giugno 2015 | Noi siamo la Roma

Slider[Style1]

Style2

Style3[OneLeft]

Style3[OneRight]

Style4

Style5

Raggiunto l'accordo tra Roma e Dzeko!

L’asse Roma-Manchester si infuoca. Come riporta Sky Sport, sembrerebbe che il club giallorosso abbia trovato un accordo di massima con Dzeko sulla base di un contratto quinquennale. Per venire alla Roma il bosniaco sarebbe disposto ad abbassare il suo contratto fino a 4,5 milioni di euro annui. Bisognerà trovare l’accordo con i Citizens per il cartellino, ma a breve potrebbero partire i contatti.

Tutto ha inizio il 27 maggio 2015, quando Romanews, in un pezzo firmato da Fabrizio Aspri, regala l’anticipazione di una trattativa destinata a calamitare attenzione. La Roma, ottenuti i soldi della Champions e spronata dalle ambizioni di Pallotta e dalle strategie di Sabatini tenta il grande colpo: portare a Trigoria un centravanti dal prestigioso pedigree. Le voci sullo sbarco del bosniaco nella Capitale, si sono poi rincorse fino a domenica scorsa quando, in quel di Ibiza il nostro Federico Prosperi incontra Pjanic, gli strappa un saluto per i lettori di Romanews e, soprattutto, una dichiarazione sull’amico Dzeko che elettrizza la piazza:”Verrebbe a Roma di corsa, l’ingaggio si aggiusterebbe”. Ieri, lunedì, l’altro colpo di Romanews, questa volta a firma di Emanuele Zotti: un’indiscrezione che conferma l’avvicinamento tra la Roma e l’entourage del bosniaco attraverso la comparsa di un intermediario contattato in terra inglese. La conferma definitiva, infine, arriva da Sky Sport e dalla voce di Gianluca Di Marzio che annuncia in tarda serata un’accordo di massima raggiunto tra la Roma e il giocatore e basato su un contratto di 5 anni e un ingaggio pari a circa 4,5 milioni a stagione. Ora, per brindare, mancherebbe solo l’annuncio ufficiale: è questione di ore?



(fonte romanews.eu)

Proposto Casillas!

Era grande di Spagna, viceré se non re, baluardo di Madrid e della patria. Adesso è nobilmente decaduto. Non per tutti, certo, e fuori di casa può essere ancora considerato un profeta della porta. Iker Casillas vuole andarsene, il Real Madrid vuole graziosamente che se ne vada. La Roma cerca un portiere sul quale riversare una minima parte delle proprie risorse, magari anche zero risorse. L’equazione viene facile. Non è solo un teorema, però. Casillas adora Roma. Ha alzato gli occhi dal terreno reagendo alla depressione che lo ha colto quando ha capito di non essere più gradito nella squadra in cui ha passato e parato una vita. E ha cercato un approdo. La Roma è l’approdo che gradisce maggiormente. La Champions League sicura ha il suo peso. Per buona misura, l’agente Carlo Cutropia ha detto al sito LaRoma24: «Grande squadra, uno dei migliori club d’Europa, una città e un pubblico caldo che ci piacciono molto».

C’è tutto l’entusiasmo del mondo da parte di Casillas, questo possiamo confermarlo, e c’è una certa ghignante soddisfazione da parte della Roma all’idea di mettere il vertice della difesa nelle mani di un campione d’Europa e del mondo. E in questo momento il Real Madrid non vorrebbe altro che benedire questa nuova storia d’amore. Anche gratis. Macché gratis,addirittura pagando di tasca sua. Casillas è visto come perfetto dalla Roma, nonostante i 34 anni, nonostante il periodo cupo che attraversa. Assai meno perfetto è lo stipendio: intorno ai 7 milioni netti all’anno. Però il Real vuole mettere il giocatore sullo scivolo d’uscita e gli ha detto: visto che ti piace la Roma, dì loro che siamo disposti a darti in prestito e pagarti la metà dell’ingaggio per i due anni di contratto che ancora avresti con noi. Qui cominciano le difficoltà. Il portiere ha avanzato una proposta ben diversa, cioè prendersi i 14 milioni che ancora dovrebbe incassare da contratto e togliere immediatamente il disturbo. Per quanto ricco e generoso, il Real a condizioni del genere non ci sta.



(fonte corriere.it)

Sette acquisti per la Roma

Sono almeno sette gli acquisti che la Roma ha in canna dopo l’arrivo di Iago Falque. Per ogni ruolo scoperto, Sabatini ha almeno 3-4 opzioni. La priorità assoluta, scrive Il Tempo (A. Austini), è il centravanti. La Roma continua a monitorare Bacca, ha scartato al momento Dzeko, sa che Lukaku è sul mercato e non ha mai perso di vista Luiz Adriano. A centrocampo serve solo una pedina: un vice-Strootman, mentre in difesa sono attesi almeno tre giocatori nuovi fra cui due terzini sinistri (Kurzawa, Digne o Adriano). A destra si riparte da Florenzi, Bruno Peres è sempre in stand by. Anche Castan è un’incognita, ecco perché si cerca anche un centrale. Tra quelli proposti Heurtaux e Abdennour.



(fonte romanews.eu)

Il sogno è Ibra!

Il Giornale riporta oggi parole importanti da parte di Walter Sabatini, direttore sportivo della Roma, riguardo un possibile ritorno di fiamma della Lupa per il centravanti svedese del PSG Zlatan Ibrahimovic, già finito nelle mire del Milan nelle scorse settimane: "Ma se il Milan vuole Ibra, tutto è possibile. Se lo vuole la Roma è una fregatura?". L'esperto dirigente capitolino ha in mente un colpo leggendario per la squadra capitolina, fortemente intenzionata a tornare competitiva per il titolo italiano.


(fonte tuttomercatoweb.com)

Bertolacci ceduto al Milan! Domani le visite mediche

Domani Bertolacci sarà a Milano per sostenere le visite mediche. Nella giornata di ieri, l’ex centrocampista del Genoa, ha firmato un quadriennale da 1,5 milioni a stagione con il Milan.

