maggio 2016 | Noi siamo la Roma

Slider[Style1]

Style2

Style3[OneLeft]

Style3[OneRight]

Style4

Style5

La Champions passa dal preliminare. Ecco le possibili avversarie

È ufficiale: per la prima volta nella sua storia, la Roma disputerà i playoff di Champions League (andata 16/17 agosto, ritorno 23/24 agosto). Uno scenario del tutto nuovo e piuttosto pericoloso per la squadra di Luciano Spalletti, che aprirà la stagione con un doppio confronto che si preannuncia difficilissimo già da ora, scorrendo le squadre che parteciperanno e che hanno ancora la possibilità di qualificarsi al percorso piazzate della fase preliminare della competizione. Dieci squadre partiranno dal terzo turno preliminare, le cinque promosse collideranno con le cinque già qualificate ai playoff che assegneranno altrettanti posti per la fase a gironi.

Tre le squadre già sicure del posto: Villarreal, Borussia Mönchengladbach e Porto, oltre alla Roma. L’ultimo spot se lo giocheranno oggi Arsenal (terzo a 68 punti), Manchester City (65 punti) e Manchester United (63 punti): ai Gunners basta non perdere con l’Aston Villa per accedere ai gironi, stesso discorso vale per i Citizens che affrontano lo Swansea per mantenere il piazzamento ai playoff, mentre lo United dovrà battere il Bournemouth e sperare in un successo dei gallesi all’Etihad. Appuntamento alle ore 16:00.

Già sicure di disputare questa fase sono Monaco, Shakhtar Donetsk, Ajax, Young Boys, Fenerbahçe, Sparta Praga e Steaua Bucarest. In Russia è ancora bagarre per il titolo a due turni dalla fine tra CSKA Mosca a 59 punti, Rostov a 57 e Zenit San Pietroburgo a 55 (chi vince va ai gironi, la seconda ai preliminari), in Belgio mancano tre partite e se la giocano Club Brugge a 47 e Anderlecht a 44, mentre in Grecia è in corso un girone a 4 con PAOK Salonicco, Panathinaikos, AEK Atene e Panionios che designerà l’ultima qualificata a questa fase della Champions League.

Con il suo 51° posto nel ranking, la Roma ha pochissime possibilità di essere una delle 5 teste di serie ai playoff. Ci saranno sicuramente 4 squadre con un piazzamento migliore (Villarreal, Porto, Borussia Mönchengladbach e chi arriverà dalla Premier League), mentre al terzo turno preliminare parteciperanno sicuramente tre squadre messe meglio in classifica (Shakhtar Donetsk, Ajax e una tra Club Brugge e Anderlecht), che potrebbero diventare quattro qualora il Rostov in Russia non mantenesse la seconda posizione (CSKA Mosca e Zenit San Pietroburgo hanno un ranking migliore): servirebbero dunque tre o addirittura quattro esiti positivi contemporaneamente per permettere ai giallorossi di partire dalla prima urna nel sorteggio.



(fonte: tuttomercatoweb.com)

Stasera l'ultima a San Siro: Le probabili formazioni di Milan-Roma

Si chiuderà a San Siro il travagliato campionato della Roma. I giallorossi affronteranno il Milan nell'ultima giornata che sancirà, molto probabilmente, il terzo posto della banda di Spalletti. Il tecnico toscano dovrà fare a meno di Keita, Vainqueur e Perotti, con Dzeko pronto a prendere il posto di quest'ultimo. Szczesny difenderà i pali della Roma mentre in difesa agiranno Florenzi, Manolas, Rüdiger e Digne. A centrocampo, De Rossi è favorito su Strootman con Pjanic e Nainggolan ai suoi fianchi, anche se il belga avanzerà poi di qualche metro per infastidire la manovra avversaria. In avanti, Salah ed El Shaarawy sono sicuri del posto mentre, in conferenza stampa, Spalletti non si è voluto sbilanciare sull'impiego di Dzeko. Qualora, clamorosamente, il bosniaco non dovesse giocare il tecnico toscano potrebbe optare per l'inserimento di Strootman a centrocampo e Pjanic sulla trequarti.

Il Milan dovrebbe confermare il modulo con il quale ha vinto per 1-0 a Bologna nell'ultima giornata, ovvero il 4-3-1-2. Donnarumma avrà di fronte una linea a 4 composta dai due ex Mexes e Romagnoli al centro, con De Sciglio a sinistra e, se recupera dai fastidi muscolari, Abate, altrimenti spazio al giovaneCalabria. A centrocampo, Montolivo in cabina di regia sarà accompagnato da Bertolacci e Kucka, mentre sulla trequarti spazio a Bonaventura, che però deve vincere il ballottaggio con Honda e Boateng. In avanti Bacca sarà affiancato da uno fra Luiz Adriano e Balotelli, con il brasiliano favorito.


