marzo 2015 | Noi siamo la Roma

Slider[Style1]

Style2

Style3[OneLeft]

Style3[OneRight]

Style4

Style5

Lesione al bicipite femorale per Gervinho!

Attraverso un comunicato ufficiale l'AS Roma rende note le condizioni dell'ivoriano Gervinho, rientrato questa mattina nella Capitale:

"Gervinho è stato sottoposto ad esami clinici e strumentali che hanno evidenziato una lesione di primo grado del bicipite femorale destro. La prognosi è di tre settimane. Da domani il calciatore inizierà le terapie del caso".

Roma vicina a Zappacosta!

Secondo alcune indiscrezioni di mercato la Roma avrebbe superato Juventus e Napoli nella corsa all'esterno dell'Atalanta Davide Zappacosta.

I sondaggi più significativi degli ultimi giorni sono stati proprio quelli di giallorossi e partenopei, a conferma che le caratteristiche del giocatore ciociaro intrigano e non poco.

De Rossi e Doumbia in gruppo, differenziato per Totti!

La Roma di Rudi Garcia è tornata in campo questa mattina al centro sportivo Fulvio Bernardini per continuare la preparazione in vista del match di sabato contro il Napoli.

De Rossi, Balzaretti e Doumbia si sono allenati in gruppo. Totti ha svolto ancora lavoro differenziato. Fisioterapia e palestra per Keita e Ucan. Lavoro personalizzato per Maicon, Strootman e Castan.

Trigoria: Doumbia in gruppo, Totti a parte

La Roma è tornata in campo questo pomeriggio per proseguire la preparazione alla delicatissima sfida di campionato di sabato contro il Napoli.

Rudi Garcia, però, ha dovuto fare i conti ancora sull'assenza di gran parte del gruppo impegnato con le amichevoli e le qualificazioni all'Europeo con le nazionali.

Doumbia ha lavorato regolarmente con il gruppo dopo aver lavorato a parte, dove hanno lavorato invece Totti e De Rossi, con quest'ultimo che soffre di una lieve dorsalgia. Differenziato anche per Keita e Sanabria, personalizzato per Maicon, Castan e Strootman. Gervinho, infine, farà ritorno a Roma domani.

Totti da valutare, Maicon pronto al rientro con il Napoli!

Il Capitano giallorosso Francesco Totti dovrà sottoporsi a nuovi esami prima di rientrare ad allenarsi regolarmente col gruppo.

Migliorano invece le condizioni di Maicon, e non è esclusa una convocazione contro il Napoli.

Saranno da valutare anche le condizioni di Keita e Florenzi, mentre Salih Uçan sarà sicuramente fuori dai giochi.

Anche la Roma su Hakan Calhanoglu!

C'è anche la Roma sulle tracce del centrocampista turco Hakan Calhanogluclasse 1994 del Bayern Leverkusen, seguito anche dalla Juventus.

Sabatini, però, dovrà vedersela anche con il Barcellona, Arsenal e Liverpool. Acquistarlo non sarà impresa facile, vista la concorrenza.

Anche oggi doppia seduta a Trigoria!

La squadra di Rudi Garcia è tornata in campo quest'oggi, in una doppia seduta, per continuare la preparazione in vista del match del 4 aprile contro il Napoli.

Ancora assenti i nazionali, il tecnico francese ha condotto una seduta a ranghi ridotti con dieci giocatori. Balzaretti si è allenato con il gruppo. Castan ha effettuato lavoro personalizzato mentre Keita e Sanabria hanno svolto fisioterapia in piscina. Totti, Maicon e Strootman hanno lavorato in palestra.

La squadra è poi tornata in campo nel pomeriggio dove ha svolto lavoro in palestra.

Distorsione al ginocchio per Florenzi!

L'esterno giallorosso Alessandro Florenzi ha rimediato, nel ritiro della nazionale a Coverciano, una distorsione al ginocchio rimediata nell'allenamento di ieri.

Il centrocampista della Roma rimarrà però comunque aggregato agli azzurri, e le sue reali condizioni verranno valutate nei prossimi giorni.

Castan sta per tornare!

Si avvicina sempre di più il rientro di Leandro Castan sul terreno di gioco. Settimana prossima, infatti, il difensore giallorosso sarà visitato dal neurochirurgo che gli ha rimosso il cavernoma, il professor Maira.

Sarà una visita decisiva per far rilasciare il via libera alla ripresa dell’attività agonistica. Il difensore brasiliano sarà sottoposto a test molto impegnativi che possono causare svenimenti e vomito.

Non è escluso però che l'idoneità slitti a questa estate o, nell'ipotesi più ottimista potrebbe arrivare entro metà aprile.

Torna di moda Adriano! Tentazione Dzeko!

Torna di moda in casa giallorossa il nome di Adriano per la fascia sinistra per sostituire il deludente Cole. Il terzino blaugrana avrebbe infatti deciso di lasciare il club visto il poco spazio riservatogli da Luis Enrique nel corso della stagione.

La Roma è interessata però anche ad Edin Dzeko, centravanti del Manchester City. L'attaccante bosniaco starebbe prendendo in considerazione l'ipotesi di lasciare i citizen a fine stagione, visto il poco spazio trovato di recente. Sull'attaccante però ci sarebbero anche Juventus ed Inter.

Trigoria: Personalizzato per Totti e Maicon

I giallorossi sono tornati in campo questa mattina per continuare la preparazione in vista dello scontro diretto contro il Napoli in programma sabato 4 aprile.

Il tecnico francese Rudi Garcia deve però fare ancora i conti con le assenze dei Nazionali. Dopo la doppia seduta di ieri, oggi la squadra scenderà in campo solo in mattinata. Totti, Maicon, Spolli, Castan e Strootman hanno svolto lavoro personalizzato, Keita e Sanabria hanno fatto fisioterapia.

Confermato il trauma distorsivo per Keita!

Il centrocampista giallorosso Seydou Keita ha sostenuto ieri gli esami strumentali e una visita specialistica dal Prof. Cerulli che hanno escluso lesioni e confermato il trauma distorsivo al ginocchio sinistro: il calciatore osserverà una settimana di riabilitazione per poi procedere con il ricondizionamento atletico.

Il centrocampista maliano salterà così, probabilmente, solo la gara contro il Napoli, in programma alla ripresa del campionato.

C'è l'offerta per Bruno Peres!

Secondo alcune indiscrezioni di mercato, la società giallorossa, potrebbe presentare presto la prima offerta ufficiale alla società al Torino di Cairo per aggudicarsi il terzino brasiliano Bruno Peres, classe 1990.

L'agente del giocatore, presente in questi giorni in Italia, è passato anche dalla capitale, dove potrebbe aver incontrato Walter Sabatini per discutere del futuro del proprio assistito. Nella trattativa, i giallorossi vorrebbero anche inserire Torosidis, oltre a qualche giovane del vivaio.

Doppia seduta per i giallorossi a Trigoria

I giallorossi sono tornati quest'oggi in campo dopo i due giorni di riposo concessi da Rudi Garcia in seguito alla vittoria con il Cesena.

La squadra si è ritrovata sia questa mattina che nel pomeriggio, in una doppia seduta per iniziare la lunga preparazione in vista della sfida con il Napoli in programma sabato 4 aprile allo stadio Olimpico.

Il gruppo, privo dei calciatori impegnati con le rispettive nazionali, ha iniziato la prima seduta della giornata con delle esercitazioni in palestra, prima di trasferirsi sul campo dove ha svolto un focus dedicato alla tecnica. La sessione si è poi conclusa con una serie di finalizzazioni. Keita ha svolto fisioterapia, personalizzato per Cholevas, Maicon e Totti.

