Spalletti: "La sofferenza un merito in più. Non ce l'ho coi dottori. Il topino? Secondo me sta..." | Noi siamo la Roma

Slider[Style1]

Style2

Style3[OneLeft]

Style3[OneRight]

Style4

Style5

Ecco le dichiarazioni a caldo del tecnico giallorosso Luciano Spalletti al termine dell'importante vittoria per 3-1 sul Carpi nell'anticipo di ieri sera giocato a Sassuolo:


SPALLETTI A MEDIASET 

E' piacevole vedere la classifica dopo una vittoria raggiunta grazie alla voglia di vincere...
"La prestazione della squadra è stata di carattere, senza sbavature, i giocatori sono stati convinti di fare la partita dal primo al 90' facendo vedere molta qualità. Si può fare meglio ma è stata una vittoria meritata."

4 vittorie aiutano a sbloccarsi di testa
"I ragazzi, quando hanno subito l'1-1, hanno rivisto lo stesso film e hanno avuto un attimo di timore poi invece sono ripartiti e tu allora cerchi di dare un contributo ma loro sanno qual è la strada"

Ha spinto i giocatori ad andare sotto al settore ospiti
"Noi siamo una cosa unica, Roma e la Roma, dal centro del campo fino alla punta della curva Sud e le partite le vogliamo giocare tutte insieme. So che hanno parlato e le autorità hanno creato un'apertura che penso venga recepita nella maniera migliore perché noi abbiamo bisogno dei nostri tifosi."

Quanto è importante aver ritrovato il gol di Dzeko?
"Stasera abbiamo fatto molte cose fatte bene, abbiamo ritrovato tante qualità di cui disponiamo, una di queste è il gol di Dzeko, insieme alle altre cose è una cosa importante anche questa. Poi la squadra ha fatto girare bene la palla, con qualità, giocatori che hanno giocato poco come Vainqueur hanno dimostrato che possono dare un grande contributo alla squadra. Oggi abbiamo trovato tante cose che ci serviranno per il futuro."

C'è stata solo paura o anche appagamento dopo il gol di Digne?
"Loro sono bravi a fare questi 5 più i 3 centrocampisti tutti chiusi al limite dell'area e non è facile trovare spazio, tentavamo di far girare palla per farli scivolare e per trovare lo spazio, nel primo tempo non l'abbiamo fatto molto bene, nel secondo loro hanno chiuso meno perché si sono stancati e noi ne abbiamo preso i vantaggi e abbiamo fatto meglio vincendo meritatamente. Ci sono diverse cose stasera che sono andate nel verso giusto."

Rispetto alle ultime due partite c'è stato un miglioramento nella continuità del gioco.
"Questa è la cosa più importante, nel secondo tempo abbiamo incrementato il ritmo e non siamo mai calati, non abbiamo mai cambiato atteggiamento cercando di andare sempre a far gol per cui stasera sono tranquillo e contento perché sono convinto che questa prestazione qui si riuscirà a ritrovare dei fili conduttori che ci faranno fare strada"

Anche in vista del Real?
"Anche in vista del Real. Ci portiamo dentro questa vittoria e queste certezze, per cui è una spinta in più. E' una partita di difficilissima ma noi si va a giocarla non stiamo a casa"

*** *** ***



SPALLETTI A SKY SPORT

Il fatto nuovo è la mentalità mostrata dalla squadra.
"Sì, non abbiamo avuto i cali a cui ci eravamo abituati. La squadra pur vincendo ha avuto due atteggiamenti, questa gara invece l'ha fatta con la stessa qualità e intensità, con la voglia di portare a casa il risultato"

L'altruismo di Salah?
"Momo non lo fa volontariamente quando non ha passato la palla, ci abbiamo anche scherzato. Questa sera ha servito un assist perfetto, questa sera Dzeko deve pagare una cena a Momo, è l'inverso"

Come valuta la prestazione di Dzeko?
"Stasera ci abbiamo giocato un po' di più e ha fatto meglio. E' una punta che essendo abituato all'Inghilterra, dove spesso giocano 4-4-2, è abituato a una spalla vicino. Si possono mettere anche due attaccanti orizzontali e non verticali."

Pjanic ha dato una fisionomia diversa alla squadra.
"E' corretto, è evidente. Diventa fondamentale da parte mia la valutazione che è entrato bene e quando è entrato ha fatto vedere la sua qualità. Ha qualità nello stretto, poi Perotti a sinistra salta l'uomo e porta palla. Mire invece andava sempre a cercare l'uomo: è stato fondamentale quello"

Vedremo una Roma camaleontica?
"Quando trovi una squadra che verticalizza come stasera se giochi a 3 puoi soffrire le verticalizzazioni, a 4 puoi sopperire la velocità degli avversari. A cambiare in questo calcio bisogna essere abituati. Le grandi squadre lo fanno, la Juve, il Napoli, la Fiorentina: quello che fa la differenza è questo fatto che non deve essere una cosa rigida, ma morbida e facile da interpretare. Allegri ha risistemato la squadra, che era perfetta a 5, facendola giocare a 3. Bisogna saperlo fare, stasera noi la 4 l'abbiamo fatta bene con questi terzini a spingere. Loro ogni volta che recuperavano palla la buttavano sulla bandierina e dovevamo fare 100 metri. I miei giocatori sono stati perfetti"

Ma quante cene devono a lei... Ha rianimato i giocatori?
"No, questi sono giocatori di qualità e ora cominciano a fare meglio il loro mestiere. A fine anno siamo tutti Sabatini, se non rimettiamo a posto la cosa nessuno si deve sentire tranquilli. Andranno a giocare in altre squadre, come io andrò a allenare altrove... O si rimette a posto la Roma o abbiamo fallito. Le cene non sono un problema, vivo a Trigoria e non mi fanno pagare nulla. Rimaniamo seri che tra 3 giorni c'è un'altra partita e si rischia di prendere una sveglia che ci si rimane male."