Queste le probabili formazioni che scenderanno in campo questa sera a San Siro:

Milan (4-3-1-2): Donarumma; Abate, Mexes, Romagnoli A., De Sciglio; Bertolacci, Montolivo, Kucka; Bonaventura; Bacca, Adriano.  

Roma (4-3-3): Szczesny; Florenzi, Manolas, Rüdiger, Digne; Pjanic, De Rossi, Nainggolan; Salah, Dzeko, El Shaarawy.

Diretta tv Sky e Premium Calcio ore 20.45.



(fonte: tuttomercatoweb.com)

Roma-Chievo alle 12.30: Ancora Strootman, torna Pjanic! Le probabili formazioni

La Seria A è ormai vicina all'ultima curva. Il campionato italiano e pronto a chiudere i battenti, non prima di aver definito gli ultimi verdetti ancora in bilico. La corsa per il secondo posto è ancora aperta, ed uno dei match cruciali di questa giornata di campionato vedrà proprio la Roma di Spalletti giocarsi il secondo posto contro il Chievo di Maran, nell'anticipo delle 12.30. Per i giallorossi la sfida è decisamente importante, ed i tre punti sono necessari per tenere ancora il fiato sul collo del Napoli. Di contro, c'è un Chievo salvo e decisamente rilassato rispetto agli avversari capitolini. Di certo, la squadra di Maran non regalerà punti, come dimostrato anche nello scorso match casalingo contro la Fiorentina, terminato sullo 0-0. 

I giallorossi arrivano dalla rocambolesca vittoria di Marassi contro il Genoa, ed il Napoli è ancora lì a soli due punti. È chiaro che il match di oggi diventa fondamentale per Spalletti ed i suoi, nella speranza di rimanere sulla scia azzurra e tenere aperte le possibilità fino all'ultima giornata. Spalletti dovrebbe poter contare sulla miglior formazione, dopo il ritorno in gruppo di Florenzi, che sarà quindi disponibile contro il Chievo. Non ci sarà invece Keita, che non compare nella lista dei convocati. Sono due i dubbi per l'allenatore toscano: il primo riguarda il centrocampo, dove De Rossi e Strootman si giocano una maglia da titolare, con quest'ultimo favorito; mentre in avanti il solito enigma Dzeko, con il bosniaco che dovrebbe partire dalla panchina, anche se c'è un Perotti che potrebbe rifiatare. Spazio, quindi, al consueto 4-3-3 con Szczesny tra i pali, difesa composta da Florenzi, Manolas, Rudiger e Digne. A centrocampo confermati Nainggolan e Pjanic, con Strootman che potrebbe completare il trio. Tridente offensivo che dovrebbe essere composto da Salah, El Shaarawy e l'incognita Perotti. COME 

I clivensi sono ormai salvi, ma è chiaro che Maran ed i suoi cercheranno di onorare il campionato fino alle fine. Diversi i problemi per l'allenatore gialloblu, che dovrà fare a meno di alcuni elementi. Oltre ai lungodegenti Frey, Izco e Dainelli, anche Birsa si è fermato ed è probabile che la stagione dello sloveno sia terminata. Non sarà del match nemmeno Pepe, che non compare nella lista dei convocati. Chievo che dovrebbe partire con il 4-3-1-2 di Maran con Bizzarri in porta, difesa a quattro formata da Cacciatore, Gamberini, Cesar e Gobbi. Centrocampo a tre che vedrà componenti Rigoni, Radovanovic ed Hetemaj. A prendere il posto di Birsa sulla trequarti dovrebbe esserci Castro, con Floro Flores-Inglese come coppia d'attacco più accreditata.


Ecco le probabili formazioni che scenderanno in campo alle 12.30 allo Stadio Olimpico:

ROMA (4-3-3): Szczesny; Florenzi, Manolas, Rudiger, Digne; Strootman, Nainggolan, Pjanic; Salah, Perotti, El Shaarawy. 
Allenatore: Luciano Spalletti 

CHIEVO (4-3-1-2): Bizzarri; Cacciatore, Gamberini, Cesar, Gobbi; Rigoni, Radovanovic, Hetemaj; Castro; Floro Flores, Inglese. 
Allenatore: Rolando Maran

Diretta tv Sky Calcio e Premium Calcio ore 12.30.