La Roma lo ha ceduto infatti al Milan per la cifra di 20 milioni di euro, dopo averlo riscattato solo qualche giorno fa dal Genoa, ottenendo così un'ottima plus valenza!

Dopo Destro saluta Holebas

Nelle ultime ore si sono concretizzate almeno due offerte per Holebas, richiesto in Premier League (Watford) e in Turchia. Il greco, scrive Il Tempo (A. Serafini), sta valutando l’idea di lasciare la capitale. Stesso discorso per Cole (che aspetta proposte concrete).

La rivoluzione sulla corsia di sinistra ha acceso anche la suggestione di poter puntare sul terzino del Monaco Kurzawa : l’ipotesi di un inserimento all’interno dell’operazione Destro è stata però prontamente bloccata dall’alta valutazione del cartellino, fissata oltre i 20 milioni. Quindi in caso ulteriori discorsi verranno presi in considerazione soltanto in seguito.


(fonte romanews.eu)

Sabatini: “Vogliamo Bacca”. Offerti 25 milioni!

Si continuano a intrecciare gli interessi di mercato di Roma e Milan. Questa volta l’interessato è Carlos Bacca. Come riporta il Mundo Deportivo, i giallorossi avrebbero formulato una prima offerta di 25 milioni di euro per il colombiano. Il Siviglia non si muove, però, dai 30 inizialmente richiesti e previsti dalla clausola rescissoria. I rossoneri anche sarebbero interessati all’attaccante del club andaluso e potrebbero inserire nell’affare Adil Rami, il quale ha manifestato la voglia di andare via da Milano.

Secondo quanto riporta Abc.es, sarebbe arrivata anche la conferma del ds giallorosso sull’interesse della Roma per Bacca. “Vogliamo Bacca, è vero. Non posso dire di più” ha chiuso Sabatini.



(fonte romanews.eu)

Ufficiale Iago Falque! Il Lione punta Destro!

Prima la firma, poi il ritorno a Ibiza per completare le vacanze interrotte. È stato definito nella serata di ieri il passaggio in giallorosso di Iago Falque, il primo acquisto estivo firmato Walter Sabatini. L’attaccante spagnolo ha atteso il ritorno nella capitale di Baldissoni per siglare a Trigoria un quinquennale. Appena qualche ora prima è arrivata via fax anche la firma di Bertolacci, per un doppio affare con il Genoa da 16.5 milioni di euro più bonus.

Il Lione piomba su Mattia Destro. Secondo le10sport.com, il club francese vorrebbe la punta
romanista per sopperire all’operazione Gignac, sfumata per il trasferimento al Tigres, in Messico, a parametro zero.



(fonte romanews.eu)

Nainggolan più vicino! Visite mediche per Iago Falque!

Rush finale per il riscatto di Nainggolan. Secondo quanto riporta Sky Sport, Roma e Cagliari in questo momento sarebbero a colloquio per chiudere la trattativa. Dalle parti filtra ottimismo e si conta di firmare in giornata.

Intanto Iago Falque è da ieri nella Capitale ed è sempre più vicino alla Roma. Come riporta Rete Sport sul suo sito, lo spagnolo in mattinata avrebbe ultimato le visite mediche presso l’ospedale Agostino Gemelli. Ha poi fatto ritorno in hotel da dove si attendono nuovi sviluppi.



(fonte romanews.eu)

Garcia vuole Dzeko!

E’ Dzeko l’attaccante richiesto da Garcia. Come riporta il Corriere dello Sport (G.D’Ubaldo), l’attaccante del City è legato a doppio filo a Pjanic e raggiungerebbe volentieri il compagno di nazionale nella Capitale. L’ostacolo più grande per il suo approdo in giallorosso potrebbe essere rappresentato dal suo ingaggio; la soluzione potrebbe essere un contratto con numerosi bonus.


(fonte romanews.eu)

Roma e Bacca promessi sposi

La Roma ha scelto Carlos Bacca e Carlos Bacca ha scelto la Roma. Allora dici: cosa manca per il matrimonio? C'è da convincere la...suocera. E la suocera è Siviglia, che per il riscatto della «figlia» spara 30 milioni di euro. Gelosa, si può capire, se è vero che il colombiano è l'uomo vetrina di una famiglia — pardon, di una squadra — che ha chiuso la seconda stagione consecutiva con un'Europa League in tasca, che è un po' di più del semplice portare lo stipendio a casa a fine mese.

CI SPOSIAMO Ma sulla suocera si può lavorare, almeno questo è lo stato dell'arte di un affare che prende corpo ogni giorno che passa, ogni settimana che passa. Verrebbe da dire ogni mese che passa, considerato che la Roma ha avviato i colloqui con Bacca ormai da tempo, dallo scorso inverno. Quasi sei mesi di approcci, di ammiccamenti, che hanno portato a una sostanziale promessa di matrimonio tra le parti: c'è una base di accordo tra la Roma e Bacca, raggiunta dal d.s. Walter Sabatini negli ultimi giorni milanesi, per un ingaggio garantito al colombiano intorno ai 3 milioni di euro netti a stagione. Il d.s. ha una «cotta» per il colombiano, che reputa l'attaccante ideale per rinforzare un attacco che nell'ultima stagione è stato il vero punto debole della formazione di Rudi Garcia. E Bacca è affascinato dall'idea di giocare nel campionato italiano, ancor di più in una piazza calda come Roma, in una società di prima fascia e dalle ambizioni sicure.

E ADESSO? Di mezzo c'è però il Siviglia, che ha fatto trapelare di non voler scendere sotto i 30 milioni di euro della clausola rescissoria presente nel contratto del colombiano (in scadenza nel 2018). E allora? È il gioco delle parti, ognuno ha il suo copione. E così da un lato c'è Bacca, che ha rifiutato finora altre possibili destinazioni e ha detto sì al progetto Roma. Ma ora aspetta una mossa concreta, un affondo deciso del club giallorosso verso il Siviglia, magari anche per evitare che le offerte provenienti da altri campionati (Premier League su tutti) diventino convincenti. E di qua c'è la Roma, che conta proprio sulle mosse del giocatore e sul suo ottimo rapporto con la dirigenza del Siviglia: tra le parti c'è una sorta di patto tra gentiluomini, il club andaluso un anno fa, ai tempi del rinnovo di contratto, promise al calciatore che avrebbe ascoltato il suo desiderio di andar via di fronte a un'offerta interessante. Ecco perché la Roma spera di rivedere al ribasso la richiesta di 30 milioni.