Nel pomeriggio poi, a causa di un vero e proprio diluvio abbattutosi sulla Capitale, la squadra si è allenata in palestra.

Ucan: "Mi ispiro a Pjanic. De Rossi è il vero leader"

Il giovane centrocampista giallorosso Salih Uçan ha rilasciato un'intervista all'emittente turca NTVSpor, nella quale ha raccontato la sua esperienza nella Capitale.

Queste le sue parole:

"Mi sono abituato all'Italia, ho avuto diverso tempo per ambientarmi nella mia nuova squadra e ho fatto una buona preparazione estiva. Poi ho avuto qualche infortunio e sono stato per un po' di tempo fuori, ma da inizio gennaio mi alleno stabilmente con il gruppo.Grazie a Dio ho avuto la possibilità di giocare a Cesena, dove la squadra ha fatto una buona prestazione. Ero molto stanco dopo il primo tempo, il ritmo della partita è stato molto alto. All'inizio sapevo che avrei avuto poche possibilità, ma ero arrabbiato, però basta guardare i giocatori che ci sono in squadra, come Keita, De Rossi, Nainggolan e altri. La Serie A è di un altro livello rispetto al campionato turco, un altro livello completamente, lo stile di gioco offensivo della Roma è congeniale alle mie caratteristiche. Il giocatore più vicino a me come caratteristiche è Pjanic, mi ispiro a lui, che ha uno stile offensivo, Keita e De Rossi sono più difensivi. Totti? Da fuori appare che il peso della squadra sia tutto su di lui, ma De Rossi ha grande leadership nello spogliatoio, parla di più con i giovani. Sto migliorando lentamente il mio italiano, i miei migliori amici all'interno del gruppo sono Ljajic, Florenzi e Skorupsky."

Holebas torna a Trigoria: Problema alla spalla per lui!

Il terzino greco Holebas ha dovuto anticipare il rientro dalla convocazione nella nazionale greca a causa di un fastidio al costato.

Intatnto nella giornata di oggi Keita verrà sottoposto a nuovi esami strumentali.

Ritorno di fiamma per Van der Wiel!

Walter Sabatini è alla costante ricerca di un terzino per la prossima stagione. Già da tempo infatti la Roma avrebbe posato gli occhi su Van der Wiel, terzino olandese del PSG, la pedina ideale sullo scacchiere di Rudi Garcia.

Sul laterale ci sarebbero anche Inter e Napoli, ma i giallorossi sembrerebbero in vantaggio; l'ostacolo principale sarebbe rappresentato dagli 1,8 milioni più bonus  percepiti da Van der Wiel. Il club parigino valuta il terzino tra i 3 e i 4 milioni di euro.

Sospetto interessamento ai legamenti per Keita!

Il centrocampista giallorosso Seyodu Keita è rimasto a Roma e non raggiungerà la nazionale del Mali a causa dell'infortunio al ginocchio che è ancora molto gonfio.

Si teme pertanto un interessamento dei legamenti, vista anche l'iper-estensione alla quale è stata sottoposta l'articolazione.

Ponce: "Voglio fare bene qui, poi penserò alla Roma"

Il giovane talento argentino Ezequiel Ponce, classe '97, diventerà un giocatore della Roma grazie al tempismo di Walter Sabatini che ha vinto la concorrenza di squadre come Tottenham e Atletico Madrid.

Al momento però il calciatore continua la sua crescita calcistica al Newell's Old Boys e, nel corso del programma televisivo Zapping, ha rilasciato queste dichiarazioni: "E' da quando ho 8 anni che sognavo di giocare per il Newell's Old Boys. Cerco di sfruttare ogni minuto che ho a disposizione. Tutti noi abbiamo un forte senso di appartenenza che ti inculca la società. Dopo due mesi di stop, non ho sentito alcun dolore e mi sono sentito bene mentre giocavo. Devo dare il meglio qui, poi penserò alla Roma. Fino a che sarò qui darò il massimo per questo club, e solo quando andrò via potrò focalizzarmi sulla Roma. Ho un impegno forte con il Newell".

Due giorni di riposo per i giallorossi

Il tecnico giallorosso Rudi Garcia ha concesso due giorni di riposo alla squadra dopo la vittoria ottenuta ieri al Manuzzi.

A comunicarlo è la stessa società giallorossa attraverso il proprio profilo twitter:

"Buongiorno tifosi giallorossi. Dopo la vittoria di ieri a Cesena la #ASRoma tornerà ad allenarsi mercoledì a Trigoria"

Al rientroperò, il tecnico giallorosso avrà la rosa contata perchè molti giocatori saranno impegnati con le rispettive nazionali. 

Garcia: "Mi è piaciuto l'atteggiamento della squadra"

Ecco le dichiarazioni dell'allenatore giallorosso al termine dell'importante vittoria ottenuta dalla sua Roma al Manuzzi contro il Cesena per 1-0:

GARCIA A SKY SPORT

Questa serata è stata quella delle risposte caratteriali più che tecniche?
"Sì, i ragazzi hanno dimostrato di essere tutti uniti e hanno dimostrato carattere perché questo non è un campo facile al momento. Alcune squadre di alto livello non hanno vinto o hanno perso. Mi è piaciuto l'atteggiamento della squadra che è stata seria e solida. Hanno provato a segnare ed è stato bello che l'abbia fatto De Rossi, il nostro capitano di oggi."

Che significato ha l'esultanza di De Rossi?
"I ragazzi sono sempre rimasti uniti e questa gioia era collettiva. Daniele ha voluto condividere con tutti questa gioia ed è andato verso la panchina: un buon segno."

In questo momento è giusto parlare di Doumbia come di un giocatore fortemente in ritardo?
"Sono contento della sua partita. La prima che ha giocato non era ancora pronto e non avevo giocatori per rimpiazzarlo. Oggi è stato molto utile alla squadra come gli altri, ha fatto una buona gara con un pensiero sempre al collettivo e questa è una bella cosa."

Squadra in crescita come Gervinho. Cosa ne ha pensato della prestazione di Uçan?
"Abbiamo giocato molto meglio le ultime due partite ma le abbiamo perse, il calcio è così. Abbiamo avuto più occasioni nelle precedenti due. Il Cesena cerca molto il gioco in profondità con Djuric ed è difficile in questo campo dove i rimbalzi non sono normali, sapevamo che sarebbe stata una lotta. Salih Uçan è un talento, la sua prestazione di oggi è la testimonianza di tutto il lavoro che ha fatto in questo ultimo mese-mese e mezzo dal suo ultimo infortunio."

La passione di questo ambiente continua a piacerle? C'è qualcuno che ha voluto collegare il cattivo rendimento della squadra alla sua vita privata: vuole rimanere qui?
"Mi piace parlare di calcio e mi sento a mio agio parlando di calcio. Essendo al centro con i miei giocatori, come ho detto loro che eravamo tutti insieme allo staff e alla società, cercheremo di fare di tutto per rendere questa stagione una buona stagione e mancano tante partite. Dobbiamo essere concentrati solo su una partita come abbiamo fatto oggi. Non serve a niente dire che mancano 10 partite e parlare del secondo posto. Ora dobbiamo pensare alla partita contro il Napoli e con la sosta delle Nazionali sarò interessato a lavorare con loro come faccio sempre. Come avete visto Pellegrini ha fatto il suo esordio e sono molto orgoglioso di lui. Sono convinto che potrebbe diventare un bel centrocampista della Roma."


