International Champions Cup: Sconfitta ai rigori con il City! | Noi siamo la Roma

Slider[Style1]

Style2

Style3[OneLeft]

Style3[OneRight]

Style4

Style5

Dopo la vittoria ai rigori sul Real Madrid, l'International Champions Cup della Roma prosegue con un altro epilogo dal dischetto, stavolta perdente, contro il Manchester City dopo il 2-2 dei tempi regolamentari. Nei 90' una perla di Pjanic dalla distanza per riacciuffare l'1-0 lampo di Sterling nel primo tempo, un altro gioiellino di Ljajic su punizione nel finale di partita per rimediare all'erroraccio di Cole che aveva regalato a Iheanacho il gol del nuovo vantaggio inglese. Dagli undici metri errori di Kolarov, Doumbia e Keita per il 7-6 Citizens.

Sterling, al debutto, punisce subito la Roma: errore di posizionamento di Romagnoli che tiene in gioco l'attaccante sul lancio del baby nigeriano Iheanacho e dopo 3' il City è già avanti. Il gol moltiplica le energie inglesi, soprattutto quelle dell'ex attaccante del Liverpool, arrivato ai Citizens per settanta milioni di euro: al 7' è lui ad andare giù in area di rigore per un contatto che viene giudicato non punibile dall'arbitro. Sul ribaltamento di fronte però la Roma si risveglia e nella maniera migliore: De Rossi innesca Totti, scarico per Gervinho che vede Pjanic libero sulla tre quarti, controllo e destro dai 25 metri del bosniaco imparabile per Caballero e 1-1 dopo otto minuti. Ritmi decisamente alti per una partita di inizio stagione: De Sanctis salva subito sul tiro a giro di David Silva, risponde Totti che inventa deliziosamente per Torosidis, sinistro al volo messo in angolo. Sterling si beve Florenzi in area e va giù, contatto evidente ma l'arbitro lascia ancora continuare e stavolta le proteste inglesi sono decisamente più forti. L'esterno di Garcia cerca il riscatto due minuti dopo, al 27', con un siluro da fuori che sibila sulla traversa di Caballero.Dopo una fiammata di Silva in area, assist per Iheanacho che di testa impegna De Sanctis, la Roma chiude in crescendo il primo tempo: gli assist di Gervinho per Totti e di Pjanic per lo stesso Gervinho vengono messe in angolo in extremis dai difensori del City e De Rossi di testa chiude la folata offensiva mandando alto di poco.

Dopo la girandola di cambi (ma Pellegrini lascia fuori Dzeko) è Ljajic a farsi subito pericoloso con'un incursione in area conclusa sull'esterno della rete, ma è il City a passare di nuovo in vantaggio con Iheanacho che approfitta di un clamoroso svarione di Ashley Cole che serve il più sciagurato degli assist all'avversario che supera De Sanctis in uscita. Il portiere giallorosso è decisivo qualche minuto dopo respingendo una conclusione a botta sicura di Marcos Lopez, uno dei tanti giovani inseriti da Pellegrini nell'intervallo, servito sottomisura da Jesus Navas.

Garcia manda dentro anche Doumbia per l'ultima mezz'ora, la Roma prova a riprendere la partita in mano con il 4-4-2. Occasioni per Destro, Yaya Touré e Iago Falque nella parte centrale della ripresa, i giallorossi rischiano più volte la ripartenza avversaria nel tentativo di pareggiare ma alla fine riescono a riacciuffare il City: è Ljajic a regalare il 2-2 con una punizione dal limite guadagnata da Doumbia, il tiro a giro sulla barriera non è irresistibile ma basta a infilare la porta avversaria per il pareggio che porta ai rigori.

SEQUENZA RIGORI - Yaya Touré gol, Nainggolan gol, Kolarov alto, Ljajic gol, Jesus Navas gol, Destro gol, Marcos Lopes gol, Falque gol, Hart gol, Doumbia parato, Horsefield gol, Keita parato.



(fonte corrieredellosport.it)

«
Next
Post più recente
»
Previous
Post più vecchio

Nessun commento:

Post a Comment


Top