BERTOLACCI DI PASSAGGIO? Poco meno del doppio dei 16 milioni investiti per rilevare dal Genoa la seconda metà di Andrea Bertolacci (ieri al matrimonio di Florenzi) e l'intero cartellino di Iago Falque. Quest'ultimo prenderà il posto di Gervinho: si aspetta solo l'annuncio della cessione dell'ivoriano all'Al Jazira. Sul centrocampista le certezze sono inferiori: il Milan resta interessato, Trigoria potrebbe essere per l'ennesima volta solo una stazione di passaggio. L'azzurro vuole giocare con continuità, la Roma non può garantirglielo. Può farlo solo con Bacca.



(fonte romaforever.it)

Ecco i primi colpi: affare fatto per Bertolacci e Falque! Nainggolan più vicino!

Andrea Bertolacci riscattato dal Genoa e acquistato l’attaccante spagnolo Iago Falque sempre dai rossoblu di Preziosi. Il direttore sportivo Sabatini ha messo a segno la doppia operazione per una cifra che – secondo gazzetta.it – si aggira intorno ai 15 milioni di euro.

Intanto il futuro di Radja Nainggolan è ancora alla Roma. Perché il Cagliari e i giallorossi sono vicini ad una soluzione per la comproprietà del centrocampista belga. Richiesta 18 milioni, offerta 16,5 più bonus e magari un giocatore della Roma. Il Cagliari vuole 18 milioni, le parti sembrano più vicine e alla fine si potrebbe trovare una soluzione. Probabilmente senza contropartita tecnica, anche
se al Cagliari, ve lo abbiamo raccontato, piace Verde. In settimana possibile nuovo incontro tra i due club. E dopo la risoluzione della comproprietà a favore della Roma, per Nainggolan arriverà il rinnovo del contratto fino al 2020. Parti vicine. Nainggolan e la Roma andranno avanti insieme...



(fonte romanews.eu e tuttomercatoweb.com)

Il calendario estivo giallorosso: Raduno a Trigoria il 4 luglio!

La Roma, dopo le delusioni della stagione appena terminata, deve ripartire per cercare di colmare il gap con la Juventus. La squadra giallorossa non partirà come la favorita per lo scudetto, ma per il secondo anno consecutivo parteciperà alla Champions League, fondamentale per il prestigio e per le casse della società. L’obiettivo per il campionato 2015-16 è centrare almeno un trofeo, anche piccolo come la Coppa Italia, ma che possa aprire un ciclo vincente e duraturo.

RADUNO A TRIGORIA – L’appuntamento al centro sportivo Fulvio Bernardini è previsto per il 4 luglio, quando saranno convocati anche Strootman e Castan. I due giallorossi dovrebbero svolgere l’intera preparazione per tornare al top già dalla prima di campionato. Al raduno di Trigoria, però, non ci saranno tutti: mancheranno all’appello i giocatori impegnati con le rispettive nazionali.

RITIRO A PINZOLO – La Roma cambia programma e location rispetto alla scorsa estate. Dopo i problemi manifestati dal punto di vista atletico, si è preferito anticipare il ritiro rispetto alla tournée. Così la squadra giallorossa si ritroverà alle pendici delle Dolomiti del Brenta, dopo l’ultimo ritiro negli anni Ottanta, a Pinzolo (Trentino) dal 6 al 11 luglio: cinque giorni presso il centro sportivo “Pineta” dedicati agli allenamenti, alla preparazione atletica, a partite amichevoli, a momenti pubblici, incontri con i tifosi e in cui conosceremo i primi volti nuovi della stagione.

TOURNEE ORIENTALE – La truppa giallorossa tornata da Pinzolo si fermerà 3 giorni nella Capitale per poi partire il 14 luglio da Fiumicino alla volta dell’Australia. Per la tournée la Roma ritroverà tutti i nazionali, fatta eccezione per Ibarbo e Romagnoli. Il primo impegnato con la Coppa America e, nel caso la sua Colombia dovesse arrivare fino in fondo, si rivedrebbe intorno ai primi d’agosto; mentre il difensore di Anzio potrebbe essere impegnato fino al 30 giugno con l’Europeo Under 21. Durante il soggiorno australiano, nell’ambito dell’International Champions Cup 2015, la Roma disputerà due amichevoli con il Real Madrid (18 luglio) e con il Manchester City (21 luglio). Poi volerà in l’Indonesia, dove è stata già fissata per il 25 luglio l’amichevole contro la formazione locale del Persija Jakarta. Ritorno nella Capitale previsto tra il 26 e 27 luglio.

RITIRO PRE-CAMPIONATO – Conclusa la tournée orientale, la squadra godrà di qualche giorno di riposo prima di tornare a Trigoria per preparare il debutto in campionato. Sembra certa la sfida del 1° agosto a Lisbona contro lo Sporting. Match valido per la quarta edizione del torneo “Cinco Violinos” e che si disputerà allo stadio Alvalade. Da confermare, invece le altre amichevoli prima dell’inizio della stagione fissato per il 23 agosto. Sicuramente una delle partite ospiterà la presentazione della Roma 2015-16 allo stadio Olimpico.


Date e orari delle amichevoli estive

Ritiro a Pinzolo

11 luglio: AS Roma-Selezione locale (orario da fissare)

International Champion Cup

18 luglio: AS Roma-Real Madrid (Melbourne Cricket Ground, alle  7.00 ora locale, 17,00 ora italiana)

21 luglio. AS Roma-Manchester City  (Melbourne Cricket Ground, alle  7.00 ora locale, 17,00 ora italiana)

Tournée in Indonesia

25 luglio: Persija Jakarta-AS Roma (location e ora da fissare)

Trigoria 

1° agosto: Sporting Lisbona-AS Roma (Lisbona, ora da fissare)



(fonte romanews.eu)

Conferenza stampa Pallotta: “Garcia sbaglia, con lo stadio raggiungeremo e batteremo la Juve”

Presso la Sala Esedra dell'Hotel Residenza di Ripetta, il presidente della Roma James Pallotta ha tenuto una conferenza stampa. 