GARCIA A MEDIASET

Questo è il brodino ricostituente della Roma
"Mi è piaciuto l'atteggiamento, hanno mostrato carattere, sono stati uniti tutti e 14, la risposta viene dal campo, non è la miglior partita della stagione ma abbiamo provato in tutti i modi a attaccare e a segnare"

Giudizio su Uçan e Doumbia
"Salih sta facendo bene in allenamento da quando è tornato dall'ultimo infortunio, è da un po' che gli dico di prepararsi perché ha talento ed è molto tecnico. L'ho tolto solo perché era già ammonito e non volevo finire in 10. Doumbia ha fatto una gara interessante, ha giocato per i compagni, ha avuto poche chance davanti alla porta ma ha lottato come tutta la squadra, sta molto molto meglio e questo è bene per il futuro"

La sosta è un bene o un male?
"E' un bene perché abbiamo giocato tanto, ci sono giocatori stanchi, speriamo che chi va in Nazionale torna al 100%"

Tifosi riconquistati?
"Le cose sono semplici, quando vinciamo i tifosi sono contenti, adesso bisogna recuperare e concentrarsi solo sulla prossima partita, non serve fare i conti, la prossima sarà sempre la più importante fino alla fine della stagione"


GARCIA A RAI SPORT

La Roma torna a vincere in forza delle sue scelte o semplicemente per la voglia?
"Che la squadra sia unita abbiamo avuto la dimostrazione questa sera al gol di Daniele. Non è stata la migliore partita nostra questa sera perché dovevamo adattarci a questo campo e gestire il gioco lungo su Djuric. Abbiamo dimostrato carattere e orgoglio e alla fine il risultato è quello che volevamo."

Se dovesse dire aldilà degli infortuni quali sono le due cause di questo periodo?
"Già quest'anno è un'altra rosa. Ci sono squadre che hanno la stessa rosa e hanno preso dei giocatori, noi non abbiamo la stessa rosa. La cosa più importante è che non è finita e che abbiamo dimostrato che noi ci siamo e ci crediamo, senza fare conti sul futuro. Dobbiamo rispondere sul campo come abbiamo fatto questa sera."

Puntare sul carattere per ritrovare il gioco
"Abbiamo giocato meglio sia contro la Samp che contro la Fiorentina ,ma questa sera l'importante era girare questa ruota sfavorevole e mettere tutto in campo sino al 95' e i ragazzi lo hanno fatto."


GARCIA IN CONFERENZA STAMPA

"Difendere contro il Cesena non è semplice. Abbiamo provato di mettere palla a terra appena possibile ma su un campo così non è mai calcio, è un altro sport: troppi rimbalzi. Questo campo in Francia li cambierebbero con l'erba. I ragazzi sono stati bravi ad adattarsi, abbiamo provato ad attaccare e almeno oggi la palla è entrata una volta ed è bastato per vincere. Abbiamo meritato, non abbiamo sofferto quasi nulla."

Ucan? Maicon è pronto per il Napoli?
"Salih è un giocatore tecnico e con le assenze era interessante vederlo perché lo ha meritato: lavorava bene da un mese e mezzo, dal ritorno dall'ultimo infortunio. Lo sapeva che il suo tempo stava per arrivare, l'ho tolto perché aveva preso un giallo. Sono contento anche per Lorenzo Pellegrini anche ieri in allenamento è stato il migliore in campo e lui conosce benissimo quest'erba: lui può diventare un centrocampista importante per il futuro. Per Maicon vedremo, abbiamo quindici giorni: sta meglio, lo speriamo tutti. Più avrò giocatori in rosa, più saremo forti."

Si è chiesto cosa poteva succedere se non aveste vinto? Il cambio di Ljajic?
"Non ci penso mai. Noi siamo sul campo e giochiamo le partite, non facciamo previsioni. Pensiamo sempre di vincere, per questo dobbiamo essere sempre positivi. Il cambio di Ljajic è stata una scelta tecnica: ha giocato bene ma volevo mettere un po' di altezza con Mapou, Florenzi è un equilibratore e avevo previsto di fare entrare un giocatore veloce per Gervinho, come Victor Ibarbo o Iturbe."

La pressione della Lazio è una sferzata di adrenalina per la squadra?
"Non ci pensiamo, pensiamo a noi, alle nostre partite. Quando vinciamo guardiamo i risultati degli altri ma il percorso che conta è il nostro, niente più."


GARCIA A ROMA TV

Prestazione convincente del gruppo. Squadra a sorpresa con Ucan.
"Mi è piaciuto vedere una Roma con i giocatori tutti uniti. Il segno che abbia segnato De Rossi è molto importante, il festeggiamento al gol piace ad un allenatore. Sapevamo che dovevamo lottare tanto, mettere palla a terra e provare a segnare. Siamo stati solidi e la differenza è stata quella di essere riusciti a mettere la palla dentro, almeno una volta."

Vincere era fondamentale. Astori ha detto che vi liberete la testa durante la sosta
"E' sempre bello vincere prima di una sosta, per lavorare più serenamente. Molti partiranno per la Nazionale: gli auguro il meglio ma mi auguro torneranno sani (ride, ndc). La partita contro il Napoli la prepareremo al meglio, sperando di essere tutti."

Vittoria delle sue scelte. Segnale forte. Una definizione per Ucan?
"E' un grande talento, è stato fermo per i tanti infortuni avuti. Aveva bisogno di adattarsi, parla ancora un italiano precario ma il talento ce l'ha e da un mese e mezzo avevo parlato con lui dicendogli di prepararsi, in allenamento mostrava belle cose. L'ho tolto perché non volevamo restare in dieci, dato che era ammonito. Sono stato contento anche per Lorenzo Pellegrini, migliore in campo contro il City e ieri in allenamento: conosce bene questo tipo di terreno, il sintetico, e ci ha aiutato con la sua tecnica e il suo fisico."

Cesena-Roma: Le pagelle

Ecco le pagelle dei giallorossi al termine della vittoria ottenuta al Manuzzi di Cesena per 1-0 grazie alla rete decisiva di Daniele De Rossi.

Migliore in campo per gli uomini di Garcia l'autore del gol Capitan Futuro, seguito da Gervinho e Lajjic.






Ecco le pagelle dei giallorossi:

De Sanctis 6,5
Florenzi 6
Manolas 6
Astori 6
Holebas 6
Uçan 6
De Rossi 7
Nainggolan 6
Gervinho 6,5
(87' Ibarbo s.v.)
Doumbia 5,5
Ljajic 6,5
(79' Yanga-Mbiwa s.v.)

La Roma torna a vincere con De Rossi!

La Roma torna finalmente al successo, ma lo fa ancora fuori dalle mura amiche. I giallorossi hanno infatti espugnato il Manuzzi battendo il Cesena per 1-0.

La rete decisiva è stata siglata da Daniele De Rossi al 41' con un colpa di testa su assist del finalmente esordiente Ucan.

Importantissima vittoria per gli uomini di Garcia che potrebbe infondere fiducia in un momento così delicato, ma soprattutto consentono di mantenere il punto di vantaggio sulla Lazio nella corsa al secondo posto.

Buono l'esordio del turco Ucan autore anche dell'assist vincente. Unica nota negativa l'ancora sterilità dell'attacco giallorosso.

Cesena-Roma: Le probabili formazioni

E' giunto il momento in casa Roma di rimboccarsi le maniche. I trofei sono ormai andati, e l'unico modo di salvare la stagione è proteggere il secondo posto dall'attacco delle inseguitrici.

La truppa giallorossa non riesce più a vincere, in questo 2015 gli uomini di Garcia hanno vinto due sole volte ed entrambe in trasferta. 

Dall'altra parte c'è la squadra di Di Carlo, che nell'ultimo mese ha stoppato squadre come Juventus, Lazio, Palermo e Inter. Tante le assenze importanti, come quelle di Totti, Brienza e Renzetti. Arbitrerà la sfida Antonio Damato di Barletta. 

