settembre 2015 | Noi siamo la Roma

Slider[Style1]

Style2

Style3[OneLeft]

Style3[OneRight]

Style4

Style5

Garcia: "Sbagliato il primo tempo, non meritavamo di vincere. E' anche colpa mia"

Ecco le parole del tecnico giallorosso Rudi Garcia al termine della sconfitta di ieri sera in casa del Bate Borisov per 3-2 nella seconda giornata della fase a gironi di Champions League:


GARCIA A MEDIASET

Ha il rimpianto per il primo tempo? Forse anche tatticamente sbagliato...
"Ovviamente abbiamo sbagliato il primo tempo, forse mancava l'equilibrio visto che abbiamo preso gol tutti dalla stessa fascia, quando è entrato Torosidis ci ha riequilibrato le cose, dopo abbiamo pagato caro il cinismo e anche un po' di fortuna loro, loro traversa-gol, noi traversa fuori con Florenzi, conta anche questo. Il gioco è fatto di errori e noi ne abbiamo fatti di più, nel secondo tempo almeno abbiamo fatto di tutto per recuperare e meritavamo un punto, non meritavamo di vincere perché con questo primo tempo non si può vincere ma almeno il pareggio si."

E' preoccupato in chiave qualificazione?
Era possibile fare punti qui ma i primi 5 minuti erano buoni e abbiamo avuto anche due palle gol ma sul primo contropiede abbiamo preso gol, poi la squadra si è disunita e abbiamo dovuto rimettere le cose apposto nell'intervallo 

Perché questo approccio?
L'approccio no perché i primi 5 minuti abbiamo fatto bene, abbiamo pressato e creato occasioni. Abbiamo pagato sui primi loro tiri, sotto di 3 gol poi è complicato tornare a casa con una vittoria, con un pareggio si e l'abbiamo dimostrato. La fortuna non ci ha aiutato ma è colpa nostra e anche mia se abbiamo giocato così male il primo tempo

Perché questa Roma alterna partite buone a meno buone. Cosa manca?
Stasera ci sono mancate anche le forze perché eravamo corti con la rosa, ho pensato di schierare il miglior attacco ma alla fine non è stato così perché abbiamo mancato di equilibrio. Dobbiamo fare meno errori per sfruttare la continuità, anche con la Sampdoria abbiamo fatto troppi errori così come stasera. La reazione della squadra c'è stata, significa che la testa c'è. Ora servirà fare risultato a Leverkusen per qualificarci

Il problema secondo me è che la squadra è rimasta larga più che lunga. E' mancata la compattezza
Abbiamo perso tanti duelli nel primo tempo e ne abbiamo vinti tanti nel secondo, questo è un segnale importante, c'è stata anche sfortuna. Il primo tempo non abbiamo lottato abbastanza, abbiamo sofferto il loro pressing, è più colpa nostra che altro. Le occasioni poi le abbiamo avute per pareggiare pur prendendo tre gol


GARCIA A ROMA TV

Non è andata bene, cosa non ha funzionato?
Siamo delusi per il risultato e per il primo tempo, anche se nei primi 5' eravamo entrati bene in partita e abbiamo avuto anche 2 occasioni. Abbiamo subito gol sul primo contropiede e poi siamo stati in difficoltà, perché loro arrivavano sempre per primi sulla palla, abbiamo sofferto i loro contrasti e i contropiedi, avevamo difficoltà ad aiutare i difensore. Abbiamo fatto errori che ci sono costati tanto. Il secondo tempo è stato da Roma, abbiamo fatto meglio, ma con un handicap di 3 gol è complicato. La fortuna non è stata dalla nostra parte questa sera: un palo che entra per loro, un altro che esce per noi. Almeno la reazione è stata da grande squadra, anche se una grande squadra gioca 90', non solo 50'. Abbiamo mancato di equilibrio nel primo tempo. Forse ho sbagliato la formazione, anche se le soluzioni erano poche. Ci servirà da lezione: sia con Barcellona che con Bate Borisov dobbiamo avere lo stesso atteggiamento.

I cambi hanno dato i loro frutti?
Torosidis e Iago Falque sono entrati bene in partita, hanno cambiato volto alla squadra, iago con la sua tecnica e Torosidis con la sua voglia. Abbiamo difeso meglio a destra, dove sono arrivati tutti i gol del primo tempo

Con quale spirito guarda alla doppia sfida con il Leverkusen? C'è la sensazione che diventerà una sfida ad eliminazione diretta?
E' possibile, ma ci sarà da giocare a Barcellona e contro il Bate, saranno partite importanti, soprattutto l'ultima. Faremo in modo che sarà la gara che ci porta alla qualificazione. Per fortuna siamo solo a 2 punti dal secondo posto, che resta il nostro obiettivo principale.




(fonte: romaforever.it)

La Roma ragala un tempo e il Bate ne approfitta: Primo ko in Campions!

La Roma di Rudi Garcia incappa nella prima sconfitta nella fase a gironi di Champions League, dopo la bella prova casalinga contro il Barcellona campione in carica, perdendo in casa del Bate Borisov per 3-2.

I giallorossi regalano un tempo ai padroni di casa che chiudono la prima frazione di gioco addirittura sul 3-0 grazie alle reti di Stasevic all'8' e alla doppietta di Mladenovic al 12' e al 30'.

Nella ripresa gli uomini di Garcia si svegliano solo nell'ultima mezz'ora dove trovano le reti di Gervinho al 66' e Torosidis all'82', e sfiorano la rimonta grazie ad una traversa di Florenzi.

Prima sconfitta stagionale dunque anche in Europa per i giallorossi che rimangono così ad un punto in fondo alla classifica del gruppo E, con il Barcellona, vittorioso in rimonta sul Leverkusen, in testa con 4 punti, davanti ai tedeschi distanziati di un solo punto appaiati con il Bate.

Prossimo impegno in casa del Leverkusen il 20 di ottobre.

Stasera Bate Borisov-Roma: Florenzi nel tridente, Gervinho prima punta. Le probabili formazioni

Match fondamentale per la Roma di Rudi Garcia, nel cammino che porta agli ottavi di finale della Uefa Champions League 2015-16. La formazione giallorossa, dopo il buon punto strappato all'Olimpico contro il Barcellona, deve raccogliere a ogni costo il bottino pieno in quel di Minsk, per mettersi (presumibilmente) alle spalle il Bayer Leverkusen, impegnato al 'Camp Nou'. L'impresa, però, sarà tutt'altro che agevole, soprattutto a causa degli infortuni che hanno falcidiato il reparto offensivo e che priveranno Garcia di Totti e Dzeko. Sarà la prima sfida assoluta tra le due formazioni: il Bate ha già affrontato tre club italiani in Europa (una volta a testa Milan e Juve in Champions, ancora i rossoneri in Coppa Uefa e il Bologna nell'Intertoto), con un bilancio di quattro pareggi e quattro sconfitte. Nessun confronto, invece, tra la Roma e le squadre bielorusse. L'arbitro del match sarà l'inglese Mark Clattenburg, coadiuvato dagli assistenti Beck e Collin, dal quarto uomo Kirkup e dagli addizionali Marriner e Moss. 

Aleksandr Yermakovich non avrà a disposizione Zhavnerchik e Rodionov, entrambi infortunati. Il tecnico dei bielorussi schiera una linea difensiva composta da Polyakov, Dubra, Milunovic e Mladenovic. L'esperienza e la qualità di Hleb (ex Arsenal e Barcellona) sarà utile a centrocampo, dove ci saranno anche Aleksievich e Volodko. Davanti spazio al tridente formato da Stasevich, Signevich e Gordeichuk. 

Garcia convoca solo 16 giocatori e lascia a casa anche Iago Falque insieme a Keita, Totti e Dzeko. Scelte obbligate per il tecnico francese, che vuole regalarsi una vittoria nel giorno della centesima partita alla guida dei giallorossi. In porta torna Szczesny, mentre viene confermata la difesa scesa in campo contro il Carpi. In mezzo, con Pjanic e Nainggolan gioca Vainqueur, Florenzi sarà nel tridente con Gervinho e Salah. 


Ecco le probabili formazioni che scenderanno in campo questa sera:

BATE BORISV (4-3-3): Chernik; Polyakov, Dubra, Milunovic, Mladenovic; Hleb, Aleksievich, Volodko; Stasevich, Signevich, Gordeichuk. 
Allenatore: Yermakovich. 

ROMA (4-3-3): Szczesny; Maicon, Manolas, De Rossi, Digne; Pjanic, Nainggolan, Vainqueur; Florenzi, Gervinho, Salah. 
Allenatore: Garcia.



(fonte: tuttomercatoweb.com)

I convocati di Garcia per il Bate

Dopo la seduta di rifinitura svolta questa mattina al centro sportivo Fulvio Bernardini, il tecnico giallorosso Rudi Garcia ha comunicato i convocati per la gara che domani vedrà i suoi uomini impegnati alla Borisov Arena contro il BATE, valida per la seconda giornata del Gruppo E della Champions League.