"Il motivo per cui ho indetto una conferenza è perché sono stanco di qualche articolo e darvi l'opportunità di farmi ogni tipo di domanda. Ho letto cose fantasiose sui nostri metodi e sull'allenatore".

Che estate sarà per i tifosi della Roma?
"Non vi diremo tutte le nostre operazioni, sappiamo che un paio di giocatori partiranno. Sappiamo cosa fare e che abbiamo bisogno di 3-4 innesti. La scorsa stagione abbiamo sofferto le assenze di Castan e Strootman e stiamo già a lavoro".

A che punto è la situazione di Nainggolan? Come si colma il distacco dalla Juventus?
"Stiamo lavorando tutti i giorni, vogliamo che lui rimanga e lui vuole rimanere con noi. Il distacco con la Juventus abbiamo avuto una seconda parte difficile. Non credo sia così tanto il distacco con la loro, abbiamo pareggiato 13 volte e senza infortuni ne avremo vinte di più".

Più difficile costruire lo stadio o vincere lo scudetto?
"Ottima domanda. Lo stadio sta procedendo per il meglio. Lo scudetto? Se i giocatori sono in forma, se riuscissimo a seguire i giocatori che stiamo seguendo e visti i nuovi metodi che stiamo intraprendendo. Entrambe le cose sono perseguibili".

Qual è il reparto da rinforzare di più?
"Il nostro centrocampo, quando è in forma, è uno dei migliori d'Europa. In difesa l'assenza di Castan è stato un fattore negativo, anche Manolas, che ha avuto una buona stagione, poteva beneficiare della sua presenza. Fondamentalmente occorre segnare di più e considerare il discorso centravanti. L'attacco ha avuto momenti brillanti lo scorso anno, come con il CSKA e con la Juve a Torino. La questione è la condizione fisica. Non incolpo nessuno ma ci saranno e sono già in atto dei cambiamenti. Di base, bisogna segnare di più."

Il Financial Fair Play, lo ritiene una regola ben fatta o pensa che la concorrenza non è equa?
"Sto cercando di capire anche io come funziona. La Roma è un esempio da seguire per quanto lo riguarda. Siamo passati da grossi debiti a un leggero avanzo. Sottolineo leggero, non vuol dire che abbiamo tanti soldi e non li usiamo per i giocatori!".

Troppo presto per sognare un grande centravanti come Higuain?
"No, non è un problema."

L'incontro con Garcia, lei è sempre convinto che sarà il Ferguson della Roma?
"Abbiamo avuto un incontro, prima che lui si prendesse una meritata vacanza"

L'incontro con Garcia, lei è sempre convinto che sarà il Ferguson della Roma?
"Abbiamo avuto un incontro ieri, prima che lui si prendesse una meritata vacanza. Molti di voi erano lì. Abbiamo avuto uno scambio di opinioni e siamo sulla stessa linea. Siamo convinti che alcuni cambiamenti sono da attuale e sono già in atto a livello organizzativo. Vorrei che Rudi avesse la stessa carriera di Ferguson con noi. Non ho mai parlato di altri allenatori, lui ci ha portato in Champions e ha detto che abbiamo imparato molto dalla Champions passata. Rudi resta, è quello che vuole ed è quello che vogliamo noi. Non vede l'ora di ripartire, sa che lo stiamo aiutando a livello di preparazione fisica per farlo concentrare di più sulla tattica. Nessuna lotta di potere, è un lavoro di squadra. E non è un lavoro di una settimana, ci vuole molto tempo. Stiamo lavorando insieme con una squadra, non ci sono lotte di potere."

Che idea si è fatto dell'operazione intorno al Milan? Agnelli ha parlato di cifre che non si spiega in maniera chiara. Teme che questa operazione possa comportare l'arrivo di un nuovo avversario per la Roma, al livello della Juve?
"Chiunque arrivi a rinforzare la Serie A è un fatto positivo. E' un bene avere squadre forti, non so bene come sia andata questa operazione, ma a noi dà una maggiore flessibilità. Abbiamo un maggior valore a livello di marketing e un enorme vantaggio, dato da Roma, la migliore città del mondo. Non so come sono andate le cose alla Juve, ma stanno facendo bene, è sotto gli occhi di tutti e bisogna accettarlo."

Come mai la Roma è senza un main sponsor da 2 anni? Perché ha firmato un contratto decennale con la Nike incassando meno della precedente sponsorizzazione? Come pensa di colmare il gap di fatturati con la Juve?
"Riguardo la sponsorizzazione, abbiamo diverse manifestazioni d'interesse. E' stato fatto un errore, si pensava di legare la sponsorizzazione con lo stadio, ma stiamo facendo dei cambiamenti. Quella sulla Nike è una domanda spettacolare. Abbiamo siglato un accordo che ci garantirà introiti, ma non siamo contenti della produzione a breve termine. Abbiamo ricevuto chiamate da molti tifosi che non sono riusciti a ricevere i kit. Abbiamo una grande domanda, sta alla Nike aumentare la produzione. Non saranno contenti di ciò che dico, ma devono darsi una mossa, hanno fatto dei completi bellissimi ma bisogna vendere. Riguardo il gap finanziario con la Juve, nei prossimi mesi avremo delle iniziative di merchandising estremamente rilevanti, ma torniamo sempre al discorso stadio. Quando lo avremo, avremo un fatturato maggiore al resto dei club in Italia."

