Conferenza stampa Garcia: "Non voglio distrazioni. Secondo posto? Spero ci sia consapevolezza" | Noi siamo la Roma

Slider[Style1]

Style2

Style3[OneLeft]

Style3[OneRight]

Style4

Style5

Conferenza stampa di vigilia per il tecnico giallorosso Rudi Garcia che, nella sala stampa del centro sportivo di Trigoria, ha incontrato i giornalisti 

Ecco le dichiarazioni del mister della Roma:

Cosa salverebbe del match con l'Inter e cosa non vuole rivedere?
"Salvo tante cose, abbiamo fatto una buona partita. Dobbiamo migliorare l'efficacia nell'area nostra e in quella avversaria. Giocando così vinceremo le partite, per me è una partita interessante".

Il secondo posto dipende solo dalla Roma, c'è questa consapevolezza?
"Spero, sanno cosa fare. Non progettiamo sulle sei partite, ma su quella di domani per ottenere quello che vogliamo, la qualificazione in Champions".

Modulo con Pjanic più due attaccanti?
"È una possibilità o a inizio gara o durante. Il Sassuolo non ha lo stesso modulo che ha l'Inter. Quando scegliamo un modulo lo facciamo per mettere in difficoltà l'avversario".

Condizioni Keita, Holebas e Pjanic
"Pjanic sta benissimo, Keita anche: lo abbiamo risparmiato perché ha avuto un po' di fastidio al ginocchio ma si è allenato al 100%. Holebas non lo convoco, ha fastidio agli adduttori ed è meglio non rischiarlo perché ho soluzioni."

Si aspetta una squadra al 100%?
"Lo fanno già. Togliamo la gara contro l'Atalanta ma lo hanno fatto anche contro l'Inter. Gli errori? Al contrario della partita di andata domani non dobbiamo fare regali all'avversario: sarà importante così come fare un gioco che crei occasioni, essere cinici per segnare. Per vincere bisogna farlo"

Sabatini: "Totti decide lui". Per lei è un giocatore importante per il futuro?
"Le domande le dovete fare a Walter se volete dei dettagli. Quello che so è che ho una partita da gestire domani e che il capitano è importantissimo per noi: non è perché è uscito nell'ultima gara che non ci aiuterà per qualificarci alla Champions. Faremo conti e bilancio alla fine della stagione, a che serve parlare oggi dei singoli? Non voglio distrazioni, voglio concentrazione sulle partite, specie la prossima che è la più importante della stagione."

Vede una Roma svogliata in allenamento come ha detto Pjanic?
"La squadra si allena benissimo. Mire ha voluto dire che bisogna dare tutto, essere più efficaci nelle gare che restano. Mi è piaciuto, vuol dire che Pjanic è tornato: il suo infortunio, che è durato quattro mesi, spero sia passato. A fine gara era carico e spero che la squadra, come ha detto lui, dia tutto, che usi la testa e metta carattere e orgoglio."

Gervinho?
"Non serve niente guardarsi indietro: anche se avesse fatto benissimo bisogna fare ancor meglio fino alla fine della stagione. Parlo di tutti gli attaccanti: possono fare meglio, con gol e assist. La risposta la possono dare già da domani."

Non-ritiro: scelta sua al 100%?
"Tutte le decisioni sono mie. Parlo anche con lo staff perché siamo un gruppo ma tutte le decisioni sono mie. Possiamo frustarli, farli dormire nudi ma a che serve? Si prende un esempio che funziona, ma posso citarne dieci per dimostrare che non funziona. Doumbia? Questo pseudo-tifoso che ha filmato il riscaldamento, mi chiedo dove fosse nei 14 minuti in cui si è scaldato durante l'intervallo: questo è rovistare nella spazzatura. Il ritiro è una decisione mia: se vinciamo abbiamo fatto bene, se non vinciamo abbiamo fatto male. Funziona così, è la regola."

Doumbia: come ha vissuto questi giorni? Portiere: Skorupski-De Sanctis?
"Questa è una buona domanda ma giocherà Morgan domani: sta bene, siamo quasi a fine stagione e non c'è bisogno di cambiare. Doumbia non vede l'ora di giocare e segnare. Ed è quello che mi aspetto da lui."

Si sente di dire che la Roma entra in Champions League?
"Siamo a un punto dal secondo posto, l'obiettivo è qualificarci come secondi. Sono sereno, tranquillo, motivato e determinato: fino all'ultimo secondo della stagione lotteremo. Con chi crede in questa squadra e io per prima credo in questi ragazzi."

Più permissivo nei confronti della squadra: atteggiamenti che hanno portato il gruppo ad approfittarsi?
"Vieni dentro così parli a ragion veduta. E' sempre facile parlare con il senno di poi e farlo quando i risultati vanno meno bene. Non sono uno che parla o che cade nel pessimismo dopo una sconfitta: penso sempre positivo e l'unica risposta che possiamo dare è domani. Per noi non cambia: l'unico obiettivo è vincere domani. Non ho un secondo da perdere su queste cose, domani serve vincere perché è quello che bisogna fare."

Giocherà Cole?
"Giocheremo con un terzino sinistro. Possiamo giocare con Balzaretti, Cole, Florenzi, Torosidis, forse un altro. Vedremo."

«
Next
Post più recente
»
Previous
Post più vecchio

Nessun commento:

Post a Comment


Top