Iodice: "Lotito ha minacciato anche altri" | Noi siamo la Roma

Slider[Style1]

Style2

Style3[OneLeft]

Style3[OneRight]

Style4

Style5

Continua il botta e risposta tra Lotito e Iodice, dopo la pubblicazione stamane di una telefonata "scottante", da parte de La Repubblica, registrata da quest'ultimo tra i due.

Il Dg dell'Ischia ha rilasciato, come previsto, diverse interviste nell'arco della giornata, dove dichiara che non è stato l'unico a ricevere "minacce" dal patron della Lazio.

Ecco alcune delle sue dichiarazioni:

ANSA: "Non ho scopi personali, non voglio arrivare alla Lega, non ambisco a poltrone nella Lazio, né nella Salernitana, assolutamente. Io l'ho fatto per abbattere questo muro di omertà. Le stesse minacce che Lotito ha fatto a me le ha fatte a tante altre persone, a tanti altri presidenti".

RADIO IES: "Questo è solo un audio, ce n'è un altro, quello nel quale Lotito mi minaccia. Questa è una telefonata del 28 gennaio, in cui dice cose gravissime. Tra le quali che Beretta non avrebbe alcun potere, che se salisse il Carpi o il Frosinone in Serie A sarebbe un problema per i diritti televisivi. Purtroppo molte cose nel calcio sono decise nelle stanze segrete. Vi rendete conto di ciò che si permette di dirmi al telefono? Se i vari Tavecchio o Beretta hanno ascoltato, con un minimo senso del pudore dovrebbero dimettersi. Che mi querelino pure, curioso di sapere come potrebbero mai ribattere alle cose chiarissime riportate dal mio audio. E ho altre telefonate: non sono pazzo, se ho denunciato è perché avevo nelle mani delle prove. Ho lasciato che Repubblica pubblicasse la conversazione affinché si desse una scossa. Spero che qualcuno oggi prenda delle decisioni, auspico l'intervento di personaggi autorevoli. Non è una questione Lega Pro, questa è una macchia sul calcio italiano".

RETE SPORT: "Quello che ha detto Lotito nel comunicato è già stato smentito, ma ho anche altro per dimostrare quello che dico, non ho timori. Non posso pensare che dopo questa deflagrazione non succeda niente, auspico un intervento dall'alto. Ho voluto abbattere questo muro di omertà, non ho mai approvato il modo di fare di ‪questo personaggio. Se ‪Delrio non interviene adesso, visto che ha la delega allo sport, non ha alcun senso il suo ruolo. Lotito minaccia anche sulle contribuzioni,‪ ammette di aver promesso di parlare con Tavecchio per ottenere i soldi, ma dove siamo? Adesso spero che qualcuno mi segua. I personaggi di spessore tirati in ballo, come ‪Macalli, dovrebbero dare le dimissioni. A ‪Lotito è permesso di parlare da tutti".





«
Next
Post più recente
»
Previous
Post più vecchio

Nessun commento:

Post a Comment


Top