Si sono criticati allenatore e ds per la scorsa stagione, ha qualche appunto da fare ai giocatori? Per la prima volta è stato contestato, per il mancato ricorso contro la chiusura della Curva. Come risponde?
"Riguardo i giocatori, per fare un paragone tra le due ultime stagioni gli infortuni non hanno aiutato. Se poi non sono stati in forma non è colpa loro, ma nostra, dobbiamo migliorare l'allenamento collettivo. Poi c'è stata la partita con il Bayern. Cose che purtroppo succedono, i risultati non riflettono i veri valori in campo ma ci possono essere ripercussioni. Mi è piaciuta la reazione, il derby vinto con la Lazio è stata una delle migliori partite degli ultimi 2 anni. La grinta vista in quella partita mi fa sperare bene. Vorrei si smettesse di dire che sono contro la Curva Sud, non è vero. E' un fattore importante e lo sarà di più con il nuovo stadio. Solo una piccola percentuale di tifosi causa problemi, ma succede anche altrove, non solo a Roma. In ogni modo non aiutano la squadra, in casi di razzismo e violenza prenderò sempre una posizione contraria, sempre e comunque, e difenderò i giocatori se i tifosi saranno ingiusti con loro. Roma Cares sta lavorando bene e abbiamo importanti iniziative in programma per il futuro."

Tra qualche mese Francesco Totti compirà 39 anni. La sua idea sul suo futuro? C'è una decisione? La sua presenza in squadra vi condiziona per la scelta del centravanti?
"Francesco è un giocatore incredibile e qualcosa di fondamentale per la Roma. Avrà un ruolo in questa squadra fin quando lo vorrà. E noi vorremmo che fosse un ruolo importante. E' il suo ultimo anno di contratto, non abbiamo ancora parlato. ogni decisione sarà concordata. Finché giocherà sarà un arma in più, sono certo che farà parte della Roma a vita. Vorrei anche che i nostri giovani arrivino al suo stato di forma."

Negli ultimi anni la Roma ha dovuto vendere pezzi pregiati, come Lamela e Marquinhos, di fronte a grandi offerte. Il trend sarà lo stesso o ci sono incedibili?
"Durante il mercato non ci scopriamo troppo, quando vendiamo ci pensiamo sempre bene, sono decisioni razionali. La situazione di Benatia è stata particolare, con l'incasso di Marquinhos abbiamo comprato altri giocatori. Anche Lamela è stato un affare. La scorsa settimana ero a una festa di compleanno in Sardegna e oltre a tanti investitori c'era anche il proprietario del Tottenham, non riuscivano a capacitarsi dell'affare che avevamo fatto. Avremmo voluto tenere Benatia, ma alla fine è stato anche quello un buon affare, si reinvestono gli introiti per rafforzare la squadra."

Problemi preparazione atletica? Miglioramenti?
"Da dove inizio? Sicuramente c'è bisogno di una maggiore collaborazione, non sto accusando nessuno, ma la scorsa stagione non siamo stati in forma e subito diversi infortuni. Da gennaio abbiamo cercato un nuovo personale medico, identificando alcune delle maggiori figure a livello mondiale. Non è stato facile per loro trasferirsi da Boston. Ci siamo concentrati sulla biomeccanica, l'importanza del sonno, la nutrizione. Rudi anche è stato scioccato dall'organizzazione. Abbiamo sentito medici a livello europeo e abbiamo ricevuto un buon feedback su loro da Castan e Strootman così come Garcia. Questo sistema ci permetterà di essere a livelli mondiale. Anche Trigoria sta subendo trasformazioni".

Le faccio una lista di calciatori in bilico: De Sanctis, Astori, Doumbia, Cole e Gervinho. Bisogna aspettarsi una rivoluzione per la prossima stagione? Qual è il budget di mercato, alla luce del secondo posto?
"Non farò nomi e non parlerò di eventuali trattative, non ha senso farlo mentre il mercato è in corso. Qualche tifoso potrebbe rimanere deluso perché magari vendiamo un calciatore che per il tifoso è importante ma lavoriamo per migliorare la squadra. Faremo quello che importante per la squadra e ciò che è necessario per rinforzarla.Il budget dipende da vari fattori. E' stata fondamentale la vittoria nel derby perché non dobbiamo fare i preliminari ad agosto e questo ci da molta flessibilità ma non farò nomi."

Su quali basi ricomincia quest'anno il rapporto tra la Roma e Garcia? Le decisioni prese dalla società, dallo staff tecnico fino alla cessione di Gervinho, sono state prese con lui?
"Rudi non voleva dire esattamente quello che ha detto in quella conferenza, non si è espresso bene. Abbiamo parlato in seguito per telefono e sa di aver sbagliato. Credo che possiamo competere con la Juventus e batterli. Per quanto riguarda lo staff medico ci siamo visti a dicembre con Rudi, Walter ed Italo ed abbiamo cercato le figure nuove per migliorare la situazione e quindi sia la squadra che Rudi erano presente. Se Gervinho resta o parte il parere di Rudi importa e come, perché lui decide le strategie di gioco. Anche Garcia fa parte di questo processo decisionale. Per quanto riguarda quello che ha detto sulla Juventus, si è soltanto espresso male. A breve termine la Juve ha un fatturato maggiore e cercheremo di superarli con la costruzione dello stadio."

La politica di comprare tanti giovani talentuosi ha fatto spendere molte risorse alla Roma. Per conquistare qualche titolo, cambierà questa strategia?
"Credo che questo non abbia molto senso, Sabatini ha fatto un ottimo lavoro scoprendo molti talenti. Qualche talento ha avuto infortuni fastidiosi, ma ne abbiamo presi tanti di valore. Ci sono diversi casi in cui abbiamo visto che questa politica è molto positiva e funziona bene, poi ogni caso funziona a se."



(fonte romaforever.it)

Anche Doumbia ai saluti. Sirene Real per Nainggolan?

Salvo improbabili ripensamenti sul fronte giallorosso, l’affare Al Jazira-Gervinho è praticamente concluso. A malincuore, scrive Il Tempo (A. Austini), Garcia dovrebbe dare il suo assenso dopo aver ascoltato da Sabatini la lista dei potenziali sostituti. Salutato un ivoriano, un altro è pronto a imitarlo: Doumbia sarà la prossima cessione. La Roma ha infatti ricevuto almeno quattro proposte per il centravanti da Cina, Russia (non il Cska), Grecia (Olympiacos) e Inghilterra e sta per accettarne una, chiudendo con la formula del prestito con obbligo di riscatto. Un modo «indolore» per rifarsi dei 14,4 milioni investiti a gennaio a fronte di soli due gol segnati.