QUI IL CESENA - Di Carlo perde due pedine chiave come Brienza e Renzetti, non convocati. Per la sfida contro la Roma, confermato il 4-3-1-2 con Leali in porta. Difesa a quattro con Perico e Nica sulle fasce e il duo Capelli-Kranjc al centro. A centrocampo Giorgi, Mudingayi e De Feudis con Carbonero alle spalle di Defrel e Djuric. 

QUI ROMA - L'umore non è dei migliori, ma il segnale di Garcia è stato chiaro. Vincere, reagire per mettersi alle spalle le contestazioni e il periodo buio. Rispetto all'Europa League, tornerà in porta De Sanctis. Difesa composta da Torosidis, Manolas, Astori, e Cole. A centrocampo insieme a De Rossi ci saranno Paredes e Nainggolan mentre in attacco, con l'assenza di Totti, spazio al trio Iturbe, Ljajic, Gervinho.

Ecco le probabili formazioni che scenderanno in campo questa sera al Manuzzi:

Cesena (4-3-1-2): Leali; Perico, Capelli, Krajnc, Nica; Giorgi, Mudingayi, De Feudis; Carbonero; Defrel, Djuric
A disp.:  Agliardi, Bressan, Volta, Lucchini, Mordini, Gaiola, Pulzetti, Cascione, Rodriguez, Succi, Moncini. All.: Di Carlo
Squalificati: -
Indisponibili: Marilungo, Tabanelli, Cazzola, Yabre, Ze Eduardo, Valzania, Brienza, Renzetti


Roma (4-3-3): De Sanctis; Torosidis, Manolas, Astori, Cole; Paredes, De Rossi, Nainggolan; Iturbe, Ljajic, Gervinho.
A disp.: Skorupski, Spolli, Holebas, Yanga Mbiwa, Ucan, Florenzi, Verde, Ibarbo, Doumbia. All.: Garcia
Squalificati: Keita (1), Pjanic (1)
Indisponibili: Maicon, Strootman, Balzaretti, Totti

Diretta tv Sky e Premium Calcio ore 20.45.

Rifinitura al Manuzzi: Differenziato per Verde

La Roma è scesa in campo questo pomeriggio sul terreno di gioco del Manuzzi per la seduta di rifinitura in vista della delicatissima sfida di campionato in programma domani sera contro il Cesena sul terreno ospite.

Rifinitura concentrata sulla fase tecnica, con esercitazioni dedicate al possesso palla e con una partita a tema. Prima del termine, il gruppo è stato impegnato in una serie di finalizzazioni in porta. Differenziato per Verde.

A Trigoria, invece, Keita ha svolto fisioterapia, mentre Castan, Maicon, Pjanic, Strootman e Totti sono stati impegnati in un lavoro personalizzato.

I convocati di Garcia per il Cesena: Out Totti, torna Ibarbo!

Nel pomeriggio la società giallorossa ha ufficializzato la lista dei convocati che prenderanno parte alla sfida di domani al Manuzzi contro il Cesena.

Nella lista non compare il nome di Francesco Totti che, come annunciato da Garcia in conferenza stampa, continua ad avere fastidio al flessore.

Questa la lista completa dei convocati dal tecnico francese:

ASTORI
CHOLEVAS
COLE
DE ROSSI
DE SANCTIS
DOUMBIA 
FLORENZI
GERVINHO
IBARBO
ITURBE
LJAJIC
LOBONT
MANOLAS
MAPOU
NAINGGOLAN
PAREDES
PELLEGRINI 
SKORUPSKI
SPOLLI
TOROSIDIS
UÇAN
VERDE

Conferenza stampa Garcia: "Il futuro lo deciderà la dirigenza e il Presidente"

La Roma è già da ieri sera a Cesena, deciso infatti il ritiro anticipato per gli uomini di Garcia. Il tecnico francese ha così incontrato i giornalisti presso la sala Congressi del Grand Hotel da Vinci di Cesena, per la classica conferenza stampa alla vigilia del match di campionato al Manuzzi contro il Cesena.

Ecco le sue parole:

Come va interpretato questo ritiro anticipato?
"Semplicemente voglio che stiamo insieme, potevamo partire ieri ma per un problema logistico siamo partiti oggi, volevo allenarmi sul sintetico. Già che siamo tutti insieme mi sembra un'idea interessante".

L'assenza di Totti?
"Ha un fastidio al flessore che aveva già giovedì, ci ho parlato e abbiamo preferito non rischiarlo, la stagione non finisce domani, non voglio perderlo. Doumbia arriverà nel pomeriggio".

Restare alla Roma?
"Sono qui per vincere dei trofei, voglio farlo in futuro, poi decide la dirigenza e il presidente, i giocatori sanno bene la mia motivazione, ogni giorno con loro sanno che io voglio giocare al meglio, vincere più partite possibili sino a fine stagione, anche se non mi piace avere una visione su due mesi. Ora penso a domani, dobbiamo concentrarci sulla partita più importante della stagione che è la prossima, abbiamo solo bisogno di vincere, per questo non bisogna guardare più a lungo termine. La squadra ha capito questo discorso".

L'atteggiamento dei giocatori?
"La qualità di un gruppo si vede soprattutto nelle difficoltà, io lotto sempre contro questa cosa, se le cose vanno bene magari ci si addormenta, ognuno sa che adesso bisogna mettere tutto in campo, dobbiamo lottare e lotteremo insieme, solo così ne usciremo, voglio che sia domani, non mi fermerò mai di spingere i giocatori".

Parlato con Pallotta nei scorsi giorni?
"Lo sento sempre il presidente, lavoriamo così, è un po' lontano ma l'ho sentito dopo la Fiorentina".

Approva il comportamento dei giocatori a fine partita contro la Fiorentina?
"Noi e i tifosi abbiamo lo stesso obiettivo, ovvero vincere le partite, dobbiamo restare connessi con loro, mantenere un filo, come ha espresso Keita, mi sono piaciute le sue parole. I giocatori hanno bisogno di giocare con fiducia e testa libera, questo succede se la tifoseria ti sostiene, occorre fare un gesto efficace, è umano che i giocatori possano cadere giù se sbagliano, ma è il modo per vincere le partite. Gervinho una volta avrebbe segnato a occhi chiusi quell'occasione contro la Fiorentina, a fine stagione faremo i conti, noi siamo i primi a essere delusi, questo filo si deve fare nel rispetto delle persone. Ho affetto e rispetto per i tifosi, mi aspetto che la cosa sia reciproca, difenderò sempre i miei giocatori, quando devono essere duro lo sono, ma esternamente li difenderò sempre, possiamo ancora fare, il nostro più futuro non è più lontano di domani".

Perché non si segna più come la scorsa stagione?
"Innanzitutto continuo ad avere fiducia nei miei attaccanti, poi quando c'è una striscia negativa credo sempre che si fermi prima o poi, abbiamo avuto un atteggiamento difensivo efficace per gran parte della stagione, ora facciamo fatica a segnare gol, pensavo che potevamo vincere le partite anche 1-0, questa spirale negativa ha avvolto anche l'atteggiamento difensivo della squadra. Gli ultimi gol che abbiamo preso sono stati regolati, così è difficile vincere. Dobbiamo fare in modo che la palla entri, ma su questa cosa sono certo che c'è da lottare e spingere e non accettare se le cose vanno male. Il talento l'abbiamo, la squadra è forte e ha la condizione, devono avere fiducia in loro".

