempo serve perché la Roma si stabilizzi ad alti livelli?
"Servirà tempo, lavorando. Il presidente arriverà a fine febbraio ed è la persona giusta per rispondere. C'è una relazione tra risultati sportivi e potenza economica, ma di questo deve parlare il presidente. Noi vogliamo arrivare in alto in Italia e piano piano in Europa".

Lei si sente messo in discussione dai calciatori? 
"Bisogna chiedere ai giocatori. Io non vedo nessun cambio di atteggiamento tra loro e me, ma chiedetelo a loro".





Rifinitura: Differenziato per Maicon

La Roma è scesa in campo stamane per la rifinitura in vista della sfida di domani al Bentegodi contro il Verona di Mandorlini.

Differenziato per Maicon, mentre non hanno preso parte alla seduta gli infortunati Iturbe e Ibarbo. In mattinata fuori dal centro sportivo è stato esposto uno striscione che recitava: "Vergonatevi. Siete penosi!". 





La rabbia dei tifosi a Trigoria: "Vergognatevi... Siete penosi"

Sale la rabbia dei tifosi giallorossi dopo le deludenti prestazioni degli uomini di Garcia da oltre due mesi a questa parte.

In quest'arco di tempo la Roma si è giocata tutto: scivolata a -10 dalla Juventus (ma con una gara in meno da disputare domani a Verona), fuori dalla Coppa Italia, e con la qualificazione agli ottavi di Europa League seriamente compromessa dopo il pari interno di giovedì scorso.

Così la rabbia dei tifosi si sposta dall'Olimpico, dove la squadra era già stata contestata a suon di fischi nelle ultime uscite, fino ai cancelli di Trigoria, dove stamane è apparso uno striscione: "Vergognatevi... Siete penosi".

La rabbia dei tifosi è comprensibile dopo le aspettative che la squadra di Garcia aveva per questa stagione, che invece rischia di diventare seriamente fallimentare.





Roma-Juventus: Info biglietti

La società giallorossa ha reso note alcune informazioni relative all'acquisto dei biglietti valevoli per la sfida di campionato contro la Juventus in programma lunedì 2 marzo allo Stadio Olimpico.

"AS ROMA informa che la prevendita dei biglietti per la gara proseguirà fino:

- alle ore 18.00 di lunedì 2 marzo 2015 (A.S. Roma Store).
- alle ore 20:45 di lunedì 2 marzo 2015 (Ricevitorie LIS e Foro Italico Ticket Office)".





Inizia la preparazione in vista di Verona: Ljajic in gruppo!

La Roma di Rudi Garcia torna subito in campo all'indomani dell'amaro pareggio contro il Feyennord nell'andata dei sedicesimi di finale di Europa League, per iniziare la preparazione in vista della prossima sfida di campionato contro il Verona al Bentegodi domenica pomeriggio. 

Regolarmente in gruppo Adem Ljajic, lavoro di scarico per Doumbia, mentre gli infortunati proseguono il percorso riabilitativo: fisioterapia per Strootman, palestra per Ibarbo, personalizzato per Castan, Iturbe e Maicon.





Sabatini: "Forse ho fatto scelte discutibili"

Fa mea culpa il direttore sportivo giallorosso Walter Sabatini durante un'interessante intervista rilasciata a Roma Radio.

Il dirigente del club capitolino è tornato sulle operazione definite a gennaio e ha ammesso di aver commesso qualche errore: "Alcune scelte fatte da me potrebbero essere discutibili. Doumbia e Ibarbo sono forti, forse potevo far meglio su tempi e modi. Non rinnego il valore dei giocatori, forse avrei potuto fare scelte diverse rispetto alla tempistica. Il Doumbia di ieri se fosse stato quello di 40 giorni fa o quello che sarà tra 20 giorni avrebbe segnato due gol".





Auguri a Garcia!

Il tecnico giallorosso Rudi Garcia compie oggi, 20 febbraio 51 anni.

Per il tecnico francese, nato a Nemours, nell'Île-de-France, è il secondo compleanno da allenatore della Roma.

Anche noi di Noi siamo la Roma facciamo i migliori Auguri di Buon Compleanno al tecnico giallorosso: Auguri Garcia!






Top