Con l’addio di Sami Khedira e la probabile cessione del flop Illarramendi, il centrocampo del Real Madrid avrà bisogno di innesti freschi per la prossima stagione per supportare Toni Kroos e Lukas Modric, a maggior ragione se si considera l’impatto negativo che ha avuto Lucas Silva. Dalla Spagna rimbalza l’indiscrezione secondo la quale Benitez avrebbe presentato la sua lista a Florentino Perez e in quell’elenco di nomi ci sarebbe sia quello di Radja Nainggolan che quello di Lucas Biglia, vista la buona conoscenza del calcio italiano che Rafa ha accumulato in questi due anni a Napoli dopo la breve parentesi interista.



(fonte romanews.eu)

In arrivo Bertolacci e Falque dal Genoa!

Ecco i primi rinforzi della stagione 2015/2016: Bertolacci e Iago Falque. Per primo si tratterebbe di un ritorno, finalmente, a casa. Bertolacci ha dimostrato in questo campionato di essere uno dei migliori centrocampisti del torneo, tra i più completi nel suo ruolo. Per la mediana giallorossa, se l’operazione andasse in porto, sarebbe il tassello giusto da inserire. Ma non è finita qui perché, secondo gazzetta.it, nell’ambito dell’operazione Bertolacci verrebbe inserito anche Iago Falque. Dopo un campionato eccezionale Falque, ex Barcellona e Juventus, arriverebbe nella Capitale su esplicita richiesta di Rudi Garcia.



(fonte romanews.eu)

Ljajic per Dzeko?

Con Doumbia che finora non ha convinto e con Destro che rientrerà dal prestito dal Milan ma solo per essere nuovamente ceduto, la Roma è a caccia di un nuovo attaccante. Secondo quanto riportato da SkySport il club giallorosso avrebbe avviato i contatti con l'entourage di Edin Dzeko, centravanti bosniaco del Manchester City. Possibile l'inserimento di Adem Ljajic come contropartita.


(fonte tuttomercatoweb.com) 

Castan: “Ho preso l’idoneità. Continuo a lavorare per portare la Roma in alto”

Leandro Castan ha parlato ai microfoni di Roma Radio svelando di aver ottenuto l’idoneità sportiva. Queste le sue dichiarazioni: “E’ uno dei giorni più importanti e più belli della mia vita, ho preso l’idoneità. Sto lavorando duro per tornare al mio livello. Voglio tornare il più veloce possibile al mio livello. Devo lavorare tanto, sono 8 mesi che sono fermo. Prendo 4 giorni di vacanza solo perché nasce mia figlia. Poi continuo a lavorare perché voglio stare vicino e tornare al 100%. Se ci vediamo a Pinzolo? Vediamo quali sono i programmi. Grande gioia per me e i tifosi. Vogliamo portare la Roma in alto”.


(fonte romanews.eu)

Il Cagliari su Verde!

Le trattative tra i sardi e la Roma continuano. In ballo ci sono tanti giocatori, su tutti Nainggolan. Da non sottovalutare anche le operazioni legate ad Astori e Ibarbo. Secondo Gazzetta.it, anche Verde è al centro degli affari tra giallorossi e Cagliari. Il talento capitolino è vicino al trasferimento in rossoblu per tre milioni, ma Sabatini non vorrebbe perdere definitivamente il giocatore. Il ds infatti sta cercando di inserire un diritto di riacquisto a 7 milioni da esercitare entro due anni.


(fonte romanews.eu)

Frenata per Bruno Peres!

La Roma è caccia dei terzini per la prossima stagione e Bruno Peres era uno dei possibili indiziati per sostituire Maicon. Secondo quanto riferisce Tuttosport, Sabatini segue da tempo il calciatore e in passato c’era stata anche una bozza d’accordo. Ad oggi, però, sembra esserci stata una frenata nella trattativa, anche per colpa dell’interessamento mostrato dal Milan.



(fonte romanews.eu)

Presentate le maglie per la prossima stagione! (FOTO)

L’AS Roma ha svelato la nuova divisa Nike per la stagione 2015-16 caratterizzata da una profonda ispirazione alla storia della Capitale.
Rinomata per la sua ricca e illustre tradizione, l’AS Roma affronterà le eccitanti sfide della stagione 2015-16 con una nuova straordinaria divisa realizzata da Nike, che riflette le crescenti ambizioni del Club e il rispetto che questo incute nei suoi avversari.

Traendo ispirazione dalle armature indossate dai centurioni romani, la nuova maglia è stata progettata per creare un look aggressivo. La squadra scenderà in campo pronta per la battaglia e i giocatori saranno determinati a combattere come legionari e a mostrare la forza radicata nel loro impegno per il gruppo.

La maglia si presenta nel tradizionale colore rosso, con un nuovo e originale girocollo caratterizzato da un intaglio frontale che si ispira alla scollatura della parte alta delle armature indossate dall’esercito romano più di 2000 anni fa.

Una tonalità più scura di rosso corre lungo spalle e caratterizza le maniche, valorizzando ulteriormente il fisico dei giocatori. I bordi delle maniche, così come le strisce lungo i fianchi, sono nel tradizionale giallo del Club.

I nuovi pantaloncini sono bianchi con righe gialle su entrambi i lati, in continuità con quelle della maglia.

Per la prima volta, le personalizzazioni sul retro della maglia dell’AS Roma – nome e numeri – contengono un tributo grafico alle celebri meraviglie architettoniche della Capitale italiana, alle sue strade antiche e ai suoi vivaci quartieri, sottolineando il profondo legame tra club, città e tifosi.

Le calze abbinate alla prima divisa sono completamente rosse con una larga serie di galloni tono su tono sul retro del polpaccio.

Da oggi, 9 giugno, è possibile ordinare sul sito asroma.it la nuova maglia che sarà disponibile su nike.com e nei punti vendita officiali di Nike e AS Roma dall’11 giugno.



(fonte asroma.it)



Ecco alcune foto della nuova divisa dei giallorossi per la prossima stagione fornite dalla Nike:









C'è il si di Dzeko! Si punta anche Dani Alves!