Come si affronta il Cesena di domani?
"Il Cesena ha qualità, gioca in casa su un campo sintetico e oggi voglio prendere le misure per avere un po' di abitudine, dobbiamo stare attenti alle loro forze. A parte il fatto di lottare ogni secondo, vogliamo ottenere il risultato contro una squadra che vuole la salvezza, qualsiasi squadra affronteremo, dovremo avere lo stesso atteggiamento, mi aspetto rabbia dopo questo momento difficile".

Lavoro di scarico, tra la contestazione dei tifosi, a Trigoria!

La Roma è tornata questo pomeriggio in campo dopo la pesante sconfitta per 3-0 all'Olimpico contro la Fiorentina nella gara di ritorno degli ottavi di finale di Europa League.

La squadra giallorossa ha iniziato così la preparazione in vista della trasferta di Cesena, prossima avversaria in campionato.

I calciatori scesi in campo ieri sera hanno svolto lavoro di scarico. Yanga-Mbiwa, uscito anzitempo nella partita di ieri, ha lavorato col gruppo.

Nel frattempo, fuori dai cancelli del Centro Sportivo alcuni tifosi hanno contestando squadra e società e hanno avuto un confronto molto animato con Walter Sabatini. 

Nazionali: Sono 7 i giallorossi convocati!

Sono ben sette i calciatori giallorossi convocati dalle rispettive nazionali per le partite di qualificazione agli Europei del 2016 in programma il prossimo 29 marzo.

Kostas Manolas, Vasilis Torosidis e Josè Holebas sono stati convocati dal ct della selezione greca Sergio Markariaper, per la partita di qualificazione ad Euro 2016 contro l'Ungheria. I tre giallorossi scenderanno in campo il 29 marzo.

Adem Ljajic torna in Nazionale. Dopo i dissidi con l'ex ct Dirk Advocaat, l'attaccante della Roma è stato convocato dal neo ct della SerbiaRadovan Curcic per il match di qualificazione ad Euro 2016 contro il Portogallo, in programma il 29 marzo.

Miralem Pjanic è stato convocato per la partita di qualificazione ad Euro 2016 tra Bosnia e Andorra, in programma il 28 marzo. Il 31 seguirà l'incontro con l'Austria in amichevole.

Hervé Renard, tecnico della Costa d'Avorio, ha convocato sia Gervinho che Doumbia per le amichevoli contro l'Angola e la Guinea Equatoriale, in programma il 26 e 29 marzo.

Ranking UEFA: Roma superata da Fiorentina e Torino!

La sconfitta bruciante di ieri sera in casa giallorossa ripercuote non nell'ambiente romanista, ma anche nel Ranking Uefa.

Il club giallorsso scivola infatti, nella graduatoria stagionale, al 28esimo posto (47esimo in classifica generale), alla pari dell'Inter e superata dalla stessa Fiorentina e dal Torino.

Sul podio (sia in questa stagione che in assoluto) Real Madrid, Barcellona e Bayern Monaco, mentre per quest'anno la prima italiana è la Juve al sesto posto, con il Napoli 14esimo. 

LA CLASSIFICA STAGIONALE
1. Real Madrid (27.271 punti)
1. Barcellona (27.271)
3. Bayern Monaco (26.000)
4. Porto (24.750)
5. Altetico Madrid (24.271)
6. Juventus (24.233)
7. Chelsea (23.714)
8. Psg (23.150)
9. Arsenal (22.714)
10. Monaco (22.150)
14. Napoli (20.233)
17. Fiorentina (19.233)
26. Torino (16.233)
28. Roma (15.233)
28. Inter (15.233)

LA CLASSIFICA GENERALE
1. Real Madrid (166.228 punti)
2. Barcellona (154.228)
3. Bayern Monaco (149.711)
4. Chelsea (142.078)
5. Atletico Madrid (119.228)
6. Benfica (118.209)
7. Schalke 04 (111.711)
8. Arsenal (110.078)
9. Porto (109.209)
10. Manchester United (103.078)
17. Juventus (86.535)
21. Milan (82.535)
22. Napoli (78.535)
23. Inter (76.535)
38. Lazio (48.535)
43. Fiorentina (44.535)
47. Roma (43.035)
74. Udinese (30.035)
78. Torino (26.035)

Garcia: "Chi ha carattere mi segua, degli altri non mi interessa". De Sanctis: "C'è tanta delusione"

Arrivano anche le prime dichiarazioni a caldo al termine della pesante sconfitta contro la Fiorentina che ha sancito l'eliminazione dei giallorossi dall'Europa League.

Poca voglia di parlare nello spogliatoi giallorosso. A metterci la faccia sono il tecnico Rudi Garcia e il portiere Morgan De Sanctis.

Ecco le loro dichiarazioni:

GARCIA A MEDIASET

Una sconfitta amara e improvvisa...
"Complimenti alla Fiorentina, io sono veramente mortificato, perché i giocatori volevano vincere. Davanti agli errori individuali non si può fare nulla. Ora dobbiamo solo concentrarci sul campionato e salvare il secondo posto. Per fare una stagione accettabile dobbiamo qualificarci in Champions. Ci sono 11 battaglie per vincere questa guerra del secondo posto. Ora ci sono due possibilità, o molliamo, ma io non mollerò un secondo, o alziamo la testa e ci risolleviamo. Quest'ultima cosa mi aspetto dai miei. Ho parlato a fine partita. Chi ha carattere e l'orgoglio mi può seguire. Chi sarà troppo debole non mi interessa voglio tornare al combattimento domani mattina"

I giocatori sembrano impauriti dal giocare in casa...
"si per questo ho detto che ci serve carattere. L'Olimpico deve tornare uno stadio dove torniamo a giocare con piacere. Da ora andrò in guerra."

C'è qualcuno che è troppo spaventato per andare avanti?
"Io conto su tutta la mia rosa ovviamente, ma in questo momento di sofferenza c'è questo messaggio da dare alla squadra. Il capo deve dare l'esempio e io sono più motivato che arrabbiato".

Le qualità per uscire dal momento difficile ci sono e la Roma è ancora seconda e ci sono tutti i presupposti per finire bene...
"Sono perfettamente d'accordo con lei. Sulla personalità adesso dobbiamo poggiarci per risollevarsi".



DE SANCTIS A MEDIASET

Quali responsabilità hanno i giocatori e come ripartire?
"La mia presenza qui è obbligatoria, il sentimento dello spogliatoio è generale e nessuno aveva voglia di parlare questa sera. Ora dobbiamo sostituire le parole con i fatti. Quella di stasera è una batosta incredibile, pensavamo potesse essere la partita della svolta come quella di lunedì. Due partite simili, per episodi sfavorevoli e ingenuità. Forse nella scorsa partita avevamo fatto qualcosa di più a livello di gioco. Abbiamo voluto sentire il parere della curva sud, ma penso che tutti i tifosi siano delusi. Noi siamo in una situazione di difficoltà, ma il calcio ti offre l'opportunità di cambiare rotta. Dobbiamo fare bene queste 11 partite e difendere il secondo posto".


DE SANCTIS A ROMA TV

Che gesto è stato quello di andare sotto la Curva?
"Non ci si sottrae di fronte alle responsabilità. Noi sappiamo di averne perché siamo i primi a non essere contenti di quello che stiamo facendo, soprattutto nelle prestazioni e nei risultati. Quando la tifoseria manifesta il proprio disappunto è doveroso da parte nostra prenderci le responsabilità di ascoltare da vicino quello che è il loro pensiero e la loro delusione. Però non posso non sottolineare che queste delusioni sono anche nostre"

Se parla a fine gara uno che non ha giocato, significa che si aggrappa ai leader...
"Significa che come è facilissimo immaginare nello spogliatoio c'è tanta delusione, frustrazione e rammarico. Volevamo tutti che fosse la serata del riscatto, all'Europa ci tenevamo tantissimo, ma se tutto si trasforma in maniera così brutale nei primi minuti diventa tutto inimmaginabile, però è successo. Siamo stati sfortunati, disattenti e poco brillanti, quindi dopo tutto quello che è successo la voglia di parlare non c'era. A parlare però qualcuno deve venirci, quindi è normale che lo faccia qualcuno con più esperienza".