Il calcio d'inizio è fissato per le ore 20:45 italiane (21:45 locali).



Qui di seguito la lista degli uomini selezionati dal tecnico giallorosso in vista della sfida in Bielorussia.

3 Lucas Digne
4 Radja Nainggolan
5 Leandro Castan
7 Juan Manuel Iturbe
11 Mohamed Salah
13 Sisenando Maicon
15 Miralem Pjanic
16 Daniele De Rossi
21 William Vainqueur
24 Alessandro Florenzi
25 Wojciech Szczesny
26 Morgan De Sanctis
27 Yao Kouassi Gervinho
35 Vasileios Torosidis
44 Konstantinos Manolas
48 Salih Uçan

Non Convocati: Anocic, Capradossi, Castan, Dzeko, Iago Falque, Keita, Machin, Rudiger, Totti.
Fuori lista: Emerson, Gyomber, Lobont, Ponce, Pop, Strootman.



(fonte: romaforever.it)

Garcia: "Arrivano i 3 punti. Ma è una vittoria di Pirro, preoccupato per i troppi infortunati"

Ecco le dichiarazioni del tecnico gialloroso al termine della vittoria di ieri pomeriggio contro il Carpi per 5-1 allo stadio Olimpico nell'anticipo della sesta giornata del campionato di Serie A:

GARCIA A MEDIASET

Ci voleva
"Si l'avevo detto, ci serviva una vittoria ma la speravo in un altro modo perché è una vittoria di Pirro, abbiamo dovuto fare tre cambi per infortunio."

Come stanno gli infortunati?
"Vediamo domani, non posso dire altro, speriamo che non sia nulla di grave"

Che Roma ha ritrovato oggi?
"L'umore nello spogliatoio è sempre stato buono, i ragazzi erano tranquilli e sapevamo che una prestazione come quella fatta contro la Sampdoria se ripetuta ci avrebbe portato alla vittoria. E' successo questa sera e l'unico punto nero, come detto, sono tutti questi infortunati, perché rigiochiamo subito martedì."

Questa partita ha fatto bene a De Sanctis e Gervinho che questa sera hanno riconquistato il pubblico. E' stato contento delle coperture preventive?
"Molto contento soprattutto perché quando attaccavamo Matos veniva sempre sulla fascia sinistra perché sapeva che Maicon spingeva tanto, ma Keita prima e Radja poi sono stati bravissimi a coprire i centrali. De Sanctis ha fatto una grande partita, la parta sul rigore ci può stare ma la seconda è straordinaria, solo un portiere come lui poteva farla. Gervinho ha fatto bene, ha ritrovato le gambe e ha dimostrato che può essere utile quest'anno."


GARCIA A SKY SPORT

A Genova parlavamo di sconfitta casuale di crescita nel gioco. Questa serata ci ha confermato che a Genova avevamo visto bene, nonostante la sconfitta.
"Penso di si, avevo detto che se giocavamo così avremmo vinto tanto. Abbiamo giocato bene, il divario poteva essere più ampio ma il Carpi non ha mollato. Una vittoria di Pirro, 3 cambi per infortunio in 5' minuti non è un bene per il futuro."

Il ritorno di Gervinho, si aspettava il suo ritorno al sacrificio?
"Ovviamente, lui può fare grandi cose e già nel precampionato era stato uno dei migliori, aveva dimostrato di essere concentrato e di voler aiutare la Roma. La dua fiduca è tornata alta ed è un bene per lui."

Ci può dire qualcosa di più?
"Per ora no, sono problemi muscolari per Totti e Keita, Dzeko aveva un dolore al ginocchio, ha preso alcune botte ed è stato costretto ad uscire."

De Sanctis ha invitato tutti all'equilibrio, lei sottoscrive le sue parole?
"Eravamo tranquilli, anche dopo la Samp, ma Morgan ha ragione, dobbiamo essere sempre consapevoli dei nostri mezzi e metterli in campo. Lo abbiamo fatto, ma alcune volte abbiamo fatto troppi errori e le usiamo male. Stasera le abbiamo usate, per il bene di risultato e gol."

Guarderà Napoli-Juve?
"Se faccio in tempo si (ride, ndr)"


GARCIA A ROMA TV

Tanti temi in questa sfida
"Tante cose positive anche se l'allenatore è preoccupato perchè ha dovuto fare 3 cambi dopo 50 minuti. Speriamo di avere buone notizie, comunque ci teniamo la partita. Stavolta meno errori in difesa e in attacco"

Gervinho?
"Ha fatto 18 mesi qui. quando è tornato dalla coppa d'Africa non ha fatto bene. Ma ha fatto un'ottima preparazione e ha atteso il suo momento. Ci può aiutare e lui vuole fare bene per la sua Roma. Sono contento per lui ma per tutti i ragazzi, anche Vainqueur e Digne"

Quale infortunato la preoccupa di più?
"Non lo so, ho parlato rapidamente con il dottore e ha detto che domani aspettare domani. Edin si lamenta del ginocchio. Speriamo di non perdere tutti e 3 per martedi perchè sono già fuori Florenzi, Iago e Szczesny. Speriamo di recuperarne almeno 2."

Bene sia in fase offensiva che difensiva
"Rom convincente, è stato cosi. Abbiamo preso la partita in mano subito e poi non ci siamo fermati. Pjanic è un mago sui calci piazzati e sono contento per tutti quelli che hanno segnato. Mi spiace per il gol preso"

Azione quinto gol?
"Sanno che nel nostro gioco i terzini sono quasi attaccanti. Vuol dire che attacchiamo in 5 e avvolte anche con una delle due mezz'ali"


GARCIA IN CONFERENZA STAMPA

"Si è rivisto il gioco stasera, l'efficacia davanti e sono stati cancellati i piccoli errori che abiamo pagato tanto con la Samp. La strada è questa, ci sono tanti punti di soddisfazione: come l'esordio di Vainqueur, il quinto gol con il terzino sinistro a segno sul cross del destro, la parata di Morgan sul rigore, i 5 giocatori a segno. Sono sempre punti positivi, ma l'amarezza c'è. Speriamo di non avere perso 3 giocatori."

Si aspettava un Vainqueur così?
"L'ho visto bene in settimana, non aveva fatto la preparazione e aveva bisogno di allenarsi bene. Lui, come Radja, è uno che ha bisogno di stare bene sul piano fisico per esprimere il suo gioco. E' entrato un po' timodo ma poi si è sciolto, ha aiutato a far ripartire l'azione."

In caso di assenza di Dzeko, è precoopato che nessuno in rosa ha le sue caratteristiche?
"Se non avremo sia Totti che Dzeko metteremo o Gervinho o Iturbe, un'attacco più leggero ma veloce. Non siamo totalmente scoperti, certo che perdere 2 centravanti in una sola gara sarebbe qualcosa di negativo."

La cosa migliore che ha visto nella partita?
"Non era una partita semplice, il Carpi ha fermaot il Napoli la scorsa giornata. Sappiamo che contro una squadra che si difende così e riparte in contropiede, il primo gol è stato importante e di più il fatto di aver continuato ad attaccare. Il gol subito era evitabile, il rigore è arrivato su un fuorigioco clamoroso di un loro attaccante. Ma il Carpi non ha mollato e non sono sorpreso del loro 0-0 con il Napoli. Finchè non prendono gol possono rendersi anche pericolosi e lo hanno dimostrato stasera. Questa vittoria aumenta di significato."

Un parallelo tra le prove di Gervinho e Iturbe.
"Manuel ha fatto cose buone da inizio stagione ed è sempre entrato in gara con qualità, ha ritrovato fiducia. la scelta di Gervinho è per il fatto che è in grado di saltare l'uomo e creare pericoli in una difesa schierata. Per Manuel è più difficile ma sono contento di entrambi. Non è il Gervinho del primo anno, è il Gervinho di quei 18 mesi in cui ha giocato ai suoi livelli. Ha fatto male gli ultimi mesi dal ritorno della Coppa d'Africa, ma si è impegnato. Ha iniziato a lavorare una settimana prima, sha fatto una bella preparazione e non vedeva l'ora di aiutare la sua Roma, anche sul piano difensivo. Ma è così che deve essere, per lui e per tutti gli altri che giocano."



(fonte: romaforever.it)

Roma-Carpi: Panchina per Totti, Gervinho dal 1'. Le formazioni ufficiali

Ecco le formazioni ufficiali di Roma e Carpi che fra meno di un'ora scenderanno in campo allo stadio Olimpico per l'anticipo della sesta giornata del campionato di Serie A.

Garcia lascia ancora una volta Totti in panchina, schierando Gervinho al fianco di Salah e l'attesissimo Dzeko. In difesa ritorna Maicon a destra al posto di Florenzi.