(fonte: tuttomercatoweb.com)

Alle 19 Genoa-Roma: Torna Strootman dal 1'. Le probabili formazioni

Pochi i dubbi di Luciano Spalletti per gli undici che affronteranno domani il Genoa a Marassi. Out Florenzi, Iago Falque e Pjanic, il tecnico toscano riproporrà Maicon sulla fascia destra con Digne sulla sinistra. Manolas e Rüdiger proteggeranno la porta difesa da Szczesny mentre, a centrocampo, sarà Strootman a prendere il posto di Miralem Pjanic, squalificato. Lo ha annunciato direttamente Luciano Spalletti in conferenza stampa e sarà importante verificare i progressi dell'olandese, soprattutto in vista della prossima stagione. Keita non sta benissimo ma è stato comunque convocato anche se, probabilmente, dovrà lasciare il posto a De Rossi. Nainggolan completerà il reparto con il tridente leggero formato da Salah, Perotti ed El Shaarawy. Ancora pachina, quindi, per Edin Dzeko: “Ho già detto quello che gli dovevo dire, deve essere bravo a sfruttare quello che gli viene messo a disposizione”, ha sentenziato Spalletti in conferenza stampa.

I liguri si presentano alla sfida contro la Roma con le assenze di Perin e Pandev ma la tranquillità di una salvezza raggiunta. Per questo motivo è probabile che Gasperini preservi diversi diffidati quali De Maio, Ansaldi e Gabriel Silva, in vista della prossima gara dove ci sarà il Derby della Lanterna. In porta dunque Lamanna coperto da una difesa a 3 composta dall'ex Burdisso centrale, Munoz a destra e Izzo a sinistra. A centrocampo larghi giocheranno Fiamozzi a destra e Laxalt a sinistra, mentre al centro ci sarà Dzemali accompagnato da Rincon e Luca Rigoni. In attacco Suso, favorito su Cerci, agirà al fianco di Pavoletti.


Queste le probabili formazioni che scenderanno in campo questa sera alo stadio Ferraris di Genova:

GENOA (3-5-2): Lamanna; Munoz, Burdisso, Izzo; Fiamozzi, Rincon, Dzemaili, Rigoni, Laxalt; Suso, Pavoletti.

ROMA (4-3-3): Szczesny; Maicon, Manolas, Rüdiger, Digne; Nainggolan, De Rossi, Strootman; Salah, Perotti, El Shaarawy.



(fonte: tuttomercatoweb.com)

Spalletti: "Strootman titolare con il Genoa"

Alla vigilia della gara col Genoa, Spalletti annuncia la presenza di Strootman ("Domani partirà titolare") e mette in guardia la sua squadra: "Sarà difficile, ma vogliamo vincere e sarebbe un grandissimo risultato. Non vogliamo concedere nulla, andiamo lì convinti delle nostre intenzioni". Sul futuro di Totti: "Francesco lo alleno e lo allenerò volentieri, ma è una cosa che riguarda lui e la società, io faccio l'allenatore".

Spalletti non si fida del Genoa: "Al di là dei numeri, tutti sanno che lavoro sta facendo Gasperini. Tutti gli anni dal Genoa escono grandissimi calciatori, lui ha un metodo particolare e la mette sul piano della battaglia. A Marassi riescono sempre a dare il meglio di loro stessi, per cui sarà una partita molto difficile. Dzeko più altri tre giocatori offensivi? Quando metto una squadra in campo la penso offensiva, non penso a un numero di giocatori offensivi. Chiunque di noi può andare oltre le linee avversarie. A Dzeko ho già detto quello che dovevo dire, ora sta a lui sfruttare le occasioni. Lui deve stare tranquillo e farsi trovare pronto, ci deve far vedere le sue qualità". Il tecnico fa poi il punto sugli infortunati: "Florenzi al 90% non ci sarà domani, il problema al flessore non è passato. Il problema muscolare di Iago Falque non migliora e forse non ci sarà, mentre Keita è da valutare come Torosidis. Uçan ha avuto una infezione alle vie respiratorie ma ora sta bene. Gyomber ci sarà".

La Juve ha qualcosa in più, ma il gap non è così grande: "Noi abbiamo fatto grandi cose in questo campionato, con grandi numeri e buone giocate, abbiamo fatto vedere che abbiamo una buona difesa e ottimi calciatori. La Juve è più lavorata su tutto, è migliorata anno dopo anno, mettendoci sempre qualche campione in più dentro. Noi dobbiamo trovare il nostro equilibrio, ogni tanto ci manca il carattere, ogni tanto la forza, ma sopperiamo a tutto con la voglia e la qualità. Possiamo migliorare ma siamo già a buon punto. In alcune partite è mancato carattere o la forza, ma con convinzione e qualità riusciremo a sopperire a tutto. I miei calciatori hanno dimostrato di essere dei professionisti, corretti e attaccati alla maglia. Non sono distratti dalle voci di mercato e vogliono raggiungere traguardi con la Roma. Si va avanti per queste tre partite e poi si vedrà, si apriranno nuovi scenari e vedremo".



(fonte: sportmediaset.mediaset.it)

Top