Si avvicina il colpo Dzeko. Secondo calciomercato.web, i rappresentanti della punta hanno allacciato contatti costanti con Trigoria e, di fronte alla richiesta di rivedere al ribasso il proprio ingaggio, hanno già detto si alla Roma. Edin vuole i giallorossi, ma sarà fondamentale la presenza di Pjanic in rosa, suo grande amico. PerchéSabatini non chiude? Il bosniaco non è la primissima scelta del ds, che prima di chiudere definitivamente vuole vedere se esistono margini di manovra per Bacca e Higuain. Inoltre, l’affare Dzeko può essere finanziato dai risparmi sugli ingaggi che la Roma non riconoscerà più a giocatori come Borriello (non più presente a libro paga), Gervinho, Maicon e Cole, tutti giocatori sul piede di partenza e dall’ingaggio pesante. Per il bosniaco si parla di un quinquennale da 4,5 + bonus legati a obiettivi personali e della squadra. Per quanto riguarda la trattativa tra i club, la Roma tenterà come prima formula quella del prestito oneroso (3 milioni) con diritto di riscatto fissato tra i 14 e i 18 milioni.

C’è anche la Roma su Dani Alves: l’esterno destro brasiliano, che dopo il trionfo in Champions ha pubblicamente ammesso di aver ricevuto un’offerta dall’Italia, è in scadenza di contratto con il Barcellona. Così i giallorossi stanno sondando il terreno preparando la “battaglia” con il Milan. C’è l’alternativa Vrsaljko, laterale croato del Sassuolo su cui pesa anche l’interesse del Napoli.



(fonte romanews.eu)

Destro verso la Fiorentina!

Mattia Destro verso Firenze. Dopo l’esperienza di 6 mesi al Milan, l’attaccante potrebbe giocare nella prossima stagione nella Fiorentina. Come riporta sportmediaset.it infatti, il club viola avrebbe formulato un’offerta di prestito con diritto di riscatto per Destro. Occhio però alla Sampdoria, molto interessa al giallorosso.


(fonte romanews.eu)

Saponara a un passo!

Saponara ad un passo dalla Roma. Come riporta Sportmediaset, il centrocampista, riscattato dall’Empoli, avrebbe già raggiunto un accordo di massima con Sabatini per vestire la maglia giallorossa durante la prossima stagione.


(fonte romanews.eu)

La Roma su Cuadrado: Presentata l'offerta per il prestito al Chelsea!

La Roma sta cercando il sostituto di Gervinho. Come riporta il quotidiano inglese London Evening Standard, i giallorossi sarebbero interessati a Juan Cuadrado per rafforzare il reparto offensivo. Il colombiano, arrivato al Chelsea a gennaio per 26 milioni di sterline, non ha trovato molto spazio con Mourinho e nei prossimi giorni dovrebbe incontrare la dirigenza de Blues per parlare di un possibile addio. Sabatini avrebbe presentato un’offerta ai ‘Blues’ di prestito oneroso (2 milioni) con diritto di riscatto fissato a 25 milioni di euro e nei prossimi giorni è attesa la risposta del club inglese. Sulle tracce di Cuadrado ci sarebbero anche Valencia e Inter.



(fonte romanews.eu)

Appuntamento a Trigoria i primi di luglio poi partenza per Pinzolo

GUIDA ALL’ESTATE GIALLOROSSA – La Roma, dopo le delusioni della stagione appena terminata, deve ripartire per cercare di colmare il gap con la Juventus. La squadra giallorossa non partirà come la favorita per lo scudetto, ma per il secondo anno consecutivo parteciperà alla Champions League, fondamentale per il prestigio e per le casse della società. L’obiettivo per il campionato 2015-16 è centrare almeno un trofeo, anche piccolo come la Coppa Italia, ma che possa aprire un ciclo vincente e duraturo.

RADUNO A TRIGORIA – L’appuntamento al centro sportivo Fulvio Bernardini è previsto per i primi giorni di luglio, dove saranno convocati anche Strootman e Castan. I due giallorossi dovrebbero svolgere l’intera preparazione per tornare al top già dalla prima di campionato. Al raduno di Trigoria, però, non ci saranno tutti: mancheranno all’appello i giocatori impegnati con le rispettive nazionali.

RITIRO A PINZOLO – La Roma cambia programma e location rispetto alla scorsa estate. Dopo i problemi manifestati dal punto di vista atletico, si è preferito anticipare il ritiro rispetto alla tournée. Così la squadra giallorossa si ritroverà alle pendici delle Dolomiti del Brenta, dopo l’ultimo ritiro negli anni Ottanta, a Pinzolo (Trentino) dal 6 al 11 luglio: cinque giorni presso il centro sportivo “Pineta” dedicati agli allenamenti, alla preparazione atletica, a partite amichevoli, a momenti pubblici, incontri con i tifosi e in cui conosceremo i primi volti nuovi della stagione.

TOURNEE ORIENTALE – La truppa giallorossa tornata da Pinzolo si fermerà 3 giorni nella Capitale per poi partire il 14 luglio da Fiumicino alla volta dell’Australia. Per la tournée la Roma ritroverà tutti i nazionali, fatta eccezione per Ibarbo e Romagnoli. Il primo impegnato con la Coppa America e, nel caso la sua Colombia dovesse arrivare fino in fondo, si rivedrebbe intorno ai primi d’agosto; mentre il difensore di Anzio potrebbe essere impegnato fino al 30 giugno con l’Europeo Under 21. Durante il soggiorno australiano, nell’ambito dell’International Champions Cup 2015, la Roma disputerà due amichevoli con il Real Madrid (18 luglio) e con il Manchester City (21 luglio). Poi volerà in l’Indonesia, dove è stata già fissata per il 25 luglio l’amichevole contro la formazione locale del Persija Jakarta. Ritorno nella Capitale previsto tra il 26 e 27 luglio.

RITIRO PRE-CAMPIONATO – Conclusa la tournée orientale, la squadra godrà di qualche giorno di riposo prima di tornare a Trigoria per preparare il debutto in campionato. Sono da confermare le squadre e le date per le due amichevoli che Totti e compagni disputeranno in agosto. Una delle due partite ospiterà probabilmente la presentazione della Roma 2015-16 allo stadio Olimpico.