Ecco le formazioni ufficiali che scenderanno in campo allo stadio Olimpico:

ROMA (4-3-3) UFFICIALE: De Sanctis; Maicon, Manolas, De Rossi, Digne; Keita, Pjanic, Nainggolan; Salah, Dzeko, Gervinho.
A disp.: Lobont, Torosidis, Gyomber, Emerson, Uçan, Vainqueur, Iturbe, Iago Falque, Ponce, Totti. All.: Garcia
Squalificati: -
Indisponibili: Szczesny, Strootman, Rudiger, Florenzi

CARPI (3-5-2): Brkic; Zaccardo, Romagnoli, Gagliolo; Letizia, Bianco, Cofie, Fedele, G. Silva; Borriello, Matos.
A disp.: Belec, Liotti, Bubnjic, Pasciuti, Wallace, Di Gaudio, Gino, Lazzari, Martinho, Iniguez, Lasagna. All.: Castori
Squalificati: -
Indisponibili: Marrone, Wilckzek, Spolli, Benussi, Lollo, Mbakogu

Diretta tv Sky e Premium Sport ore 18.

Le probabili formazioni di Roma-Carpi

Dimenticare al più presto la sconfitta subita contro la Sampdoria, ritrovare la vittoria e prepararsi al meglio alla sfida di Champions League contro il BATE Borisov. Questi gli obiettivi della Roma, chiamata a una reazione immediata dopo il tonfo di Genova e a ritrovare gioco e brillantezza che da qualche giornata latitano. La sfida, in programma alle ore 18:00, aprirà la sesta giornata di Serie A e metterà in palio tantissimo per entrambe le formazioni: se la Roma ha bisogno di riprendere immediatamente la marcia per provare a rosicchiare qualche punto sull'Inter (distante già sette lunghezze), il Carpi ha allo stesso modo bisogno di punti per provare a tirarsi fuori dalla zona pericolosa della classifica e magari dare continuità al buon pareggio ottenuto contro il Napoli. Non esistono ovviamente precedenti tra queste due squadre, essendo gli emiliani alla prima esperienza in Serie A. Entrambe le squadre hanno mostrato soprattutto in difesa le lacune maggiori: sei le reti subite dalla formazione di Rudi Garcia, dieci il passivo per gli uomini di Fabrizio Castori. Una sfida in cui i giallorossi restano comunque favoriti, ma che può nascondere anche tante insidie vista anche la necessità di fare turnover in ottica Champions League.

Vista la sfida di Champions League in programma martedì, è possibile che Rudi Garcia decida di far riposare qualche titolare. Potrebbe dunque esserci Maicon e non Florenzi come terzino destro, visto che il 'canterano' si è allenato a parte ieri. A centrocampo dovrebbe fare gli straordinari Nainggolan, mentre dovrebbe riposare Pjanic. Accanto al belga agiranno dunque Keita e Uçan. In attacco non è stato convocato Totti, dunque il tridente dovrebbe essere composto da Salah, Dzeko e Gervinho. 

Si allunga la lista degli indisponibili per Fabrizio Castori, che dopo Marrone, Spolli e Wilczek perde anche Benussi per un problema muscolare alla coscia. In porta torna Brkic, mentre in difesa Gagliolo appare in vantaggio su Bubnjic. A centrocampo non convocato Lollo che potrebbe essere sostituito da Bianco. Out anche Mbakogu. La vera novità, però è in avanti, dove Matos agirà alle spalle del grande ex della sfida, ovvero Borriello. 


Ecco le probabili formazioni che scenderanno in campo questo pomeriggio allo stadio Olimpico:

ROMA (4-3-3): De Sanctis; Maicon, De Rossi, Manolas, Digne; Nainggolan, Keita, Uçan; Salah, Dzeko, Gervinho. 
Allenatore: Garcia 

CARPI (3-5-1-1): Brkic; Zaccardo, Romagnoli, Gagliolo; Letizia, Bianco, Cofie, Fedele, Gabriel Silva; Matos; Borriello. 
Allenatore: Castori.

Diretta tv Sky e Premium Sport ore 18.



(fonte: tuttomercatoweb.com)

I convocati di Garcia per il Carpi

Dopo la seduta di rifinitura svolta questa mattina al centro sportivo Fulvio Bernardini, il tecnico giallorosso Rudi Garcia ha comunicato i convocati per la gara che vedrà domani i suoi uomini impegnati allo Stadio Olimpico contro il Carpi, con calcio d'inizio alle ore 18:00.





Qui di seguito la lista completa dei 23 uomini selezionati dall'allenatore in vista della sfida con i biancorossi:

1 Bogdan Lobont
3 Lucas Digne
4 Radja Nainggolan
5 Leandro Castan
7 Juan Manuel Iturbe
9 Edin Džeko
10 Francesco Totti
11 Mohamed Salah
13 Sisenando Douglas Maicon
14 Iago Falque
15 Miralem Pjanic
16 Daniele De Rossi
18 Ezequiel Ponce
20 Seydou Keita
21 William Vainqueur
23 Norbert Gyömbér
24 Alessandro Florenzi
26 Morgan De Sanctis
27 Yao Kouassi Gervinho
33 Palmieri Dos Santos Emerson
35 Vasileios Torosidis
44 Konstantinos Manolas
48 Salih Uçan


NON CONVOCATI: Anocic, Capradossi, Machin, Pop, Rudiger, Strootman, Szczesny.




(fonte: romaforever.it)

Conferenza stampa Garcia: "Ci sono più possibilità di far punti giocando bene. Io in bilico? Penso solo a lavorare"

Il tecnico della Roma Rudi Garcia ha incontrato i media nella sala conferenze del Centro Tecnico Fulvio Bernardini di Trigoria. 


Sull'iniziativa legata alla festa del Nonno.
"Chi ha fortuna di averli, li deve coccolare. È una bella iniziativa".

Domani c'è tutto da perdere?
"Ci interessa solo la vittoria. Una settimana fa stavamo bene in classifica, ora meno. Ripeto che ci sarà un modo di giocare che ci porterà alla vittoria. Abbiamo giocato meglio con la Sampdoria vincendo e male con il Frosinone perdendo. Sul lungo termine, ci sono più possibilità di prendere punti giocando bene".

Come gestisce questo momento?
"Quello che è stato fatto è passato, ora dobbiamo fare un buon lavoro che porti risultati. È ovvio che è l'inizio della stagione, ma anche che gli ultimi due risultati non sono buoni. Dobbiamo guardare avanti ed essere concentrati sul campo. Mi preoccupa solo questo, il resto non è importante".

Vainqueur è pronto? Castan?
"Leo sta migliorando. Ripeto quello che ho detto, mi sembra normalissimo per un giocatore fermo da un anno, avere più tempo. Non c'è nulla di nascosto, sta bene, ha una voglia pazzesca. Quando sarà al 100% potrà lottare con la concorrenza, per ora non lo è. William l'ho visto meglio, penso che stia migliorando sul piano fisico. Ha fatto una preparazione non ottima, è arrivato tardi e si è fermato a Mosca. Aveva bisogno di ritrovare una buona condizione. Ora lo vedo meglio, piano piano potrà aiutare la squadra. Non conto solo su alcuni giocatori e non su tutti. I 25, 26, 27 giocatori che abbiamo sono tutti in grado di aiutare questa squadra".

Qual è la migliore coppia difensiva?
"Ce lo dirà il tempo, Manolas e Daniele hanno funzionato bene insieme. Sono due partite che facciamo errori individuali, bisogna eliminarli. Se ci riferiamo a Roma-Barcellona, la coppia Manolas-Rudiger ha giocato ad alto livello, altrimenti i tre davanti non li fermi. Col Sassuolo c'è stato un rendimento più basso. Le spiegazioni le avete voi, si può giocare bene una partita e peggio un'altra, Rudiger non sarà convocato. Tornerà e ci aiuterà a far riposare qualcuno, come Kostas che non può giocarle tutte. Per quanto riguarda Castan, a Verona non ha fatto male né benissimo. Le coppie le potremo valutare quando tutti saranno al 100%, per ora l'unico che lo è è Manolas. Daniele ci sta mostrando di poter giocare bene, è una soluzione in più, un bene per la squadra".

Dzeko?
"Lo vedo tranquillo, è esperto. Sa che deve solo continuare a fare il meglio e i gol torneranno. Poi lavoriamo in allenamento, anche se è complicato giocando ogni tre giorni. Anche questa mattina abbiamo lavorato per dare maggiori automatismi, deve imparare a giocare con Edin e Edin deve imparare a giocare coi compagni. Non sono preoccupato, per ora segniamo. Sono preoccupato sul fatto di non prenderli, si può vincere anche 1-0. Abbiamo sempre segnato, ma anche preso sempre gol a parte Frosinone. Dobbiamo migliorare, con l'atteggiamento di squadra, non bisogna lasciare spazi all'avversario, l'ultimo gesto va chiesto agli attaccanti e ai difensori".

Come stanno Nainggolan e Florenzi?
"Florenzi ha preso una botta, vediamo domattina come sta, faremo una seduta a Trigoria. Se non sta bene, non lo rischierò. Radja se non sbaglio non ha giocato a Frosinone, ha bisogno di giocare sempre più che di fermarsi. Anche se avendo giocato 180' con il Belgio l'ho voluto risparmiare, per lui sarà solo la terza partita. Può iniziare. L'unica cosa è che deve migliorare, può fare meglio. Lo dico tranquillamente perché lo sa, sta tornando al 100% e penso che abbia bisogno di esserlo per esprimersi".