La tifoseria voleva una reazione nervosa dalla squadra nel secondo tempo, perché non c'è stata?
"E' evidente che dopo i primi 2 gol provi a fare a qualcosa, perché pensi che possano esserci i presupposti per rimettere in sesto il risultato. PErò 8', 17', 21'... Arrivano queste botte e non è semplice. Il primo tempo abbiamo fatto vedere qualcosina, un'ottima occasione con Ljajic, poi però subentra anche il fatto che se stai perdendo 3-0 puoi parlare nello spogliatoio quanto vuoi, ma se in campo non trovi l'episodio hai la paura di subirne anche altri, quindi di aumentare una sconfitta che già così è insostenibile. La Fiorentina è rimasta sempre viva e concentrata, ci ha concesso pochissimo. Credo che i tifosi si siano arrabbiati perché sono 3 mesi che non vinciamo in casa e da tempo non troviamo buoni risultati".

Sta diventando un problema giocare all'Olimpico?
"Dal punto di vista tattico è evidente che sia in casa che fuori i nostri avversari giocano sempre alla stessa maniera. E' capitato che essendo passate in svantaggio le altre squadre abbiano deciso di pressare più alte, ma in senso generale da molto tempo tutti fanno la stessa partita: si difendono e poi noi spesso concediamo loro troppo, per demerito e per sfortuna. Abbiamo delle mancanze, non siamo precisi, perché altrimenti non arriverebbero questi risultati. Ora, incamerata anche questa cocente delusione, ora abbiamo ancora 11 partite davanti e sono un'opportunità per riportare il giudizio complessivo dalla nostra parte, fermo restando che ci rendiamo conto che un numero così lungo di risultati negativi non si possono cancellare così facilmente, ma noi ci proveremo".

Per Skorupski non è stata facile...
"Lui ha giocato partite importantissime. Se c'era stato qualcosa di positivo era il fatto che non era mai incappato in alcun errore. Questa sera gli è successo, ma è stata una serata storta per tutti. Potenzialmente è un grande portiere e avrà tutto il tempo per rifarsi, magari proprio a Roma".

I tifosi chiamano la squadra sotto la curva e invitano i giocatori a togliersi la maglia!

Al termine della debacle giallorossa contro la Fiorentina nella gara di ritorno degli ottavi di finale di Europa League, la squadra si è diretta sotto la Curva Sud su impulso di Daniele De Rossi e Francesco Totti.

Tra il centrocampista giallorosso e alcuni tifosi c'è stato un dibattito. Anche Florenzi, il capitano e De Sanctis hanno parlato con i supporter che invitavano i calciatori a togliersi la maglia.
Pjanic è stato il primo giocatore ad allontanarsi dal campo, scendendo le scalette mentre il confronto era ancora nel vivo.

Terminato il confronto, dopo circa 10 minuti, i giocatori sono rientrati negli spogliatoi. Tra di loro, anche un Alessandro Florenzi in lacrime.

Immancabilmente anche Mauro Baldissoni, è stato oggetto di critiche in tribuna Monte Mario. Un tifoso voleva parlare con il dg giallorosso e ha invitato gli steward a lasciarlo parlare e a non intervenire

Roma-Fiorentina: Le pagelle

Arrivano a fine partita le pagelle dei giocatori giallorossi dopo la disfatta interna contro la Fiorentina negli ottavi di finale di Europa League.

La prestazione indecente degli uomini di Garcia si ripercuotono anche sulle pagelle, dove nessuno raggiunge la sufficienza.


Ecco le pagelle dei giallorossi:

Skorupski 4,5
Torosidis 5
(27' Iturbe 5)
Manolas 5
Yanga-Mbiwa 5
(58' Astori 5,5)
Holebas 4,5
Keita 5,5
(44' Verde 5)
De Rossi 4
Pjanic 4,5
Florenzi 5,5
Ljajic 4,5
Gervinho 4

Disfatta assoluta: La Fiorentina passeggia, Roma in ginocchio, e la rabbia dell'Olimpico!

Una Roma inguardabile, spenta e indecente cede il passo anche in Europa League contro la Fiorentina nella gara di ritorno degli ottavi di finale abbandonando così anche questa competizione.

Primi venti minuti choc per i giallorossi che vanno subito sotto dopo solo nove minuti di gioco con un calcio di rigore trasformato da Rodriguez concesso per un fallo inutile e scellerato di Holebas. Non passano nemmeno nove minuti che i Viola trovano subito il raddoppio al 18' con la rete di Alonso che sfrutta un grave errore di Skorupski che non riesce a trattenere un pallone su un retropassaggio di Torosidis. Roma che va in tilt e subisce anche il terzo gol al 21' con un colpo di testa di Basanta lasciato tutto solo in area di rigore. Giallorossi che terminano anche in dieci il match per via dell'espulsione di Ljajic all'88' per somma di ammonizioni.

Ancora un brutto colpo per la Roma che già dopo venti minuti di gioco ha dovuto subire la durissima contestazione dei tifosi, protratta per tutta la partita e proseguita anche dopo il fischio finale, con tutti i giocatori trattenuti a colloquio sotto la curva sud.

Continua a piovere sul bagnato dunque in casa giallorossa, con i giallorossi fuori da tutti i giochi adesso e che rischia di perdere anche il secondo posto in campionato e forse anche l'Europa.

Adesso si preannuncia una settimana davvero difficile e pesante.

Roma-Fiorentina: Fuori Totti e Iturbe! Le formazioni ufficiali!

Arrivano a poco più di un'ora dal fischio d'inizio, le formazioni ufficiali di Roma e Fiorentina che scenderanno in campo sul terreno di gioco dello stadio Olimpico per la gara di ritorno degli ottavi di finale di Europa League, dopo l'1-1 dell'andata al Franchi di una settimana fa.

Garcia lascia in panchina il Capitano Francesco Totti e Manuel Iturbe, schierando nel tridente dal primo minuto Florenzi, Ljajic e Gervinho.

Queste le formazioni ufficiali che scenderanno in campo fra poco più di un'ora:

ROMA (4-3-3): Skorupski; Torosidis, Manolas, Yanga-Mbiwa, Holebas; Keita, De Rossi, Pjanic; Florenzi, Ljajic, Gervinho.
All.: Garcia

FIORENTINA (4-3-3): Neto; Basanta, Gonzalo Rodriguez, Alonso, Tomović; Badelj, Fernandez, Borja Valero; Joaquin, Babacar, Salah.
All.: Montella

Diretta tv Premium Calcio ore 19.

Cesena-Roma a Damato!

Sarà Antonio Damato dalla sezione di Barletta a dirigere la sfida di campionato tra Cesena e Roma in programma domenica sera allo stadio Olimpico e valida per la ventottesima giornata del campionato di Serie A.

Il fischietto pugliese sarà coadiuvato dagli assistenti Meli e Vuoto,  dal quarto uomo Preti, e dagli addizionali Banti e Nasca.

Ufficiale il fallimento del Parma: Buco da 218 milioni!

E' arrivato poche ore fa l'ufficialità del fallimento del Parma. Dalla nota del Tribunale di Parma emerge come i debiti del club emiliano fossero pari a 218.446.754,61 euro, con un patrimonio netto negativo di 46.696.901 euro.