(G.Spiniello-D.Marchetti)



Date e orari delle amichevoli estive

Ritiro a Pinzolo

11 luglio AS Roma-Selezione locale (orario da fissare)

International Champion Cup

18 luglio AS Roma-Real Madrid (Melbourne Cricket Ground, alle  7.00 ora locale, 17,00 ora italiana)

21 luglio AS Roma-Manchester City  (Melbourne Cricket Ground, alle  7.00 ora locale, 17,00 ora italiana)

Tournée in Indonesia

25 luglio Persija Jakarta-AS Roma (location e ora da fissare)



(fonte romanews.eu)

Pjanic: “La Roma è la grande bellezza”

A due giorni dalla fine della stagione che ha visto gli uomini di Garcia conquistare la qualificazione diretta alla Champions League, Miralem Pjanic è stato protagonista su Roma TV di uno Slideshow a lui dedicato, in cui il centrocampista giallorosso ha analizzato i momenti più emozionanti della sua vita e della sua carriera. Il bosniaco, innamorato di Roma (“è una città fantastica”) e della Roma (“un grande Club, con tifosi che vivono il calcio”) si è soffermato sulla sua esperienza nella Capitale e sul suo futuro: “Qui mi sento bene, spero di poter indossare ancora tante maglie giallorosse”.

Ecco un estratto con i punti più interessanti andati oggi in onda sul canale tematico della Società.

TOTTI E DE ROSSI
“Sono due simboli di questa squadra. Daniele è un personaggio molto importante nel nostro spogliatoio, uno che ti fa sentire l’amore per la Roma, perché è un tifoso in campo. Ti dà grinta, rabbia, è un grande uomo e sono contento di condividere questi momenti con lui. Come giocatore, poi, è molto molto importante: mi ha aiutato tanto e fa lo stesso con tutti i nuovi arrivati, li mette a proprio agio. Tutti devono volergli bene, perché è una brava persona e tiene a questa maglia. E Totti è il “King di Roma”, il capo di noi tutti. Mi intendo bene con lui fuori dal campo e sul campo, poi, è ancora più semplice. È un giocatore forte, capisce sempre cosa vuoi fare, vedere le cose prima, è semplice giocare come lui. È un orgoglio giocare con lui. Un po’ “scemo” negli spogliatoi, ma un giocatore fantastico, incredibile. Spero per lui che potrà ancora giocare molto. Ha fatto un percorso straordinario e meraviglioso, ha fatto la storia della Roma e dell’Italia”.

ROMA
“Questo è il mio primo giorno alla Roma, ero molto felice di aver fatto questa scelta e oggi lo sono ancora. Spero di poter portare ancora tante di queste maglie giallorosse. Sono molto contento qui, vivo in una città fantastica e gioco in un club fantastico con tifosi che vivono il calcio: per un giocatore tutto questo è straordinario. Mi sento bene qui”.

LA GRANDE BELLEZZA
“La grande bellezza è la AS Roma! Siamo più forti della Lazio. Questa foto mi evoca sensazioni belle, avevo tanta voglia di giocare il Derby perché stavo bene, sentivo il gruppo carico. Questa vittoria è una ricompensa del nostro lavoro. Abbiamo passato momenti difficili, ma questo momento ce lo siamo goduto, è stato bellissimo festeggiare davanti ai nostri tifosi. Ancora oggi sono tutti contenti. Siamo felici di aver lasciato i biancocelesti dietro: per me era una cosa normale, la squadra più forte siamo noi. Dedichiamo questa vittoria ai nostri tifosi che anche nei momenti difficili sono stati con noi. Complimenti a loro e grazie a loro”.

GARCIA
“Questi con lui sono stati anni positivi, ma lo conoscevo già in Francia dove in quel periodo giocava il calcio migliore. È un allenatore che ha tanta esperienza, ha uno staff molto buono, sta lavorando molto bene, quest’anno abbiamo avuto qualche difficoltà ma la sua volontà di voler sempre vincere e non mollare mai ci ha permesso di arrivare di nuovo secondi. Potevamo sicuramente fare di più in alcune occasioni ma lui è un vincente, spero ci possa portare dei trofei. Il gruppo con lui è felice e poi personalmente averlo come allenatore mi conviene, visto lo stile con cui gioca!”.

L’ESULTANZA NEL GOL CONTRO IL NAPOLI
“Questa foto è un’occasione per fare chiarezza, anche perché quando i momenti non sono buoni si scrivono tante cose. Ero in un periodo complicato, durante questa seconda parte di stagione, da gennaio ad aprile, avevo grandi problemi con la caviglia e non potevo fare altro che gestirmi durante allenamento. Sapevo di non essere al 100%, ma volevo sempre stare con la squadra, per dare una mano ai miei compagni. Però non potevo farlo perché avevo davvero dolori forti, che ora sono passati da un mese. Ero arrabbiato con chi scriveva cose sul mio conto senza sapere, non ce l’avevo con i tifosi: non c’era motivo di essere arrabbiato con loro. Con i giornalisti, invece, sì: non sapevano quello che avevo e scrivevano delle cose non vere. Sapevo cosa stavo passando e cosa stavo facendo per esserci con la squadra. Un periodo non ho giocato bene, proprio perché la caviglia non me lo permetteva. Questo gol contro il Napoli era importante, perché ci ha permesso di vincere: sono contento di averlo segnato e nulla di più. Spero che ora i tifosi sapranno che non ce l’avevo con loro, ma solo con chi scriveva certe cose”.



(fonte romanews.eu)

Roma-Palermo: Le pagelle

Ecco le pagelle dei calciatori giallorossi al termine della sconfitta casalinga contro il Palermo nell'ultima giornata di campionato allo stadio Olimpico per 2-1.







Skorupski 6,5
Florenzi 5,5
Spolli 5
Astori 6
Balzaretti 6
Paredes 5,5
De Rossi 5,5
Uçan 6
Doumbia 5
Ljajic 5
Totti 6
Nainggolan 6
Pjanic 5,5
Iturbe 5,5

Garcia 5,5

Top