Per quanto riguarda i corner, è un problema individuale o tattico? C'è una gerarchia per i battitori?
"Con il Capitano battono Pjanic, Florenzi e Iago Falque. Potevamo fare meglio, penso che il primo anno abbiamo segnato tanto su calci piazzati, avevamo Benatia. L'anno scorso abbiamo lavorato tanto, e si è visto solo alla fine col gol di Yanga-Mbiwa. I giocatori devono fare variazioni, abbiamo schemi, anche se è il tiratore che deve leggere la situazione e i saltatori sanno cosa devono fare. Dobbiamo continuare, finché abbiamo queste opportunità dobbiamo sfruttarle di più. Stiamo lavorando, dobbiamo segnare. Per il momento siamo molto più in basso sul rendimento, rispetto a quello che dovrebbe essere".

La Roma è dove merita a livello di classifica? Si sente in bilico? 
"La mia unica preoccupazione è di preparare bene la gara di domani. Ripeto, dobbiamo essere in grado di ripetere il modo di giocare di mercoledì, con più efficacia davanti e cancellando i piccoli errori che costano troppo. Dobbiamo farlo subito. La classifica non è un problema ora, ma se perdi troppa strada può diventarlo. Abbiamo la possibilità di ribaltare questo momento, facciamo in modo di iniziare una striscia".




(fonte: romaforever.it)

Garcia: "Pagati errori individuali. Dobbiamo migliorare la fase difensiva e sui corner"

Ecco le parole del tecnico giallorosso Rudi Garcia dopo la sconfitta di ieri sera a Marassi per 2-1 nel turno infrasettimanale valido per la quinta giornata del campionato di Serie A:

GARCIA A MEDIASET

Tante occasioni create
"E' una sconfitta di troppo, non la meritavamo. Mi è piaciuto come ha giocato la squadra. Abbiamo pagato caro errori individuali. Non saremmo stati contenti del pareggio, la sconfitta ovviamente è peggio."

Questi errori?
"Non è un eccesso di pressione. Meglio non fare errori, dobbiamo migliorare la fase difensiva. I numeri mostrano la nostra supremazia, dobbiamo migliorare sui corner e nella fase difensiva. Il momento è complicato per il risultato ma ora dobbiamo pensare a sabato altrimenti si fa complicata anche la classifica."

Perché la Roma soffre e inizia a giocare solo al 60'?
"Abbiamo sofferto poco, abbiamo sempre giocato noi. Complimenti a Viviano che ha fatto dei miracoli. La partita la perdiamo sul piano difensivo."

C'era un calcio di rigore...
"Ci siamo resi conto ma l'arbitro ha diritto di sbagliare. Non perdiamo per un'occasione ma per i problemi in difesa e sul piano offensivo avremmo potuto segnare di più."

Dzeko?
"Il suo compito era di essere nell'area avversaria ma non è stato servito bene. Non ha avuto situazioni pericolose, è un gran campione: siamo sicuri che farà dei gol. Dobbiamo migliorare gli ultimi passaggi, sui 40 gol potevamo fare meglio."


GARCIA A SKY SPORT

Partita complicata da commentare: c'è il risultato, ma poi c'è la partita. Complimenti alla Samp ma la Roma ha fatto un salto di qualità notevole... sconfitta casuale?
"Se giochiamo così tutte le prossime partite ne vinceremo tante. Complimenti a Viviano, ha fatto una grande gara ma non eravamo contenti con un pareggio. Un pareggio da questa gara saremmo stati dispiaciuti. Una sconfitta che viene per colpa nostra per colpa di piccoli errori difensivi. La barriera, la punizione concessa dove era possibile fare in maniera differente. Abbiamo concesso poche cose ma abbiamo fatto 2-3 errori, una somma di errori che paghiamo carissima stasera"

C'è qualcosa che non va nel piazzamento della barriera
"C'è Florenzi che esce dal piazzamento e non può farlo. Ne parlerò con Morgan. Forse non dobbiamo farci spostare come abbiamo fatto per difendere meglio. Più che questa punizione...ripeto: non la dovevamo concedere questa punizione"

Spesso chiamava la giocata a due da calcio d'angolo ma la squadra faceva altro...
"Lavoriamo molto su queste cose ma a volte non le facciamo in gara. Le combinazioni le prepariamo. Non solo gli angoli, ma anche i cross e i tiri... Viviano ha fatto bene. Sui cross potevamo essere più bravi. Forse c'è la stanchezza per alcuni di loro. Ritengo che la squadra abbia giocato a ritmo alto, con qualità, abbia fatto grande volume ma alla fine abbiamo perso. Però è la strada giusta, ma intanto sabato ci servono 3 punti come il pane"

Pensando a queste partite e ad avversari che ti costringono attaccare negli ultimi 25 metri, un paio di Pjanic farebbero comodo...
"Sì ma anche Salah, Iago Falque sono stati bravi. Non abbiamo fatto una brutta partita in attacco. Ciascuno ha fatto il suo ma ciascuno poteva fare meglio sull'ultimo passaggio. Anche se il portiere ha fatto grandi parate, dobbiamo essere più cinici. Nel secondo tempo abbiamo creato di più ma non basta. Il punto non è solo offensivo, per cui dobbiamo segnare di più, ma anche difensivo: abbiamo preso 2 gol anche dal Sassuolo. Sono errori difensivi che non dobbiamo fare più"

Tornando sul calcio di punizione: sono rimasto sorpreso che ci fossero solo 3 uomini in barriera
"La barriera sa che se si sposta la palla si deve spostare pure lei. C'è un blocco di un giocatore della Sampdoria ma siamo stati ingenui in questa occasione"

La Roma non meritava di perdere probabilmente. Dzeko, dal punto di vista numerico, me lo sarei aspettato con qualche rete in più, soprattutto in partite come questa
"Per il momento il lavoro di Edin in area è sorvegliato come il latte sul fuoco. Abbiamo segnato tanto con altri giocatori, ma lui comunque sono sicuro che segnerà tanto. Quando è sorvegliato così, dobbiamo riuscire a cercarlo maggiormente, con 2-3 cross. Ma come ho detto dobbiamo fare meglio in occasione dell'ultimo cross"


GARCIA A ROMA TV

Una partita molto complessa da commentare, le statistiche e il volume di gioco premiano la Roma ma il risultato non è arrivato
"L'ho detto ai ragazzi, se giochiamo sempre così le vinceremo tante. Dovevamo concretizzare meglio le tante occasioni e non fare questi piccoli errori difensivi che ci costano tanto. Sono piccole cose che ci costano caro. I gol presi con il Sassuolo, 2 stasera. Troppi."

L'errore sulla punizione?
"Intanto Manolas non doveva concederla. E poi la barriera. Dobbiamo essere più furbi. Dobbiamo migliorare, non c'era pericolo stasera e alla fine chiudiamo con un autogol e una punizione. Non va, continuiamo a giocare così ma con più cinismo in avanti. Sabato i tre punti ci servono come il pane."

Ha spesso cambiato il centrale, ha paura che questo le faccia perdere equilibrio.?
"Il reparto è andato bene, al di la degli episodi. Per questo sono arrabbiato per questi errori. Abbiamo creato tanto stasera: 24 tiri e 18 corner, qualcosa su cui dovremo sicuramente migliorare, 40 cross e dovremo sicuramente servire meglio Dzeko, ma è complicato fare di più quando si fa questo volume di gioco."

Mancata anche la precisione?
"Si, anche un po ‘di variazione di gioco. Lavoriamo tanto su queste cose e poi in partita non le facciamo. Così siamo troppo prevedibili e stasera ci si è messa anche la sfortuna. Ma giocando così vinceremo."


GARCIA A RAI SPORT

Gli avversari vi hanno punito, oggi c'è stata anche un po' di sfortuna
"E' stato cosi. Abbiamo creato tanto e dovevamo concretizzare di più anche se Viviano è stato il migliore in campo. Se giochiamo cosi ne vinceremo tante ma siamo delusi e lo saremmo stati anche con il pari"

Cosa deve fare per svegliare la squadra
"Dobbiamo seguire la strada e il gioco di questa sera, ma anche essere più cinici sia offensivamente che difensivamente. Anche se oggi dietro non abbiamo sbagliato nulla"

La corsa su chi va fatta? L'Inter o la Juve?
"La corsa va fatta su di noi. Dobbiamo prendere i punti, ci servono come il pane. Con il Carpi dobbiamo far vedere che abbiamo imparato dai nostri errori"


GARCIA IN CONFERENZA STAMPA

"Serviva fare meno errori sul piano difensivo, c'è stato un volume di gioco incredibile, dobbiamo concretizzare le occasioni che abbiamo. In difesa ci siamo messi in difficoltà da soli, non eravamo contenti del pareggio, figuriamoci della sconfitta. In queste due giornate abbiamo subito sempre due gol, dobbiamo migliorare l'efficacia difensiva. Il reparto è stato buono, ci sono stati solo un paio di errori. Non serve guardare il distacco col primo, ma prendere punti, servono come il pane da sabato. Dzeko? Lo possiamo servire meglio, su 40 cross ne sono arrivati pochi a destinazione. Dobbiamo migliorare l'ultimo passaggio, Edin farà tanti gol, è un campione".