Come riporta l'Ansa, è stata depositata dal giudice Pietro Rogato la sentenza di fallimento del Parma. 

Nominati anche due curatori fallimentari: Angelo Anedda e Alberto Guoiotto. Nonostante ciò i ducali domenica alle 15:00 scenderanno in campo al Tardini contro il Torino.

Adesso resta da capire cosa succederà anche al proseguo della stagione.

Roma-Napoli: Info biglietti

La società giallorossa ha reso note, le modalità di vendita dei tagliandi per assistere a Roma-Napoli in programma sabato 4 aprile alle 12:30 allo stadio Olimpico.

Queste le modalità di vendita:

- Dalle ore 10.00 di lunedì 23 marzo, alle ore 11.30 di sabato 4 aprile 2015 (A.S. Roma Store).
- Dalle ore 10.00 di lunedì 23 marzo, alle ore 12.30 di sabato 4 aprile 2015 (Ricevitorie LISTICKET).

Stasera Roma-Fiorentina per il riscatto: Le probabili formazioni

E' arrivato il giorno di Roma-Fiorentina, derby d'Italia valevole per gli ottavi di finale di Europa League. 

I giallorossi sono chiamati al riscatto dopo la sconfitta in campionato di lunedì contro la Sampdoria allo stadio Olimpico, e cercano, proprio tra le mura amiche una vittoria che manca ormai da oltre cento giorni, troppi per una piazza come quella capitolina.

Ma gli uomini di Garcia posso contare su un piccolo vantaggio, cioè il pareggio dell'andata al Franchi per 1-1, con reti di Ilicic e Keita. Ma momento in casa Roma si sa, è delicato. La Fiorentina invece sta bene, viene da sul successo in rimonta con il Milan ed attraversa un ottimo momento di forma, eccezion fatta per lo schiaffo rimediato proprio all'Olimpico contro la Lazio. La forma della Fiorentina contro l'orgoglio della Roma, chi passa il turno si candida prepotentemente per la vittoria finale.

QUI ROMA - Rudi Garcia recupera De Rossi e Manolas. Il centrocampista romano, dopo la pessima prestazione dell'andata, cercherà di riscattarsi per mettere a tacere le critiche. Insieme a lui Keita e Pjanic, con Nainggolan squalificato dopo il giallo rimediato a Firenze. In difesa linea greca con Torosidis e Holebas sulle fasce ed il recuperato Manolas in coppia con Yanga-Mbiwa in mezzo. Davanti torna titolare capitan Totti, assente nella gara d'andata. Con lui Gervinho e Ljajic.

QUI FIORENTINA - Mister Montella si affida al 3-5-2 per sfidare la Roma. Un solo, grandissimo, dubbio per il tecnico gigliato: chi sarà il partner d'attacco di Salah? Montella ha convocato sia Babacar che Mario Gomez, anche se il tedesco, dopo l'infortunio subito in Coppa Italia con la Juventus, non è ancora al meglio. La logica quindi vede Babacar favorito per guidare l'attacco viola. Assente Pizarro, che non ha recuperato dopo il problema accusato nella gara d'andata: toccherà a Badelj sostituire il cileno, con Borja Valero e Mati Fernandez a completare il reparto. In difesa torna Savic: insieme al montenegrino ci saranno Gonzalo Rodriguez e Tomovic, con Neto ancora una volta titolare.

Queste le probabili formazioni che scenderanno in campo tra qualche ora allo stadio Olimpico:

ROMA (4-3-3): Skorupski, Torosidis, Manolas, Yanga-Mbiwa, Holebas, Pjanic, De Rossi, Keita, Ljajic, Totti, Gervinho.

FIORENTINA (3-5-2): Neto, Tomovic, Savic, Rodriguez, Joaquin, Mati Fernandez, Badelj, Borja Valero, Alonso, Salah, Babacar.

Diretta tv Premium Calcio ore 19.

Rifinitura: Manolas in gruppo!

La Roma di Rudi Garcia è scesa in campo questo pomeriggio a Trigoria per la seduta di rifinitura in vista della sfida di domani pomeriggio allo stadio Olimpico contro la Fiorentina per la gara di ritorno degli ottavi di finale di Europa League.

In campo anche Manolas e De Rossi, che hanno recuperato dagli infortuni riportati nel match di andata.

Conferenza stampa Garcia e Keita: Il tecnico "Sono venuto a Roma per vincere"

Il tecnico giallorosso Rudi Garcia insieme a Seydou Keita ha incontrato questo pomeriggio i giornalisti nella sala stampa del centro sportivo di Trigoria, alla vigilia della gara di ritorno degli ottavi di finale di Europa League in programma domani allo stadio Olimpico.

Ecco le loro parole:

È il momento più difficile della stagione? 
Keita: "Sì, lo è, ma domani abbiamo una opportunità importante di vincere, si alternano momenti alti e bassi, i campioni in questi momenti alzano la testa, possiamo ottenere la qualificazione".

Che consiglio si dà ai giovani in momenti come questo? 
Keita: "Per me un club è formato da calciatori, allenatore, società e tifosi. Se domani vince la Roma, vincono soprattutto i tifosi, è normale che ora siano arrabbiati, non stiamo rispettando le aspettative, ma chiedo loro di non lasciarci e sostenerci, domani vinceremo ma avremo bisogno del loro aiuto. È difficile giocare quando si è fischiati, succede anche ai campioni, io non sono la Roma, io potrei essere in un altro club domani, ma i tifosi ci sono sempre".

È cambiato qualcosa con la piazza? 
Garcia: "Volevo tranquillizzare la piazza, io non sarà mai un peso per la Roma, ho imparato a innamorarmi di questa squadra, quando sentirò che non sono più utile o una plusvalenza al club per ottenere vittorie o trofei, mi farò da parte, finché i giocatori mi seguono e vengo ascoltato, io devo assecondare il mio sogno di vincere qui, perché sono venuto per questo, voglio vincere qui dopo aver sognato di farlo, con questa squadra in questa piazza che è la più difficile del mondo. Io sono inflessibile, soprattutto su me stesso, questo è importante. Ogni anno facciamo i conti, faremo i conti a fine stagione".

È volata veramente una sedia nel confronto con la squadra?
Garcia: "Nello spogliatoio non ci sono sedie, ma solo panchine".

Cosa è cambiato nella Roma in questi mesi?
Keita: "Quello che è cambiato è che nel calcio, come nella vita, si alternano momenti positivi e negativi, ora stiamo fallendo diverse occasioni, è cambiato che la palla non entra, dobbiamo continuare a lavorare per cambiare le cose".

Perché difficilmente rinuncia a Gervinho? E l'utilizzo di Iturbe?
Garcia: "In Europa Gervinho ha segnato tanto. Iturbe è stato fuori molto tempo, poi abbiamo avuto altre defezioni in attacco, Gervinho è lo stesso giocatore che faceva alzare il giocatore la scorsa stagione, deve ritrovare in campionato il suo livello europeo, a Rotterdam ci ha aiutato un po' per gli ottavi di finale. Iturbe è un caso differente, si è sempre dovuto riprendere da infortuni, se non è sempre al 100% non riesce a esprimere le sue qualità, ho fiducia in questi due giocatori, come negli altri".

Quali sono stati gli errori di questo ultimo periodo?
Garcia: "Io non cado mai nell'euforia e nel pessimismo, sono sempre misurato, tranquillo e sereno. Come ha detto Keita, dopo la pioggia viene il sole, dobbiamo rifar salire la squadra, dobbiamo lasciare i giocatori tranquilli, io mi prendo tutta la colpa, ma loro devono giocare con l'aiuto, faremo i conti a fine stagione, sembra che lottiamo per la salvezza, ma abbiamo la voglia di superare il turno e andare avanti, è l'unica motivazione che abbiamo domani. Se abbiamo un po' di successo la gara andrà bene, dobbiamo concentrarci su questa e basta".