*** *** ***


SPALLETTI IN CONFERENZA STAMPA

"La chiave della partita è stato l'atteggiamento avuto nel primo tempo di una squadra che ha tentato di sfondare e un Carpi che veniva a chiudere. Nel secondo tempo il Carpi arrivava due metri più tardi. Mire nello stretto sa muovere la palla, sa fare il cambio di gioco ed è stato fondamentale. E' importante che sia entrato con la testa giusta. Per questo gli faccio i complimenti."

Questa è una Roma da terzo posto?
"Questo è quello che interessa a te. A me interessa la prestazione, se non fai la prestazione non si arriva da nessuna parte. Non conta niente parlare di classifica, sono soddisfatto della prestazione. Se mettiamo a rischio due risultati come abbiamo fatto nelle ultime due partite, di che cosa parliamo. Stasera siamo riusciti a fare la prestazione e nelle prossime partite avremo certezze in più e diventa fondamentale per arrivare in paradiso. Per noi la Champions è il paradiso."

E' una Roma da terzo posto?
""A te interessa. A me interessano le prestazioni, senza queste non si arriva da nessuna parte. Non serve parlare di classifica. Col lavoro che faccio io, se si mette a rischio il risultato come le ultime due partite, poi di cosa parli? Attraverso questa prestazione dico che avremo delle certezze in più per cercare di arrivare in paradiso. Per noi la Champions è il paradiso"."

Quanto è importante psicologicamente questa vittoria?
"E' fondamentale, anche per gli stessi calciatori, che hanno paura di non essere di quel livello li. Quando non fai risultati sei limitato anche dal punto di vista fisica, ma sull'aspetto psicologico bisogna lavorare sempre. Se si va a dire ai giocatori che bisogna rifare la preparazione è come se gli si dicesse che si può pure non giocare per due mesi. Sarebbe autolesionista un allenatore che dicesse queste cose. La corsa che ha fatto il Carpi nel primo tempo, ha agevolato il lavoro di Pjanic, ha avuto un secondo in più per pensare. E si era visto nelle partite precedenti che loro stanno bene."

Il settore ospiti strapieno?
"La nostra squadra parte dal centro del campo ed arriva in cima alla Curva Sud, non finisce dove c'è la porta. Senza quel pezzo dietro la porta ci sentiamo di meno. Abbiamo bisogno dei nostri tifosi. Dobbiamo accogliere il segnale che ci hanno mandato, spero lo capiscano."

Un passo indietro di Perotti. Dzeko?
"Se bisogna dare le pagelle io ci sto. I terzini hanno fatto lavoro di spinta e difensivo. Vainqueur ha giocato pochissimo e che stasera ha fatto un lavoro straordinario. Manolas e Rudiger hanno tenuto la squadra corta. Dzeko ha lottato, Salah ha fatto il suo, Perotti ha tecnica e corsa e gestisce nella sua zona il possesso palla. Stasera abbiamo ricevuto segnali positivi, tutti sufficenti. Al tifo spero di potergli dare la sufficienza la prossima volta."

*** *** ***


SPALLETTI A ROMA TV

Una buona prestazione.
"Una partita difficilissima, loro stanno passando un buon momento. Ci voleva una grande prestazione senza cali. L'abbiamo fatta. Abbiamo messo dentro molta qualità stasera ho visto una buona Roma, sono molto contento."

Il modulo?
"Dobbiamo sapere interpretare più modi di stare in campo, non si è più rigidi come una volta. Dobbiamo saperci adattare, è uno scivolare da un modo all'altro di giocare. Stasera ci siamo riusciti bene. Ho visto molte cose importanti fatte, è una nostra qualità."

Dzeko?
"Lui è abituato ad un gioco diverso, lo continuiamo a servire male. Stasera lo abbiamo usato anche se non benissimo e lui ci ha dato la sua risposta."

Cosa deve migliorare la Roma?
"Abbiamo fatto cose buone nello stretto, ma dobbiamo alzare il ritmo. Dovevamo evitare il gol, anche se poi abbiamo saputo reagire. Pjanic si è fatto trovare pronto, Szczesny e Vainqueur hanno giocato un'ottima partita. Sono segnali importanti."

I tifosi?
"Li aspettiamo perchè abbiamo bisogno del loro contributo, per essere al 100% abbiamo bisogno di loro."




(fonte: romaforever.it)

«
Next
Post più recente
»
Previous
Post più vecchio

Nessun commento:

Post a Comment


Top