La Roma si raduna a Trigoria: Scatta ufficialmente la nuova stagione giallorossa! I convocati | Noi siamo la Roma

Slider[Style1]

Style2

Style3[OneLeft]

Style3[OneRight]

Style4

Style5

Il primo ad arrivare a Trigoria è stato, guarda caso, Mapou Yanga Mbiwa, accolto calorosamente dal centinaio di temerari tifosi presenti sin dalle 7 di mattina per salutare l'incompleta Roma 2015-2016. Ha preceduto addirittura il capitano Francesco Totti, che storicamente è sempre il primo della lista a rispondere alla chiamata del raduno pre-ritiro. E domani tutti a Pinzolo in treno, per questa mini-preparazione dal 6 al 12 luglio, firmata dal nuovo responsabile del settore atletico, quel Darcy Norman, griffato Germania campione del mondo con Ct Loew.

Appuntamento dalle 8 alle 9 e poi via ai test atletici per dare inizio agli allenamenti, in verità pochi, prima della tournee in Australia. Quello di Iago Falque è l'unico volto nuovo finora e i tifosi presenti a Trigoria hanno infatti chiesto una maggiore vivacità sul calciomercato al direttore generale Mauro Baldissoni, sfilato via in auto sorridente tra i tifosi davanti ai cancelli. «Non vedevo l’ora di ricominciare con i nuovi compagni e con questa grande squadra -ha detto lo spagnolo a Roma Tv-. Giocare in una grande squadra come questa per me è un onore e mi aspetto di fare benissimo e ripagare la fiducia che mi hanno dato».

Francesco Totti, al suo 23esimo 'presente' a Trigoria, ha sorriso ai tifosi senza fermarsi con la sua Smart: «Si ricomincia, sono contento è la mia 23esima stagione, sono tante e ho sempre l’onore di indossare questa maglia, sono gratificato. L’estate è sempre bella perché non devi pensare a nulla, ma poi gli ultimi giorni ti metti in forma per ricominciare il campionato perchè l’adrenalina è tanta». I più generosi, per quantità di selfie e autografi concessi, sono stati Kevin Strootman e Salih Uçan, con il turco che si è pure improvvisato fotografo per soddisfare le richieste dei vari bambini presenti. «Sto bene, il ginocchio va bene», ha risposto l'olandese dal finestrino della sua auto, mentre l'applauditissimo Castan sfrecciato in Ferrari, ha salutato tutti da lontano: «Ringrazio i tifosi per la carica che mi hanno dato. E stata una bella estate qui a Trigoria -ha detto il brasiliano- e sono pronto per tornare. È stata un’estate importante perché è arrivata mia figlia. Sono felice dopo tutto questo che ho passato e sono diventato un nuovo uomo: lei è nata e mi ha ha dato tanta forza. Sono pronto per affrontare questo nuovo momento della mia vita».

C'era curiosità per l'accoglienza dei tifosi a Destro e Gervinho, due partenze che sembravano sicure, per ora sospese. L'ivoriano non si è fermato a firmare autografi, sfilando via velocemente nel centro sportivo. Destro quasi non si è visto, al riparo nell'auto di Florenzi, entrata a gran velocità, senza sosta dai tifosi. Salutato con entusiasmo Rudi Garcia, alla guida della Roma per la terza stagione. I tifosi al francese hanno chiesto di 'farsi comprare' più giocatori e il centravanti tanto ambito: «Sarà un gruppo nuovo e saremo tutti al massimo per fare una grande stagione», ha detto il tecnico, che aspetta buone notizie dall'uomo del momento in casa Roma, il diesse Walter Sabatini, alle prese con un estate di calciomercato bollente. 

Ventisei giocatori totali di cui 17 prima squadra e 9 della Primavera. Dei "grandi" 2 sono infortunati di lungo corso che faranno allenamenti personalizzati (Strootman e Castan), 6 sono sul piede di partenza (Verde, a un passo dal Frosinone, ma anche Destro, Cole, Sanabria, Paredes, il portiere lituano Svedkauskas convocato perché Lobont per motivi personali si aggregherà il 13) e quindi soltanto in 9 (De Sanctis, Iago Falque, Florenzi, Gervinho, Iturbe, Mapou, Maicon, Totti e Uçan) saranno quelli su cui Garcia potrà effettivamente cominciare a lavorare. Da domani, perché domani alle 8 è fissato il raduno della Roma a Trigoria prima della partenza per Pinzolo, lunedì mattina in treno (via Trento).

I 26 giocatori (9 Primavera, tra cui spicca il primo ritiro per il figlio d'arte Lorenzo Di Livio) faranno le visite mediche, poi potranno dormire a casa prima di tornare al centro sportivo lunedì mattina. Da valutare l'umore con cui si presenterà Mattia Destro, che avrebbe evitato volentieri di ripassare in giallorosso, e quello che succederà con Gervinho: l'ivoriano è già a Roma, stavolta non ci sono stati problemi di visto e/o passaporti, l'ammissione di Sabatini ("ha deciso di restare") sembra porlo di nuovo nel progetto romanista. Ma le sorprese sono dietro l'angolo.

A Pinzolo, dove la Roma resterà fino all'undici (due giorni di pausa poi prima della partenza per l'Australia), mancheranno tutti i nazionali: Torosidis, Manolas, Pjanic, Nainggolan, Ljajic e Doumbia. Manca anche Seydou Keita: in teoria l'accordo per un rinnovo annuale di contratto (scaduto a giugno) c'è, in pratica la firma non è ancora arrivata e il maliano non è stato convocato. Si rivedrà in Australia. Forse.


Ecco la lista completa dei convocati giallorossi per il ritiro di Pinzolo:

Anocic D, Calabresi D, Capradossi D, Castan D, Cole D, De Sanctis P, Destro A, Di Livio A, D'Urso C, Iago Falque A, Florenzi C, Gervinho A, Iturbe A, Machin C, Mapou D, Ndoj C, Paredes C, Pop P, Sanabria A, Maicon D, Strootman C, Svedkauskas P, Totti A, Uçan C, Verde A, Vestenicky A.



(fonte corrieredellosport.it e gazzetta.it)

«
Next
Post più recente
»
Previous
Post più vecchio

Nessun commento:

Post a Comment


Top