Le critiche di questo ultimo periodo come sono state accolte?
Keita: "Le critiche sono normali, perché quando vanno bene sono positive, è giusto accettare anche quelle negative. Non sono contento ora, ma sono convinto che dopo il maltempo ci sia il bel tempo. La pressione è determinata da tifosi e stampa, i tifosi possono aiutarci per vincere, i giudizi della stampa, invece, cambiano a seconda dei risultati, se tornassimo a vincere, cambierebbero tutti i giudizi. I tifosi ci sosterranno, anche loro come noi rappresentano questo club e ci aiuteranno".

In cosa Roma è la piazza più difficile?
Garcia: "Lo sapete meglio me, voi ci fate parte e basta. Un po' di tutto, ma a fine anno parleremo di tutto se volete o all'inizio dell'anno prossimo, forse è meglio".

Perché non sono stati apportati degli accorgimenti tattici per migliorare le cose?
Garcia: "In queste ultime settimane abbiamo utilizzato diversi moduli di gioco, la differenza è quando la palla entra o no. Contro la Sampdoria abbiamo giocato molto bene, abbiamo pareggiato delle gare prima in cui avevamo giocato molto peggio rispetto alla Sampdoria, tipo contro il Parma o il Chievo. Finché la squadra si procura occasioni sono tranquillo, non ho visto questa cosa due giorni fa. La sconfitta purtroppo è arrivata dopo tanti pareggi, poi è arrivata in un modo che sarebbe potuto comunque capitare, non voglio che i giocatori pensino che due giorni fa sia stato tutto da buttare. In questo momento vinceremo le partite solo se ci appoggiamo col gioco, serve anche orgoglio e carattere ma il gioco è fondamentale, loro devono avere fiducia e i miei giocatori ce l'hanno".

Roma è una piazza difficile specialmente per gli allenatori?
Garcia: "Non lo so, lo è anche per i giocatori, io non mi arrendo nel primo momento di difficoltà, spero ve ne siano altri per reagire, per questa stagione direi basta, abbiamo avuto abbastanza problemi. Non so quando sia l'ultima di campionato, ma fino al fischio finale ci sarò e spingerò tutti coloro che hanno bisogno di essere spinti e io sarò il primo".

Cesena-Roma: Info biglietti

La società giallorossa ha reso note, attraverso il proprio sito ufficiale, le modalità di vendita dei tagliandi per assistere a Cesena-Roma in programma domenica 22 marzo alle 20:45 allo stadio Manuzi.

Queste le modalità di vendita:

PREVENDITA BIGLIETTI
Da martedì 17 , fino alle ore 19.00 di sabato 21 marzo 2015.

PUNTI VENDITA
Rivendite del circuito VIVATICKET abilitate sul territorio nazionale, consultabili sul sito www.vivaticket.it

PREZZO
Settore Ospiti: INTERO € 37,00  JUNIOR (NATI DAL 2000 IN POI) € 16,00

MODALITA' E LIMITAZIONI
La vendita dei biglietti per i posti destinati ai sostenitori della squadra ospite ("settore ospiti" e/o altre zonedello stadio) è vietata ai residenti nella Regione Lazio

. L'acquisto dei suddetti tagliandi sarà consentito esclusivamente previa presentazione delle Tessere " AS ROMA CLUB PRIVILEGE" o "AS ROMA CLUB AWAY" in originale, unitamente al documento d'identità.

Faccia a faccia Garcia-squadra: volano sedie!

E' scontro vero e proprio tra l'allenatore Rudi Garcia e la squadra. Secondo alcune indiscrezioni, infatti, ieri è andato in scena un duro faccia a faccia tra il tecnico e i giocatori nel quale Garcia, ancora scosso dalla sconfitta contro la Sampdoria, ha scagliato una sedia contro un muro e ha chiesto di tirare fuori gli attributi.

Caos Parma: Arrestato Manenti!

Continua la bufera in casa Parma. Questa mattina, infatti, il presidente gialloblu Giampietro Manenti e' stato arrestato dagli uomini della Guardia di Finanza nel corso di un'operazione coordinata dalla Procura di Roma.

L'accusa nei confronti dell'imprenditore è di reimpiego di capitali illeciti. Manenti è presidente del Parma calcio dallo scorso mese di febbraio ed era in attesa dell'udienza del Tribunale fallimentare fissata per il prossimo 19 marzo nella quale si era impegnato a portare un piano di rilancio del club . 

Sin dal giorno del suo arrivo in Emilia Romagna aveva garantito di avere la possibilità di rilanciare il Parma pagando i debiti e investendo nuovi soldi, mai arrivati in Italia.

Roma-Fiorentina a Cakir!

Sarà il turco Cuneyt Cakir a dirigere la sfida tra Roma e Fiorentina in programma giovedì pomeriggio allo stadio Olimpico e valida per il ritorno degli ottavi di finale di Europa League.

Il dischetto turco sarà coadiuvato dagli assistenti Duran e Ongun, dal quarto uomo Satman, e dagli addizionali saranno Abay, Ozkahya. 

Giudice Sportivo: Keita e Pjanic fermati per un turno!

Il Giudice Sportivo Tosel ha reso note le sanzioni disciplinari dopo la ventisettesima giornata. La Roma esce con le dalla sfida dell'Olimpico contro la Samp, sotto l'aspetto del risultato ma anche quello disciplinare.

Ecco le decisioni del Giudice Sportivo Giampaolo Tosel:

- Ammenda di € 3.000,00:
"alla Soc. ROMA per avere suoi sostenitori, nel corso della gara, lanciato nel recinto di giuoco due petardi ed acces o nel proprio settore due fumogeni ed un petardo; sanzione attenuata ex art. 14 in relazione all'art. 13 lettere a) e b) CGS, per avere la Società concretamente operato con le Forze dell'Ord ine a fini preventivi e di vigilanza".

- SQUALIFICA PER UNA GIORNATA EFFETTIVA DI GARA ED AMMONIZIONE CON DIFFIDA ED AMMENDA DI € 1.500,00
KEITA Seydou (Roma): "per proteste nei confronti degli Ufficiali di gara; sanzione aggravata perché capitano della squadra (Terza sanzione); per avere, al 36° del secondo tempo, all'atto del provvedimento di ammonizione, rivolto un ironico ap plauso all'Arbitro".

- SQUALIFICA PER UNA GIORNATA EFFETTIVA DI GARA:
PJANIC Miralem (Roma): "per comportamento scorretto nei confronti di un avversario; già diffidato (Ottava sanzione)".

- AMMONIZIONE CON DIFFIDA (SETTIMA SANZIONE)
ASTORI Davide (Roma)

Restano in diffida: Maicon, Torosidis, Manolas.

Subito in campo: De Rossi, Manolas e Ibarbo in gruppo!

La Roma è scesa questa mattina sul terreno di gioco del centro sportivo di Trigoria, il giorno dopo la pesante sconfitta di campionato contro la Sampdoria, per iniziare la preparazione in vista  della gara di ritorno degli ottavi di finale di Europa League in programma giovedì pomeriggio contro la Fiorentina di Vincenzo Montella.

Buone notizie per Rudi Garcia, con De Rossi, Manolas e Ibarbo che hanno lavorato con il resto del gruppo.

Lavoro di scarico per chi ha giocato contro la Sampdoria. Assenti Castan, Strootman e Balzaretti. Personalizzato per Maicon.


Top