(fonte: romaforever.it)

Tonfo a Marassi: Samp-Roma 2-1. Garcia a rischio!

Brutta sconfitta per la Roma di Rudi Garcia, la prima stagionale, sul campo della Sampdoria di Walter Zenga nel turno infrasettimanale valido per la quinta giornata del campionato di Serie A, per 2-1.

Vantaggio dei padroni di casa al 50' con un calcio di punizione di Eder, complice una barriera davvero piazzata male. Al 69' la rete del pareggio dei giallorossi con Salah al secondo gol consecutivo in due partite. Ma all'85', nel momento di maggior spinta degli uomini di Garcia, arriva la sfortunata autorete di Manolas che decreta così la prima sconfitta stagionale dei giallorossi.

Brutta sconfitta per la Roma che resta così a 8 punti in classifica, scivolando a -7 dall'Inter capolista. E adesso per Garcia si fa davvero dura...

In cerca di riscatto a Genova contro la Samp: Torna Dzeko. Le probabili formazioni

Ostacolo Sampdoria per la Roma di Rudi Garcia. Allo stadio "Luigi Ferraris" i giallorossi cercano il riscatto immediato dopo la battuta d'arresto casalinga contro il Sassuolo. Dall'altra parte la compagine di Walter Zenga è reduce da una sconfitta amara a Torino contro i granata di Ventura al termine di una gara dai due volti: arrendevole il primo tempo, propositiva ma inconcludente la ripresa. Un punto separa le due formazioni in classifica: otto per i capitolini e sette per i liguri. Marassi è un campo ostico per la Roma che nei 56 precedenti ha portato a casa l'intera posta in palio soltanto in nove occasioni pareggiando 20 volte con 29 vittorie della Samp. L'ultima vittoria blucerchiata risale al campionato 2012/2013 quando Estigarribia, Sansone e Icardi andarono a segno nel 3-1 finale, mentre la stagione successiva furono i giallorossi ad uscire vincitori per 2-0 grazie alle reti di Benatia e Gervinho. Dirigerà l'incontro il livornese Luca Banti.

Walter Zenga dovrà fare i conti anche questa volta con l'emergenza in difesa. Davanti a Viviano giocherà Pereira a destra, Regini a sinistra con Moisander e Silvestre al centro. Le chiavi del centrocampo saranno affidate anche questa volta a Fernando che sarà coadiuvato da Ivan e Barreto. In attacco confermato il duo Muriel-Eder con Soriano in vantaggio su Correa per un posto sulla trequarti.

Rudi Garcia metterà in campo la formazione tipo eccezion fatta dell'infortunato Szczesny rimpiazzato ancora da De Sanctis. In difesa ci sarà Florenzi a destra e Digne con De Rossi e Manolas al centro. In mediana giocherà Keita con Pjanic a destra e Nainggolan a sinistra mentre in avanti ritornerà Dzeko al centro con Salah e Iago Falque ai lati con Totti che non è stato convocato.


Ecco le probabili formazioni che scenderanno in campo questa sera a Marassi:

SAMPDORIA (4-3-1-2): Viviano; Pereira, Silvestre, Moisander, Regini; Ivan, Fernando, Barreto; Soriano; Muriel, Eder. 
Allenatore: Walter Zenga. 

ROMA (4-3-3): De Sanctis; Florenzi, Manolas, De Rossi, Digne; Pjanic, Keita, Nainggolan; Salah, Dzeko, Iago Falque. 
Allenatore: Rudi Garcia.

Diretta tv Sky e Premium Calcio ore 20.45.



(fonte: tuttomercatoweb.com)

Ritorno "last-minute" per Benatia?

Visti i tempi incerti legati al recupero pieno di Castan, che la Roma potesse accusare dei problemi in difesa non è sorprendente. Ma le ultime ore di mercato stavano per partorire un colpo di scena. È noto come Benatia per problemi di ambientamento sarebbe tornato volentieri in Italia e per questa ragione aveva avuto abboccamenti con Juve, Inter e la stessa Roma, anche se non si era lasciato bene con Pallotta e il rapporto fra Sabatini e il suo manager (apostrofato come «menestrello») non era più dei migliori. Ebbene, alla fine di agosto però il grande amore stava per sbocciare di nuovo, complice un'offerta del Chelsea per Manolas: circa 35 milioni. La plusvalenza sarebbe stata ottima e ci sarebbe stato abbastanza per offrire i quasi venti milioni utili per convincere il Bayern Monaco, ma i tempi per costruire tutto il giro non sono stati sufficienti, anche perché i tedeschi avevano già ceduto Dante. Quindi, affare saltato. Ma occhio ai ritorni di fiamma prossimi venturi.



(fonte: romaforever.it)

Garcia: "Dobbiamo rivedere qualcosa"

Ecco le parole del tecnico giallorosso Rudi Garcia al termine dell'amaro pareggio casalingo contro il Sassuolo di ieri pomeriggio allo stadio Olimpico nella quarta giornata del campionato di Serie A:

GARCIA A MEDIASET

Questo pareggio dà meno soddisfazioni...
"Si, meno. Ma lo sapevamo, il Sassuolo è una buona squadra. Giocano un buon contropiede e hanno una rosa di livello. Nel primo tempo non abbiamo fatto le cose che erano previste, nel secondo abbiamo trovato qualità per pareggiare e provare a vincere."

Colpa del turn over?
"No, no, abbiamo una rosa per competere ogni 4 giorni. Sapevamo che tornare al campionato sarebbe stato complicato. Sapevamo che senza pressing, gioco e intensità sarebbe stato difficile. La cosa strana è che fisicamente stava meglio chi ha giocato mercoledì rispetto a chi è entrato fresco."

Squilibrio fisico?
"Per alcuni era un ritorno dopo tanto tempo, mancavano di ritmo partita. Queste cose vanno trovate in allenamento, non è possibile questo squilibrio sul piano fisico."

Gol numero 300 del capitano...
"Straordinario il gol 300 del capitano, ma sono convinto che avrebbe voluto festeggiare con una vittoria. Bello anche il gol di Salah. Questi due gol non sono stati sufficienti visto che nel primo tempo ne abbiamo presi due."

Gli episodi arbitrali?
"Non serve a niente commentare, avete commentato bene voi."

Il mancato utilizzo di Florenzi da titolare?
"Quando Florenzi esce con i crampi sarebbe stupido rischiarlo la partita dopo. Non possiamo fare tutta la stagione con undici giocatori. Ho più informazioni sulla forma di alcuni giocatori che devono fare meglio. E' una colpa globale, non del singolo."

Il gesto di Iturbe?
"Va bene, non mi cambia nulla. Ha carattere. Tutti i giocatori devono fare bene e fare la differenza, questo mi aspetto da loro."


GARCIA A SKY SPORT

Si sapeva che il Sassuolo stava bene, però voi avete avuto più difficoltà del previsto nel leggere le loro verticalizzazioni e stare nella loro metà campo
"Perché abbiamo fatto un brutto primo tempo, siamo stati troppo lunghi e lontano dagli avversari. Sappiamo che hanno un attacco di qualità. Quando prendi due gol in un tempo diventa difficile vincere. Nella ripresa abbiamo visto una Roma più di qualità, abbiamo sfiorato la vittoria, ma i danni erano stati già fatti nel primo tempo"

Perché non abbiamo più rivisto la formazione contro la Juventus? L'eccesso di turn over può snaturare la squadra?
"Dopo una partita è sempre facile. Se metto la stessa squadra del Barcellona e facciamo 2-2 mi chiedono perché non ho fatto turn over. Per chi fa tre gare di fila è complicato, devo fare appello anche a chi non ha giocato tanto dall'inizio della stagione e dopo faccio un'analisi di ciò che vedo. La cosa un po' strana è che stavano meno bene sul piano fisico chi è entrato rispetto a chi aveva già giocato"

Lei li ha chiamati "danni" della fase difensiva. Rudiger non si muove ancora con gli altri giocatori, come in occasione del primo gol. Anche nel secondo ha avuto una dimenticanza non seguendo l'uomo...deve ancora crescere dal punto di vista degli automatismi?
"Sì ma non è solo lui ad aver difeso male nel primo tempo e nei due gol. Né Nainggolan né Torosidis sono vicino a Politano e Missiroli che possono giocare come nel burro. A parte l'errore individuale, credo che sia un errore dopo l'altro. Sul piano difensivo, nel primo tempo, siamo stati brutti. E' così, lo dobbiamo dire."

Salah è uno dei contropiedisti più veloci al mondo. Molte volte arriva in area e non trova nessuno: lo sta spingendo a tirare di più?
"Manuel Iturbe poteva seguirlo visto che è veloce come lui. Mohamed ha fatto una buona partita, nel primo tempo è stato il giocatore più pericoloso. Abbiamo fatto 27 cross ma non abbiamo avuto abbastanza presenza in area. Questo è un difetto quando non c'è Dzeko ma possiamo colmarlo anche quando non c'è Edin, con gli altri giocatori che abbiamo"

Si è già accordato con Totti per allungarne la carriera, per esempio facendogli giocare una partita sì e tre no?
"Il capitano tra poco farà 39 anni e, quando sei un attaccante, è difficile giocare troppo. Lui deve farsi trovare pronto come oggi ed essere freddo davanti la porta. 300 gol sono un numero incredibile"

Lo ha richiamato lei Iturbe in panchina?
"No sono concentrato sulla partita. Chi esce lo fa come vuole. Io penso che si deve sempre rispetto per chi entra. Poi le risposte che mi devono dare i giocatori me le devono dare sul campo. Manuel si è meritato di giocare titolare perché si è allenato molto bene in allenamento ed è entrato bene nelle partite, a Frosinone infatti ha anche segnato. Dopo quando uno è titolare deve fare una bella partita e non è stato il caso di Manuel come di tutta la squadra che ha giocato nel primo tempo"

Sente di avere un organico che dovrebbe esprimere di più?
"Quando pareggiamo in casa abbiamo perso due punti. Questi due punti li dobbiamo ritrovare in trasferta adesso. Sapevamo che il Sassuolo era un'ottima squadra e stava in forma ma mi aspettavo di più dagli undici che hanno iniziato la partita oggi"


GARCIA A RADIO RAI

"Sapevamo che loro sono una buona squadra, hanno giocato bene in contropiede con velocità. Questo non spiega il brutto primo tempo nostro, senza ritmo e lunghi. Poi nella ripresa almeno abbiamo giocato a vincere, ma i danni erano già stati fatti nel primo."

Il turnover?
"Le polemiche ci sono sempre, sia che l osi faccia sia che no. Io dico che ho una rosa per competere ogni tre giorni, eppure ho trovato meglio fisicamente chi aveva già giocato e non gli altri, Pjanic a parte che stava bene. Quindi dovremo forse modificare il lavoro in settimana."

Il gol di Totti?
"Incredibile, ha avuto il sangue freddo per segnare. Anche quello di Salah è stato bellissimo. Peccato, perché potevamo fare meglio: i numeri sono buoni, ma non basta. Due punti persi che dovremo prendere in trasferta"


GARCIA A ROMA TV

Quale è la sua sensazione dopo questo pareggio?
"Che abbiamo aiutato il Sassuolo che è già una bella squadra. Abbiamo fatto un brutto primo temo, nel secondo abbiamo messo più intensità e siamo andati vicini dal vincerla. La cosa che posso dire che non tutti sono al 100%. Per Salah ad esempio non era un problema aver giocato tre giorni fa, per altri si. Abbiamo perso due punti in casa, peccato. Ora dobbiamo ritrovarli in trasferta"

Totti?
"300 gol è un numero incredibile ma sono sicuro che anche lui sarebbe stato più contento se con questa rete avessimo trovato i 3 punti"

Qualche problema sugli esterni in difesa?
"Il problema non sono stati gli esterni ma tutta la squadra ha difeso male. Rivedremo il primo tempo per capire cosa non è andato, se la posizione o l'atteggiamento. Mi aspettavo molto di più da questa formazione""


GARCIA IN CONFERENZA

Cambiare 5 uomini è una scelta che rifarebbe?
"Ho una rosa importante e devo fare appello a tutti perchè la stagione sarà lunga. Bisogna fare valutazioni obiettive. Io le risposte da chi metto in campo le aspetto sul campo e poi si fanno delle valutazioni.

Negli ultimi 4 giorni si sono viste due Roma completamente diverse: vi siete trovati meglio contro il Barcellona?
"No, siamo fatti per partite come questa di oggi: loro sono stati più forti di noi sui duelli, quando facciamo cross in area ci deve essere qualcuno. Abbiamo fatto un brutto primo tempo, il secondo è stato di maggiore qualità, con più ritmo e il pareggio di Salah che ha fatto una buona gara. Quando si perdono due punti in casa, vanno recuperati in trasferta".

Non era il caso di puntare su giocatori che sono in fiducia come Florenzi che era carico?
"Allenatore che vince non sbaglia mai. Con il senno del poi sempre facile. Sono importanti le risposte di chi gioca."

Cosa impara la squadra da questa prestazione e cosa cambia nella testa di un allenatore sostituendo un giocatore al 48'?
"Iturbe ha meritato di giocare perchè si allena benissimo. Un giocatore se ha carattere non può essere contento della sua prestazione."

Nelle ripartenze del Sassuolo sembrava che la squadra non fosse messa bene, si poteva spendere qualche fallo in più?
"Sono d'accordo al 100%."

Sassuolo bestia nera: solo 2-2 all'Olimpico!

Pareggio amaro per i giallorossi dopo la bella impresa di soli quattro giorni fa contro i campioni d'europa del Barcellona. Gli uomini di Rudi Garcia, infatti, non sono andati oltre il 2-2 interno contro il Sassuolo di Eusebio Di Francesco, costretti addirittura a rimontare due volte.

Sono infatti gli emiliani a passare in vantaggio al 22' con la rete di Defrel, ma i giallorossi trovano subito il pari con Francesco Totti al 36', che sigla il trecentesimo gol in maglia giallorossa. Ma prima dell'intervallo l'ex del vivaio Politano trova la rete del momentaneo 2-1 al 45'.

La ripresa parte subito bene per gli uomini di Garcia che trovano subito il pari con un gioiello di Salah, al primo gol in maglia giallorossa, dopo soli quattro minuti, ma che non riescono a scardinare la difesa della squadra di Di Francesco, dovendosi accontentare così del pareggio.

Roma che sale così ad 8 punti in classifica, scivolando al terzo posto, e soprattutto meno quattro dall'Inter capolista.

Prossimo impegno dei giallorossi mercoledì a Marassi contro la Sampdoria di Walter Zenga.

Roma-Sassuolo: Totti e Pjanic dal 1'. Le formazioni ufficiali

Arrivano a meno di un'ora dal fischio d'inizio, le formazioni ufficiali di Roma e Sassuolo che, alle ore 15, scenderanno in campo allo stadio Olimpico per la quarta giornata del campionato di Serie A.

Garcia manda in campo Totti e Pjanic dal primo minuto. Insieme al capitano in attacco ci saranno Salah e Iturbe. In difesa fuori Florenzi e Digne, dentro Maicon e Torosidis.


Ecco le formazioni ufficiali che scenderanno in campo alle 15 allo stadio Olimpico di Roma:

ROMA (4-3-3): De Sanctis; Maicon, Manolas, Rüdiger, Torosidis; Nainggolan, De Rossi, Pjanic; Iturbe, Totti, Salah.
A disp.: Lobont, Gyomber, Castan, Digne, Florenzi, Keita, Vainqueur, Uçan, Gervinho, Iago Falque, Dzeko, Ponce. All.: Garcia 
Squalificati: -
Indisponibili: Szczesny, Strootman, Capradossi

SASSUOLO (4-3-3): Consigli; Gazzola, Cannavaro, Acerbi, Peluso; Missiroli, Magnanelli, Duncan; Politano, Defrel, Floro Flores.
A disp.: Pegolo, Pomini, Ariaudo, Fontanesi, Terranova, Laribi, Pellegrini, Biondini, Floccari, Sansone, Falcinelli, Berardi. All.: Di Francesco
Squalificati: Vrsaljko (1)
Indisponibili: Antei, Longhi.

Diretta tv Sky Calcio e Premium Calcio ore 15.

Roma-Sassuolo: Gioca Iturbe, dubbio Pjanic. Le probabili formazioni

Poche ore alla sfida dell'Olimpico tra Roma e Sassuolo e i due allenatori hanno sciolto in queste ore di vigilia gli ultimi dubbi in vista di una gara che non è mai stata scontata e che ha sempre regalato emozioni.

Sempre più decise le voci che danno Iturbe titolare insiema a Salah e al bosniaco Edin Dzeko, ma attenti alle quotazioni in salita di Francesco Totti. In difesa potrebbe esserci Maicon al posto di Florenzi, galvanizzato dopo l'eurogol contro il Barcellona. L'ultimo dubbio di Garcia, che non ha dato conferme in conferenza stampa, è la presenza in campo o meno di Pjanic che ha recuperato dall'infortunio. Potrebbe partire dal 1' o entrare a gara in corso per non rischiare, in tal caso giocherebbe Vainqueuer.

Pochi i dubbi da sciogliere invece per i neroverdi di Eusebio Di Francesco. Con la squalifica di Sime Vrsaljko giocherà terzino Gazzola che completerà il reparto arretrato con Cannavaro, Acerbi e Peluso. In attacco confermati Sansone, Defrel e Floro Flores mentre Berardi che ha recuperato dovrebbe partire dalla panchina.


Ecco le probabili formazioni che scenderanno in campo questo pomeriggio allo stadio Olimpico:

ROMA (4-3-3): De Sanctis; Maicon, Manolas, Rüdiger, Digne; Nainggolan, De Rossi, Pjanic; Iturbe, Dzeko, Salah Allenatore: Rudi Garcia

SASSUOLO (4-3-3): Consigli; Gazzola, Cannavaro, Acerbi, Peluso; Missiroli, Magnanelli, Duncan; Sansone, Defrel, Floro Flores Allenatore: Eusebio Di Francesco



(fonte: tuttomercatoweb.com)

I convocati di Garcia per il Sassuolo

Il tecnico giallorosso Rudi Garcia ha diramato, al termine della seduta di rifinitura svolta questa mattina al centro sportivo Fulvio Bernardini, la lista dei convocati per la gara che vedrà la Roma impegnata allo Stadio Olimpico contro il Sassuolo alle ore 15.







Ecco la lista completa dei convocati dal tecnico francese:

1 Bogdan Lobont
2 Antonio Rüdiger
3 Lucas Digne
4 Radja Nainggolan
5 Leandro Castan
7 Juan Manuel Iturbe
9 Edin Džeko
10 Francesco Totti
11 Mohamed Salah
13 Sisenando Douglas Maicon
14 Iago Falque
15 Miralem Pjanic
16 Daniele De Rossi
18 Ezequiel Ponce
20 Seydou Keita
21 William Vainqueur
23 Norbert Gyömbér
24 Alessandro Florenzi
26 Morgan De Sanctis
27 Yao Kouassi Gervinho
35 Vasileios Torosidis
44 Konstantinos Manolas
48 Salih Uçan

Non Convocati: Anocic, Capradossi, Emerson, Machin, Pop, Strootman, Szczesny.

Garcia: "Domani partita difficile. La favorita per lo scudetto è la Juventus"

Conferenza stampa alla vigilia della sfida interna contro il Sassuolo allo stadio Olimpico domani alle ore 15 per il tecnico giallorosso Rudi Garcia che nella sala conferenze del Centro Tecnico Fulvio Bernardini di Trigoria ha incontrato i giornalisti.


Ecco le parole del tecnico giallorosso:

È soddisfatto delle tre versioni della Roma che si sono viste?
"Vuol dire che la squadra può giocare in diversi modi, senza perdere efficacia. È più piacevole vedere la squadra giocare come contro la Juventus, ma saper vincere prima di una partita di Champions non è semplice e la squadra ha vinto. Poi sapevamo che contro il Barcellona dovevamo dimostrare anche altre caratteristiche che portano sempre all'efficacia, la squadra l'ha dimostrato in un modo interessante per il futuro. Ho parlato di una Roma camaleontica, ci può aiutare".

Quant'è difficile preparare questa partita?
"Le partite prima e dopo la Champions sono sempre complicate, sia da preparare che da giocare. Mi aspetto una partita difficile, giochiamo contro una squadra che ha 7 punti, che ha giocatori forti, soprattutto in attacco, e che ha fatto un bell'inizio di campionato. I giocatori lo sanno, dobbiamo mettere tutto in campo domani per fare un risultato positivo. Il nostro obiettivo è allungare la striscia, fare la terza vittoria".

A Football Cares hanno aderito 7 club su 20. Non sarebbe stato il caso che tutti e 20 i club giocassero insieme per una causa così nobile?
"Il mondo del calcio deve seguire questa iniziativa, è un'iniziativa lodevole. Al di là dell'antagonismo tra i club, soprattutto nello stesso paese, ci sono delle cause per cui dobbiamo dimostrare forza e solidarietà, è ovvio. Piano piano le cose su una questione così importante faranno dei piccoli, come si dice in Francia. Il calcio è lo sport più popolare del mondo, può aiutare una cosa come questa".

La Roma ha brillato meno quando chiamata a fare gioco. Non è paradossale che si difenda meglio di quanto attacchi?
"È l'inizio della stagione. Devo continuare a inserire i nuovi a stagione iniziata, rimettere anche alcuni giocatori a un buon livello sul piano fisico, come Rudiger e Vainqueur. Facciamo questa cosa di restare efficaci, soprattutto ottenendo dei risultati positivi e lavorare con la squadra per migliorare l'intesa".

Mancini e Allegri hanno parlato della lotta scudetto, Garcia come la vede?
"Hanno tutti la loro opinione, la mia non cambia. La favorita è la Juventus, anche se sembra un campionato più aperto, visto che ci sono delle squadre che non c'erano nei campionati passati, che sembrano tornate. Poi vedremo, ci saranno le giornate a dire se abbiamo ragione o torto".

Farà turnover dopo una partita dispendiosa come Roma-Barcellona? Un parere su Ponce?
"Ponce è giovane, ma parla solo spagnolo. C'è un tempo di adattamento, ma anche allenarsi con i campioni che abbiamo è un ovvio fattore di crescita. Fa parte del parametro che ho menzionato, anche lui si deve adattare sapendo che è giovane e che dobbiamo conoscerlo meglio. Piano piano dimostra di avere qualità, altrimenti non sarebbe alla Roma. È possibile anche vedere la stessa squadra che ha giocato mercoledì, siamo a inizio stagione ed è la terza partita in quasi 9 giorni, avere 4 giorni di stacco cambia la vita. Penso sinceramente che questa rosa permetta di avere un livello coerente, qualsiasi giocatore entri in questa squadra il livello resta coerente e in grado di farci vincere partite".

Difficile cambiare tipo di partita? Come sta Pjanic?
"C'è un po' di tutto, abbiamo già parlato dell'atteggiamento psicologico del passare da una gara di Champions a una di campionato, totale rispetto per il Sassuolo. Poi pensiamo a giocare in un altro modo e a difendere un po' meno e il campo dirà il suo giudizio. L'atteggiamento deve essere differente. Pjanic sta bene, è tornato prima del previsto, vuol dire che i dottori hanno lavorato bene ma anche lui si è curato due volte al giorno per esserci. È convocabile, non andava rischiato col Barcellona, ma ora può iniziare o entrare senza rischi".

Come sta Szczesny? Come si è inserito?
"Sapevamo che Wojciech ha talento ed esperienza ad alto livello, avendo giocato nell'Arsenal e in Champions League. Per un portiere credo che un dito serva tanto, non dobbiamo rischiarlo. Per fortuna il dito non è rotto, c'è stata una lussazione. Quando è così non solo dobbiamo curarlo bene, ma lasciargli tempo per recuperare. La cosa complicata sarebbe una ricaduta, inizierebbero problemi importanti. Ha molto carattere, anche se coi compagni è a suo agio. Una delle cose che mi piacciono di lui è che già capisce l'italiano. Quando a volte gli parliamo in inglese ci chiede di farlo in italiano per imparare, è un atteggiamento da grande. Colgo l'occasione per dire quanto siamo fortunati ad avere due portieri di alto livello, De Sanctis ci ha dimostrato di poter dormire sonni tranquilli".

Szczesny fuori un mese e mezzo

Brutte notizie in casa Roma alla voce Szczesny. Il portiere polacco, uscito al sesto del secondo tempo della gara di ieri contro il Barcellona, si è procurato un 'impegno distrattivo capsulo-legamentoso al IV dito della mano sinistra: escluse fratture. Prognosi di 4-6 settimane', come recita freddamente il Tweet emesso da Roma Radio, l'emittente ufficiale della società giallorossa.

Mentre era a terra, e con le mani entrambe sul pallone, Szczesny è stato vittima di un doppio tentativo di Luis Suarez di portargli via il pallone proditoriamente. Tra i due anche in precedenza c'era stata frizione e il portiere aveva rifilato un buffetto all'attaccante. La vendetta di Suarez è stata immediata e ben più veemente.



(fonte: corrieredellosport.it)

Barcellona-Roma: Florenzi, Manolas e De Rossi muostrosi! Le pagelle

Ecco le pagelle dei giallorossi dopo la bella prestazione che ha portato al pareggio contro il Barcellona ieri sera all'Olimpico nella prima giornata della fase a gironi di Champions League.

Prestazione monumentale per Florenzi, autore dello strepitoso gol del pareggio, Manolas, vero baluardo della difesa, e per Daniele De Rossi.





Ecco le pagelle dei giallorossi:

Szczesny 7
(dal 49' De Sanctis 6,5)
Florenzi 9
(dall'84' Torosidis sv)
Manolas 8
Rüdiger 6
Digne 6
Keita 6,5
De Rossi 8,5
Nainggolan 5
Salah 6
Dzeko 7
Iago Falque 5,5
(dall'81' Iturbe 6)

Garcia: "Risultato importante". Florenzi: E' stato un gran gol". De Rossi: "Un orgoglio giocarsela col Barca"

Ecco le dichiarazione dei protagonisti giallorossi al termine della bella prestazione con cui la Roma ha ottenuto un prezioso pareggio contro il Barcellona allo stadio Olimpico per 1-1 nella prima giornata della fase a gironi di Champions League.

A parlare per i giallorossi sono il tecnico Rudi Garcia, Florenzi, autore del pazzesco gol del pareggio, e Daniele De Rossi.


Ecco le loro dichiarazioni:


GARCIA A PREMIUM SPORT

Questo Everest ci siete andati vicino?
"Non siamo arrivati alla cima ma è stato un risultato importante, pareggiare con loro dà fiducia alla squadra. Tatticamente abbiamo difeso benissimo, ognuno si è impegnato, sapevamo di dover correre, soffrire e avere coraggio. Potevamo fare meglio nell'utilizzo della palla soprattutto nel primo tempo e anche sui contropiedi potevamo essere più pericolosi. I ragazzi hanno risposto bene al modo in cui avevamo preparato la gara"

11 mesi fa 7-1 con il Bayern, stavolta avete retto botta
"Questa squadra è cresciuta, l'esperienza dell'anno scorso è importante. Sono arrivati giocatori come Dzeko e Salah che hanno già giocato la Champions, tutti sono stati bravi oggi perché non puoi pareggiare con il barca senza che tutti gli 11, anzi i 14 facciano bene. Complimenti particolari al gol di Florenzi"

Grande organizzazione stasera. Perchè hai scelto di mettere De Rossi davanti alla difesa e non come centrale?
Io volevo mettere in campo 11 giocatori con una squadra un po' camaleontica, volevo cambiare modulo e atteggiamento senza cambiare i giocatori. La scelta di Daniele è semplice perché quello è il suo ruolo, l'ha fatto in modo differente oggi perché è anche andato a fare pressing sui centrocampisti. Abbiamo studiato bene il fatto che Messi e Neymar venivano tra le linee e il suo compito era prenderli senza abbassarsi, è stato di un'intelligenza pazzesca Daniele stasera, ci ha dato grande equilibrio

Come si fa a far giocare tre giocatori di punta e mantenere questo equilibrio?
"Iago lo fa naturalmente, è un equilibratore di squadra, è nuovo ma già si trova a meraviglia con Digne. La grandezza di Edin Dzeko spalle alla porta ci ha permesso di prendere fiato e uscire un po' e poi la velocità di Salah ha fatto paura al Barça tutta la gara. Mi è piaciuta anche l'entrata di Iturbe"


GARCIA A ROMA TV

Di cosa è soddisfatto questa sera?
"Quasi di tutto, l'organizzazione della squadra in primis. Sul piano tattico siamo stati quasi perfetti. De Rossi, in un ruolo normalmente suo, ha recitato in maniera differente: non è rimasto davanti la difesa ma ha preso Messi e Neymar quando uscivano dalle linee, poi andando su Busquets e Mascherano. Era possibile andare meglio sulla tenuta della palla, nel primo tempo l'abbiamo persa qualche volta. Ad ogni modo un pareggio con il Barça lo prendiamo: è un buon risultato"

Ultimo passaggio sbagliato troppe volte?
"Penso che sui contropiedi forse siamo stati imprecisi sull'ultimo passaggio. Abbiamo sfruttato la grande velocità di Salah e la capacità di Dzeko di tenere la palla e far salire la squadra. Poi il gran gol di Florenzi..."

Ha mai visto un gol del genere?
"Poche volte, da antologia. E' stata la giusta risposta a un gol dove non abbiamo potuto difendere con Digne che, in maniera anche un po' involontaria, che ha ricevuto un pestone al piede. Alla fine è un ragazzo importante quello di stasera, non ci hanno regalato niente"

E' rimasto sorpreso dalla mancata partenza dal primo minuto di Mascherano?
"Sì. La cosa che penso, anche se c'è solo Luis Enrique la ragione della sua scelta, è che volevano alzare i centimetri della loro squadra. Con Busquets, Mathieu e Roberto avevano più centimetri e sapevano della nostra difficoltà sui calci piazzati"

Si dice sempre che il Barcellona è battibile solo se calano i catalani ma oggi non è stato così. Secondo lei la Roma acquisisce una nuova consapevolezza della propria forza?
"Sì è vero, quando si pareggia in questo modo contro di loro, l'obiettivo perso è quello di avere il possesso palla. Serve avere delle linee strette. Adesso, comunque, ci saranno tre partite importanti per noi: Bate Borisov in trasferta e doppia sfida contro il Bayer. Probabilmente si giocherà qui la qualificazione. Tutti pensavano che avremmo fatto zero punti con il Barça ma oggi ne abbiamo preso uno che potrà pesare alla fine"


GARCIA IN CONFERENZA STAMPA

Partita che aveva sognato?
"Il nostro sogno era vincere, ma tatticamente siamo stati quasi perfetti, ben organizzati. Abbiamo sofferto alcune occasioni ma non troppe contro il Barcellona. I giocatori sono stati bravi a chiudere tutte le possibilità per essere pericolosi a loro. Potevamo fare meglio sulla tenuta della palla e anche sui contropiedi e nell'ultimo passaggio, dove siamo stati un po' imprecisi, e avremmo potuto fare più danni a questa squadra. Il gol d'antologia di Florenzi è venuto normalmente a cancellare il loro gol dove Digne è rimasto schiacciato dal piede di Messi e non ha potuto difendere normalmente. Non è un ottimo risultato ma un buon risultato che potrà dare fiducia alla squadra per le prossime gare"

Luis Enrique non vi aspettava così chiusi
"Non si può fare in altro modo contro di loro, noi avevamo le armi per fare meglio ma con la velocità di Salah e le capacità di Dzeko. Siamo stati abbastanza bene su tutti i piani ma potevamo fare meglio. Speriamo che per Szczesny non sia grave anche se abbiamo De Sanctis"

Luis Enrique ha detto che non si sarebbe aspettato una Roma così chiusa: lo è stata?
"Contro il Barcellona è difficile giocare in altro modo, se lasci spazio a quei tre fenomeni là davanti soffri di più. Potevamo fare meglio sulla tenuta della palla, ma con la velocità di Salah e la possibilità che ci ha dato Dzeko di tenere la palla e far salire la squadra, siamo stati abbastanza bene su tutti i piani. Potevamo fare meglio. Speriamo solo che per Szczesny non sia un infortunio importante anche se De Sanctis è entrato benissimo in questa gara."

Per le caratteristiche di alcuni giocatori come Salah, Dzeko e Iago Falque, si sarebbe aspettato di avere più occasioni da gol?
"Come ho detto potevamo fare meglio nell'ultimo passaggio, nell'ultimo gesto nei 30 metri avversari. Non dimentichiamo però che non abbiamo difeso solo in 7 o 8 giocatori. Edin, Mohamed e Iago hanno fatto la prima linea difensiva, importante per difendere contro i loro giocatori"



FLORENZI

L'hai combinata grossa?
Non ho fatto danni, è stato importante il gol ma perché ha portato un punto alla Roma

Raccontacelo
E' stato un grande gol, si è vista la mia faccia quando è entrata la palla perché è una cosa che non ti capita sempre. Sono emozionato nel parlare perché è la prima volta che lo rivedo

Non ti eri accorto che eri così lontano?
Ho guardato Edin marcato e ho pensato di calciare, al massimo usciva e ci riposizionavamo

A che punto state?
Siamo arrivati a un buon punto perché abbiamo fermato la squadra più forte del mondo. Ci siamo messi lì come dei lottatori a non mollare mai, siamo stati tutti uniti con il solo obiettivo di fermarli, ci siamo riusciti anche con un buon gioco quando è stato possibile. Godiamoci questa serata, siamo contenti e ora testa subito al Sassuolo

Ottima fase difensiva (domanda di Balzaretti)
E' anche merito tuo lo sai. L'abbiamo preparata veramente bene, sapevamo i loro punti forti, siamo riusciti a stare stretti e a raddoppiare sui cambi di gioco, in fase offensiva ci ha dato una grande mano Edin su tutte le palle lunghe a salire, era la nostra ancora di salvezza

De Rossi ha detto: puoi diventare il più forte del mondo
Non è una cosa da poco quella che ha detto, lo ringrazio adesso gli darò qualche bacio e domani gli offrirò un caffè



DE ROSSI

Questo pareggio vale come una vittoria
Vale tanto non come una vittoria perché poi i punti sono quelli, il girone sarà combattuto e sarà difficilissimo, giocarcela così contro il Barcellona è un che avevano paura di prendere un'altra imbarcata come l'anno scorso

E' un'altra Roma rispetto al Bayern
Era un'altra Roma anche l'anno scorso, una giornata storta ci sta, stavolta siamo stati più attenti e più accorti, abbiamo sofferto ma ci sta contro il Barcellona, abbiamo anche avuto occasioni per ripartire e poi il grandissimo gol di Florenzi

Che ci dici di questo ragazzo?
A parte il gol, che è uno dei suoi che entrano nelle copertine, questo è un ragazzo che se aiutato da tutti noi e dall'ambiente e anche da lui stesso perché ha una grande testa secondo me in questo ruolo diventa uno dei più forti che c'è in circolazione, io glielo dico da tanti anni, lui sa che quel ruolo lo consacrerà in tutto il mondo


Top